L'arte nel piatto: i locali del food design da non perdere a Firenze

Pubblicato il: 22 maggio

L'arte nel piatto: i locali del food design da non perdere a Firenze

Si scrive food design, si legge l'arte nel piatto. Oggi l'impiattamento ha un ruolo tutt'altro che banale per il successo di un locale. La capacità dello chef di presentare la sua cucina con eleganza fa la differenza, non solo nella vita di tutti i giorni ma soprattutto sui social. A Firenze, dove l'arte è da sempre di casa, l'attenzione riservata all'estetica dei piatti è altissima, al punto che qualcuno è arrivato ad appenderli alle pareti come quadri tanto sono belli da vedere, ma soprattutto buoni da gustare. Ecco i locali dove il food design la fa da padrone a Firenze.

Lo stile in giro per il mondo

Un giro del mondo ad arte restando seduti comodamente a tavola. Merito di Cuculia e dei piatti gourmet dello chef Oliver Betancourt, venezuelano d'origine ma cittadino del mondo a fronte delle sue esperienze cosmopolite. Ha lavorato in Francia e in Spagna prima di trasferirsi a Firenze dove con la moglie Roberta Del Prete ha aperto questo accogliente ristorante libreria in Oltrarno. I piatti sfoggiano uno stile contemporaneo dove è il colore protagonista

Una cucina alla moda

La messicana Karime Lopez è la chef di Gucci Osteria by Massimo Bottura. Se non bastasse lavorare nel ristorante del celebre marchio di moda ad ispirare la sua cucina, la Lopez ha studi d'arte a Parigi. Il risultato sono piatti esteticamente perfetti, esaltati dall'esclusivo servizio di porcellana Richard Ginori del ristorante e influenzati dal tocco geniale di Massimo Bottura. Sedersi al tavolo di Gucci Osteria significa sentirsi cittadini del mondo senza rinunciare mai a quel tocco glam che fa la differenza.

Lo stile essenziale

Pochi tavoli per un ristorante di charme all'interno di un'antica torre: il Sant'Elisabetta ha fatto dello stile essenziale la cifra stilistica dei suoi piatti. Merito dello chef Rocco De Santis, attento a soddisfare e conquistare tutti e cinque i sensi. Una proposta creativa che cattura al primo sguardo.

Un ristorante artistico

Un ristorante all'interno di una storica villa, oggi museo. L'arte è nel dna della Leggenda dei frati. Per un locale che vive ogni giorno a contatto con la bellezza, l'aspetto artistico riveste un ruolo centrale, senza per questo rinunciare al gusto grazie alla mano felice dello chef Filippo Saporito

Lo stile essenziale

Un locale che sceglie di chiamarsi Essenziale ha già fatto una precisa scelta di campo, anche quando si parla di impiattamento. Lo chef Simone Cipriani, rispetto ai suoi colleghi, ha però una marcia in più: già alla fine del 2015 aveva immaginato una Lasagna 2.0, da mangiare e volendo appendere. Qui l'arte non solo era nel piatto ma poteva venire esposta come in una galleria contemporanea. Da allora nel suo ristorante in Oltrarno ha fatto passi da gigante.

Lo stile creativo

Tradizione e creatività sotto lo stesso tetto nel ristorante Ora d'aria dello chef Marco Stabile. La cucina toscana si rinnova di volta in volta per la capacità dello chef di utilizzare materie prime sempre nuove: dalla birra alle tisane, dall'oro edibile al tartufo. Con risultati esteticamente ineccepibili.

Uno stile tutto nuovo

E' arrivato da poco a Firenze ma ha subito impressione per lo stile dei suoi piatti. L'esordio di Gianluca Renzi da Locale è nato sotto una buona stella. Il giovane chef, dopo un decennio fianco a fianco al maestro Heinz Beck, propone la sua cucina creativa all'esigente pubblico fiorentino regalando piatti da incorniciare, è proprio il caso di dire. Il food pairing con i cocktail del bartender Matteo Di Ienno è l'arma in più.

Lo stile da sogno

Una cucina stellata impreziosita dal tocco magico di Valeria Piccini, chef del ristorante da Caino a Montemerano, e dall'eleganza dell'executive chef del ristorante Gentian Shehi. Al St Regis si trova una cucina che fa sognare, sotto tutti i punti di vista. Alla perfezione del piatto si aggiunge il sapore irresistibile della nostalgia, sia nei piatti d'impronta più maremmana (un omaggio alle origini della Piccini) che in quelli d'ispirazione pugliese per ricordare i trascorsi di Shehi al Sud.

Lo stile regionale

Lo chef Vito Mollica, fin dal suo arrivo a Il Palagio una decina di anni fa, non ha mai nascosto il fatto che l'arte è motivo d'ispirazione per lui, ogni giorno. La sua cucina, da sempre caratterizzata dalle specialità regionali, è nel segno dell'eccellenza e dello stile anche nel piatto.

Lo stile colorato

Come una tavolozza di colori: da Gurdulù, soprattutto i piatti a base di verdure, catturano subito per le tonalità brillanti e vivaci. Lo chef Gabriele Andreoni pone grande attenzione in ogni piatto, anche in quelli apparentemente più facili, alla presentazione: a dimostrazione che si può ottenere il massimo risultato anche con gli ingredienti più semplici.

(foto di copertina dalla pagina Facebook di Cuculia)
Se questo articolo ti è stato utile iscriviti alla newsletter di 2night per rimanere sempre aggiornato sui locali della tua città

  • TENDENZE FOODIES
  • CENA
  • PRANZO

scritto da:

Raffaella Galamini

Sono nata a Viterbo ma Firenze con i suoi tramonti mi ha conquistato: da 15 anni abito in riva all’Arno. Qui scrivo, mangio, corro e scopro posti nuovi, non rigorosamente in quest’ordine. Il mio passatempo preferito è consigliare agli amici un ristorante da provare a cena o cosa fare nel week-end.

IN QUESTO ARTICOLO
  • La Leggenda dei Frati a Villa Bardini

    Costa San Giorgio 6/A, Firenze (FI)

  • Cuculia Ristorante

    Via De Serragli 3r, Firenze (FI)

  • Il Palagio

    Borgo Pinti 99, Firenze (FI)

  • Ristorante Santa Elisabetta

    Piazza Santa Elisabetta 3, Firenze (FI)

  • Locale

    Via Delle Seggiole 12, Firenze (FI)

  • Gurdulù

    Via Delle Caldaie 12 R, Firenze (FI)

  • Essenziale

    Piazza Di Cestello 3 R, Firenze (FI)

  • Locale Firenze

    Via Delle Seggiole 12, Firenze (FI)

  • Gucci osteria da massimo bottura

    Piazza Della Signoria 10, Firenze (FI)

  • Ora D'Aria

    Via Dei Georgofili 11/R, Firenze (FI)

  • St Regis

    Piazza Ognissanti 1, Firenze (FI)

POTREBBE INTERESSARTI:

Per design addicted: ristoranti belli dove tutti vogliono cenare (e farsi fotografare)

La raffinatezza degli interni e la struttura stessa fanno da cornice a pietanze e cocktail.

LEGGI.
×