Tanta passione per un lavoro che non annoia mai

Pubblicato il: 29 ottobre 2019

Tanta passione per un lavoro che non annoia mai

Intervista a Riccardo titolare de il Postaccio a Bari

Un giovane determinato e intraprendente, Riccardo, gestore de Il Postaccio a Bari, anche se molto giovane, è molto determinato e preparato con una grande passione per il suo lavoro e tanta esperienza dato che da sempre ha fatto il mestiere del barman. 
Da qualche hanno ha realizzato la sua idea di american bar nella nuova zona di Poggiofranco a Bari dando vita a Il Postaccio. Cicchetteria, Rummeria e American Bar, è un bel locale accogliente ed essenziale, ma molto funzionale. Qui si possono gustare oltre 50 tipi di cicchetti di invenzione propria, e tanti altri ottimi cocktail e distillati oltre a birra in bottiglia e bibite.


Come descriveresti il tuo locale in poche parole?
Diverso, anticonvenzionale, basato sulla mia idea di american bar che si sposa con le tendenze del periodo in quanto facciamo numerosi corsi di aggiornamento per stare al passo con mode e tendenze.

Cosa ti rende orgoglioso di Postaccio?
Il fatto che  la gente viene qui per bere tutte le sere non perchè ci sia un evento speciale o una serata organizzata o altro ma solo perchè gli piace quello che proponiamo.


Qual'è il vostro cavallo di battaglia?
I nostri cicchetti coloratissimi ai vari gusti, dai più classici ai più originali fino ai nuovissimi "molecolari".
La cicchetteria in particolare è una mia passione che mi spinge ad inventare sempre cose nuove.

Qual è la cosa più bella di questo lavoro?
Il fatto che una serata non è mai come un'altra, ogni giorno apro il locale e inizio a lavorare e non so cosa può succedere, nel senso migliore della accezione, sicuramente non potrei mai dire che è un lavoro noioso o monotono.

Se ti dicessi di sorprendermi cosa mi proporresti?
Come drink il Jin Fresh, un cocktail di mia invenzione che è in sostanza una variante del Moscow Mule (che si può definire il cocktail del momento) con il basilico al posto del cetriolo e il Gin al posto della vodka.


Cosa porta la gente a venire da Postaccio?
Sicuramente il fatto che siamo sempre pronti a soddisfare il desiderio di novità, da noi infatti la gente trova sempre scelte diverse per bere e tutto ciò che è nuovo e si rinnova incuriosisce sempre.

Qual è stato il tuo percorso professionale e cosa facevi prima del Postaccio?
Ho sempre fatto il barman lavorando per molti hotel, discoteche, american bar e pub in giro per la Puglia e in tutta Italia.


Qual è il tuo cocktail preferito della vostra drink list?
Una variante dell'Americano con il Beermouth al posto del Vermout, Campari bitter e Grappa al cedro al posto del gin. Assolutamente consigliato e da provare.

Cosa consiglieresti ai giovani che come te che vogliono intraprendere questo mestiere?
Di fare ricerca, studiare, prepararsi al meglio e differenzarsi, quest'ultimo è un elemento fondamentale per poter avere qualche bella soddisfazione.

  • GLI ADDETTI AI LAVORI

scritto da:

Tony Colella

Da grande volevo fare il giornalista, la musica a fiumi nel sangue come nutrimento, shopping compulsivo in libreria e relax tra le vetrine del centro... per chiudere la serata tra aperitivi e dj-set alla ricerca di un angolo dove sorseggiare buon vino, confondersi tra i sorrisi delle persone ed un nuovo sound da amare.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Le risto-pescherie da non perdere in Italia. Ovvero, quando il pesce va direttamente dal banco alla tavola

Non solo una pescheria, non del tutto un ristorante, ma tutte e due le cose insieme.

LEGGI.
×