Vieni a mangiare in Puglia (stando a Roma): scopri Matò

Pubblicato il 20 luglio 2021 alle 12:00

Trovare una persona che non lo conosce è ormai un miraggio. Matò Street Food a Roma è diventato ormai un'istituzione e rappresenta una regione intera: la Puglia. Matò simboleggia il cibo da strada pugliese per eccellenza e da diverso tempo ormai si è consolidato come uno degli street food più rinomati a livello nazionale. Il merito senza dubbio è di Mirco Di Iacovo e dei suoi soci, che ogni giorno condannano centinaia di persone ad aumentare di una taglia il proprio guardaroba.

La Puglia in tutto il suo splendore

Spiagge dorate, clima tropicale, borghi meravigliosi e un cibo che non conosce rivali. La Puglia è una regione meravigliosa e Mirco e i suoi soci non fanno che rendergli giustizia ogni giorno replicando la focaccia barese, la puccia salentina, i panzerotti fritti, i taralli ma anche tanti dolci come il sublime pasticciotto. Tutto viene preparato ogni giorno con ingredienti provenienti dai piccoli produttori pugliesi (farina, olio, formaggi e verdure).

Matò, storia di un successo inaspettato

La storia della nascita di Matò è davvero singolare. Mirco Di Iacovo, dal 2000, era proprietario di una pizzeria al taglio in Via XX Settembre 41, proprio davanti al Ministero del Tesoro. Amante della pizza al taglio, apre anche una Scuola per Pizzaioli (Scuola Pizzaioli Italiana) e insegna a molti ragazzi a fare la pizza. Un bel giorno arriva un barese, Vito Meliota, che era fissato con la focaccia pugliese e aveva un locale alle spalle di Via XX Settembre. Mirco decide di scendere in Puglia con lui per imparare i segreti della focaccia barese: lavorando in diversi forni, impara come impastare e come far uscire dal forno un prodotto eccellente.

Tornato a Roma, decide di creare un impasto personalizzato a 24 ore di maturazione per puccia, panzerotto e focaccia e (assieme a Vito) avvia il primo Matò a Piazza Bologna, I riscontri furono così incredibili che il nome iniziò a circolare in maniera vertiginosa nella capitale. Mirco decise così di trasformare la sua pizzeria al taglio in Via XX Settembre nel secondo Matò di Roma inserendo anche il bar con il caffè pugliese.

L'ascesa è inarrestabile: il fratello, il commercialista, amici e altri investitori decidono di finanziare un altro punto vendita in Viale Eritrea (quartiere Trieste). Nel mentre, Vito decide di uscire dal giro e lascia a Mirco la gestione (condivisa con gli altri soci Rocco, Claudio e Antonio) dei tre punti vendita. 

Tutti e tre i punti vendita (Piazza Bologna, Viale Eritrea e Via XX Settembre) crescono giorno dopo giorno e trasformano Matò in uno dei più rinomati street food della capitale. Fiore all'occhiello di questo progetto è la focaccia, una delle più buone mai mangiate a Roma. Lo stesso di può dire per i panzerotti, che ti esplodono in bocca e ti proiettano in un iperuranio di gusto. Verso metà settembre, Mirco e i soci apriranno anche il quarto punto vendita a Piazza Irnerio 23. Per far sì che tutti i punti vendita siano riforniti di prodotti identici, Mirco e i soci hanno deciso di dar vita a un laboratorio che fa focacce, pucce, panzerotti, pasticciotti e tutti i dolci del locale.

Una focaccia da urlo

Da Matò puoi provare anche tu finalmente a Roma la bontà e la leggerezza della vera focaccia barese, preparata con farina di patate, morbida e digeribilissima, qui disponibile in versione tradizionale con pomodori e rosmarino, ma anche in tanti altri gusti. Da non perdere l’impasto con farina di curcuma, burrata di Andria, pomodori e cime di rapa.

Il panzerotto, the King of Puglia

Ma il vero protagonista di Matò è senza dubbio lui, il panzerotto fritto pugliese, anche lui disponibile in versione tradizionale con mozzarella e pomodoro e in tante altre varianti in corso d’opera, tutte squisite, salate ma anche dolci. Tra le nostre preferite senza dubbio quella con mortadella e provolone, ma anche il vegano con crema di ceci.

Puccia, che passione

Da Matò puoi assaggiare anche l’originale Puccia Salentina, quasi introvabile nella Capitale. Anche qui puoi sbizzarrirti a provare tutte le versioni disponibili nel menu, anche se forse quella con il Capocollo dop di Martina Franca per noi vince per distacco in quanto a bontà.

I rustici

Non poteva mancare in menù anche il tradizionale rustico pugliese, fatto con una sfoglia leggera e delicata da farcire in decine di modi diversi. Il nostro preferito? Senza dubbio quello al ragù bianco e piselli.

I pasticciotti e i cornetti della mattina

Da Matò si comincia all’alba facendo colazione con i pasticciotti caldi leccesi disponibili in tanti gusti. Non mancano, ovviamente, i cornetti espressi dall’impasto morbido, imperdibile quello crema e amarene. Per i fan della colazione salentina, volendo, si può ordinare al bar il vero caffè leccese con il latte di mandorle.

L’Aperitivo

Matò è il posto ideale per uno spuntino veloce, o per un pranzo rapido e sostanzioso, ma consigliamo di venire qui anche per l’aperitivo perchéi bar di Matò preparano dei meravigliosi spritz e cocktail per accompagnare tutte le specialità della casa.

Presente in 3 sedi a Roma

Sono 3 le sedi di Matò Street Food aperte a Roma, a Via Lorenzo il Magnifico, 26 in zona Piazza Bologna, a Via XX Settembre, 41 a pochi minuti dalla Stazione Termini e poi l’ultimissimo arrivato, a Viale Eritrea, 108 nel Quartiere Africano.

Il catering

Matò è disponibile anche ad organizzare catering esterni per feste ed eventi privati ed i tesori di Puglia a tavola arriveranno direttamente a casa tua.

Matò Street Food Roma
Sede 1Viale Eritrea, 108 Roma - Tel: 0639745540
Sede 2 Via Venti Settembre, 41  Roma - Tel: 0642010120
Sede 3 Via Lorenzo Il Magnifico, 26 Roma - Tel: 0695065890


Foto gentilmente concesse da Matò Street Food 
 

-- 
Angelo Dino SuranoComunicazione & MediaTel. 3463271439

  • MANGIARE CON LE MANI
  • SPENDO POCO E MANGIO BENE
  • VITA DI QUARTIERE

scritto da:

Angelo Dino Surano

Giornalista, addetto stampa, web copywriter, social media manager e sognatore dal 1983. Una vita intera dedicata alla parola e alle sue innumerevoli sfaccettature.

POTREBBE INTERESSARTI:

È uscita la classifica dei migliori resort in Italia, così per sentirsi in vacanza ancora un po’

La Top 10 dei World's Best Awards di Travel + Leisure.

LEGGI.
×