Sei un veneto all'estero se...non ordini mai lo spritz (e altre 5 cose imbarazzanti).

Pubblicato il: 8 gennaio 2017

Sei un veneto all'estero se...non ordini mai lo spritz (e altre 5 cose imbarazzanti).

Io gli italiani all'estero li individuo subito, illudendomi ogni volta di sembrare una perfetta cittadina autoctona nonostante la piantina che scruto con l'aria di chi sa che vagherà a caso.

Devo dire che ho buon occhio anche per i veneti, soprattutto rispetto alle loro abitudini alimentari: sono facili da riconoscere al ristorante mentre arricciano il naso dopo un sorso di vino che non conoscono, lungo le vie del centro a procacciarsi del cibo quando è troppo tardi, e mentre lanciano nella spazzatura un bicchiero di caffè americano quasi pieno perchè "Ah, no, mi no ghea fasso più eh". 


Sei un vero veneto all'estero se...

Esci alle 22 in cerca di cibo e resti a digiuno

A me è successo praticamente sempre (Spagna esclusa): torni in appartamento dopo il tuor de force cittadino non prima delle 19, ti fai una doccia, ti prepari, scandagli tutti i ristoranti tipici consigliati dalla guida ed esci vorace come un diavolo della tasmania. Risultato: le cucine dei ristoranti sono tutte chiuse e ti ritrovi con un falafel in mano. Anzi due, perchè ormai si è fatta mezzanotte..

Non ordini mai e poi mai uno spritz

Ma questo vale anche per il resto delle regioni d'Italia. Quante volte hai strabuzzato gli occhi di fronte al listino del bar di turno che abbinava alla scritta "spritz" il numero "6"? Che poi, diciamocelo chiaro, non lo sanno nemmeno fare bene ed esiste solo l'Aperol. Pivelli. 

Ti arrabbi perchè nei ristoranti italiani fanno solo la carbonara

Perchè da Bella Italia o Zio Nino non ci sono le sarde in saor? Perchè non c'è il baccalà alla Vicentina? Perchè nessun danese conosce la pearà? E soprattutto, cosa ti stai perdendo, mondo, senza i cicchetti alla veneta? La vita con i crostini, i tramezzini e le polepettine è più felice. Non ci vuole mica un veneto per capirlo, o sì?

Esci dal pub con il bicchiere e ti becchi la multa

Non sei davvero veneto se non fai bagolo. Peccato che in molte città europee, il tipico bagolo da aperitivo-serata in campiello sia assolutamente vietato: non si può bere la consumazione all'entrata del locale. Una vera tortura per noi veneti, campioni mondiali del bagolo all'aperto. 

Ti porti la moka del caffè da casa

Il caffè migliore è quello napoletano, ma pure noi veneti ci teniamo parecchio. Ci piace al bar, bevuto in piedi con la pastina o la brioche, appena prima di andare al lavoro. Come la mettiamo con la brodaglia allungata che spacciano per caffè? Ma soprattutto, come si fa a bere il caffè camminando da un bicchierone di cartone? Ecco, sono proprio strani quelli lì. 

Assaggi i vini locali solo per sparare a zero

Veneto, incredibile terra di vini. Veneti, incredibili intenditori (diciamo così) affezionati più che mai a prosecco, valpolicella & co. Ammettilo, anche tu, messo di fronte a un vino estero, magari anche buono, non puoi fare a meno di criticarlo aspramente. Se poi è un bianco frizzante si salvi chi può.

Per restare sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita di 2night.

 

  • MAGAZINE

scritto da:

Martina Tallon

Amo mangiare ma sono sempre a dieta, non riesco mai a stare ferma anche se alla guida sono un pericolo, adoro andare per locali però sono un po' tirchia. Le contraddizioni sono il mio pane quotidiano: mai prendersi troppo sul serio.

POTREBBE INTERESSARTI:

Cantine aperte a Natale 2019: tutti gli eventi regione per regione. Per veri winelovers, ma non solo

In programma mercatini, degustazioni, caccia al tesoro tra le botti... e molto altro.

LEGGI.
×