Autunno non mi avrai: 5+1 trattorie fiorentine per le ultime cene con tetto stellato

Pubblicato il: 10 settembre 2019

Autunno non mi avrai: 5+1 trattorie fiorentine per le ultime cene con tetto stellato

Com'è possibile prolungare i piaceri dell'estate al rientro in città? Cenando all’aperto in una trattoria fiorentina con dehor e tavolini all’aperto. Qui, quartiere per quartiere, la mappa dei miei locali preferiti per una cena al fresco in città, come in vacanza.

Quella a San Frediano


Un ambiente unico, arredato con mobili, lampadari, quadri e accessori di antiquariato o provenienti da paesi lontani, conferisce calore alla Trattoria Napoleone che d’estate accoglie i commensali in uno spazioso dehor. La proposta si basa sulla cucina toscana e italiana che viene rivisitata con creatività ma senza stranezze. La specialità? Il tartufo a cui viene dedicato un intero menu: dai taglierini alle uova sino ai sughi classici (carbonara, ragù di cinghiale, ecc.) tartufati, per poi arrivare alla carne: tartare, filetti e tagliate con tartufo fresco. Per chi desidera, disponibile anche la pizza.
Trattoria Napoleone, piazza del Carmine, 24, Firenze. 055 281015

Quella a Porta al Prato


Una storica trattoria toscana che rivisita le classiche pietanze locali con un occhio di riguardo per vegetariani e celiaci è La Carabaccia. Dall’antipasto al dolce, passando per le zuppe, i primi e i secondi di pesce e di carne, le specialità rimangono la tagliata e la bistecca alla fiorentina (accompagnate da fagioli o patate) e la pizza sottile. Se sei in famiglia, chiedi un seggiolone per far accomodare i più piccini. 
La Carabaccia, via Palazzuolo 190 R, Via Il Prato, 36 R, Firenze.  055 214782

Quella al Duomo


Il dehor del Pallottino consente di gustare la cucina tipica fiorentina da oltre un secolo in un’atmosfera familiare: dalla ribollita alla pappa al pomodoro per iniziare, sino al peposo, al fritto toscano, alla trippa e alla classica bistecca alla fiorentina. Il tutto accompagnato da vini del territorio, Chianti classico in primis. Non solo fiorentini e turisti ma anche artisti in scena al vicino Teatro Verdi cenano spesso al Pallottino. Manchi solo tu.
Dal Pallottino, via Isola delle Stinche, 1 R, Firenze. 055 2608887

Quella al Ponte Vecchio


In un luogo strategico di fronte al Ponte Vecchio, come dice il nome, la trattoria Buca Poldo è interrata come le buche storiche fiorentine. Ma il dehor esterno rende possibile gustare i classici della tradizione all’aria aperta con la bistecca alla fiorentina abbinata ai vini toscani. Il menu varia frequentemente e propone pasta fresca fatta in casa (ravioli, paccheri, pici) seguiti da ‘ciccia’ in tutte le salse: dall’ossobuco alla fiorentina al tonno del chianti. Buca Poldo è il locale dove portare amici di passaggio a Firenze ma in cui il fiorentino ama sempre tornare.
Buca Poldo, via Chiasso degli Armagnati 2 R, Firenze. 055 2396578

Quella a Sant'Ambrogio


Il rilassante dehor della trattoria Cesarino consente di gustare, a pranzo e a cena, le proposte del giorno in modo rilassato e informale. Antipasti misti di verdure, pesce e carne, zuppe e primi (tra cui gnocchi e cannelloni fatti a mano) e tanta carne (dalla tagliata alla bistecca al fegato), ma anche pesce di giornata viene cucinato come a casa. Per chi vuole rimanere leggero, perfetti i taglieri di salumi e formaggi locali serviti con un sorriso e una chiacchiera, rivolta sia ai clienti affezionati sia ai nuovi.
Trattoria Cesarino, via Giovan Battista Niccolini, 16, Firenze. 055 2479169

Quella di Fiesole


Che bello sfuggire all’afa cittadina andando a Fiesole. Se poi ci si siede in piazza, ad uno dei tavolini di Vinandro, con un bel bicchiere di vino rosso in mano e un tagliere di formaggi e salumi, la vita scorre ancor meglio. La cena può proseguire a lume di candela con una ricca zuppa toscana (pappa al pomodoro o ribollita), un primo di pasta fresca, un secondo di carne (tagliata o bistecca alla fiorentina) o trippa/lampredotto. Rapporto qualità-prezzo favorevole.
Vinandro, piazza Mino da Fiesole, 33, Fiesole.  055 59121

Foto di copertina fornita dalla Trattoria Napoleone

  • MANGIARE ALL'APERTO
  • VITA DI QUARTIERE

scritto da:

Laura De Benedetto

La sua comfort zone è il moto perpetuo. Lavora in luoghi dinamici a progetti innovativi con gente sorprendente. Il suo core business? Creare relazioni e sinergie tra le persone. Amava Milano e, adesso, ama Firenze, città natale di suo figlio. Negata in cucina, apprezza chef e locali emergenti.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Le migliori Osterie d'Italia, i premiati tra piatti della tradizione e osti che la sanno lunga

Le menzioni della Guida alle Osterie d'Italia 2020 di Slow Food, giunta all'edizione numero trenta (e sempre fonte affidabilissima).

LEGGI.
×