Organizzare una serata con gli amici è una delle sfide più ardue che, annualmente, mi tocca affrontare: dalla banale rimpatriata in pizzeria al più atteso Capodanno, indovina chi ha il compito di mettere d’accordo tutti? Io. Gruppi Whatsapp che aumentano, telefono che vibra in continuazione a causa delle notifiche, messaggi audio interminabili, pensieri discordanti, esigenze diverse e ottantaquattro teste che ragionano ognuna per conto suo farebbero uscire pazzo chiunque, figurati me che di pazienza ne ho poca. E, dato che oltre alla poca pazienza ho tanti altri pregi, come la maniacalità, l’organizzazione eccessiva, la puntigliosità e la cocciutaggine, il Ferragosto quest’anno lo organizzo (democraticamente) io, senza lasciare che le opinioni altrui ostacolino o influenzino il mio piano. Chi mi ama mi seguirà, e chi mi starà alla larga si guadagnerà tutta la mia sincera stima.

L’aperitivo

Agosto è un mese che amo quando ho la possibilità di partire ed andare in vacanza e che odio quando sono costretta, a causa di forze maggiori, a rimanere in città. Avrai già capito, dal mio mood, qual è il sentimento a prevalere quest’anno. Ma non preoccuparti, perché non ho intenzione di deprimermi. Anzi, a Ferragosto voglio trattarmi bene e fare, almeno per qualche ora, la bella vita che sognavo di fare in qualche spiaggia della mia Sicilia. Inizio quindi con un rilassante aperitivo in uno dei miei luoghi preferiti, perché la serata si prospetta lunga e stancante: superata la maggiore età è un tutto un tracollo. La Ménagère è un ristorante, bistrot e cocktail bar di cui mi sono innamorata prima per l’aspetto, e poi per la proposta: questo luogo non convenzionale, familiare, dai colori tenui, arredato con piante ed elementi di recupero è diventato il mio rifugio in caso di malumore. Non avrò davanti una vista blu-infinito, ma una vista piante, luci e cocktail mi sembra una valida alternativa. E a te?
La Ménagère - via de' Ginori, 8 - Firenze - 055 075 0600

La cena

Dopo un lungo aperitivo la fame si fa sentire, e l’unica motivazione che mi spinge ad allontanarmi dal mio bicchiere ormai vuoto è la cena a base di pesce che ho prenotato ai 7 Scogli. Te l’ho detto che mi sarei trattata bene, e poi sulla cena a base di pesce sono tutti d’accordo. Nei pressi di piazza Leopoldo, 7 Scogli è un ristorantino in cui il mare si respira già all’ingresso, grazie all’arredamento giocato sui toni dell’azzurro. Il menu propone i piatti della tradizione mediterranea e, soprattutto, siciliana: ora hai capito perché ho prenotato qui? In occasione del Ferragosto il locale ha pensato ad un menu alla carta, dando così agli ospiti la possibilità di scegliere i piatti che più si preferiscono. Sentirsi in Sicilia rimanendo a Firenze qui si può, specialmente grazie ai piatti a base di pistacchio: capesante gratinate al pistacchio, tagliolini freschi con cozze, fasolari e pesto di pistacchi e il tonno in crosta di pistacchi saranno la mia scelta. E la scelta di tutti. Vabbè dai, almeno cosa mangiare lo lascio scegliere a loro.
7 Scogli - via Piero Cironi, 4 - Firenze - 055 496225

Lo show

Ma il Ferragosto può finire mai con una cena, seppur a base di pesce? No, la pancia sarà sicuramente piena ma la serata continua quindi su raga, sbrigatevi a mangiare che abbiamo una tabella di marcia da rispettare. Mi sarebbe piaciuto fare una sorpresa ai miei stupendi amici, sempre che io ne abbia ancora dopo aver affermato la mia dittatura. Ma non sono brava a mantenere i segreti, e la loro curiosità non aiuterebbe la mia bocca a restare chiusa. Dopo cena si fa serata all’aria aperta: il Giardino dell’ArteCultura, punto di riferimento per fiorentini e non, ogni anno propone ad agosto un ampio programma di eventi. Il 15 agosto è previsto un originale show jazz, swing e fusion con Roy Binder Galuppi, Corrado Cerbara e Leonardo Antonini. Ci mettiamo pure una birra fresca, e attendiamo con ansia e ascoltando musica i fuochi delle 22.45.
Giardino dell'ArteCultura - via Vittorio Emanuele II, 4 - Firenze -  389 833 0188

E dopo? Ti starai chiedendo. Ma non posso pensare proprio a tutto e, per la felicità di chi sarà con me, il resto della serata lo lascio al caso.

Foto di copertina di Cristian Santinon da Flickr (CC)

  • FERRAGOSTO
  • VACANZE IN CITTÀ

scritto da:

Irene Paladino

Romantica e testarda. Amo il cibo e gli spritz, specialmente se in piazza con un'allegra e pazza compagnia. Libri, gatti e il mare della Sicilia sono gli ingredienti della mia felicità.

POTREBBE INTERESSARTI:

10 malghe e rifugi gourmet: mangiare bene, e tanto, in alta quota

Quando scatta quella pazza voglia di raclette, yogurt di malga con i frutti di bosco e vinello dolce.

LEGGI.
×