Tu scegli il locale, lui paga: 5 locali di Padova per una festa del papà memorabile

Pubblicato il 14 marzo 2022

Tu scegli il locale, lui paga: 5 locali di Padova per una festa del papà memorabile

"Non è la carne e il sangue, ma il cuore che ci rende padri e figli"
Friedrich Schiller 

E allora festeggiamo, no?

Per il pesce

Ben trentatre anni di esperienza nel settore della ristorazione, un localino ben posizionato e comodo anche all’utenza che ha la necessità di trovare parcheggio vicino al locale. Insomma, il posto perfetto per un sontuoso banchetto, ancor meglio se da buoni amanti del pesce. Siamo ovviamente al Ristorante Pizzeria S’Aligusta, un locale che mette a menù tutto il suo sapere e tutta la sua passione, tra piatti della tradizione e qualche pizzico di fantasia. Cosa troverai? Insalatina di polipo e baccalà mantecato per iniziare, spaghettoni di Gragnano ai sapori di mare e orata al sale, per continuare. Gusto e leggerezza per una semplice serata dove a parlare è l’amore.
S’Aligusta, Via Volturno 4, Padova – Tel. 0498713819

Per il panino 

Se i vostri padri sono tutti come il mio, beh, per farli contenti basterà veramente veramente poco: un bel paninazzo con l’hamburger, una bionda media fresca e dissetante sul tavolo e la compagnia giusta. Dove andare? Beh, dove se non in un localino di recente apertura che non solo offre tutto questo, ma lo fa anche con simpatia e professionalità, in un ambiente lo possiamo dire proprio “figo”? Certo sì, parlo di Birrone Padova, l’ultimo arrivato in casa Il Birrone che con birre artigianli di propria produzione, una spina infinita, panificati fatti in casa e preparazioni semplici ti regalerà una setata coi fiocchi. Un plus? Minima spesa, massima figura.
Birrone Padova, Via Trieste 5c, Padova – tel. 3889380507

Per la pizza

Che dire, se una pizza è quella che stai cercando per una perfetta serata padre-figlio, da La Mafaldina la bella sicura è sempre garantita. Ma mica lo dico io, lo dicono tutti gli affezionatissimi clienti che da anni riempiono puntualmente ogni giorno questo locale rendendo la prenotazione non tanto un consiglio, quasi un obbligo: ricordati di prenotare insomma! Qui si parte morbidi con un cockatil, un buon americano agrumi e zenzero per smorzare l’attesa e perché no, una crocchè di patate. Meglio due. La pizza poi? Nessuno spoiler e nessun consiglio: segui il cuore. Attenzione: son diversi i punti vendita, scegli quello a te più vicino!
La Mafaldina, Via dei Vivarini 22, Padova – Tel. 0497358018

Per la carne

Una scelta, quella compiuta da Osteria la Ruta, di valorizzare la nostra tradizione enogastronomica, realizzando piatti con sapienza e preparazione sì, ma anche con una particolare attenzione agli ingredienti: spesso provenienti da filiere a km 0. Si inizia con un buon tagliere di salumi e formaggi, si prosegue con sua maestà il bigolo con ragù di faraona e porcini (o le pappardelle al ragù di cervo eh) e, se necessario, si rilancia il tutto con costine di agnello con verdure. Un plus? Ogni piatto ha il suo consiglio per il vino in abbinata: che chicca!
Osteria La Ruta, Via Savonarola 122, Padova – Tel. 0497308079

Per l’asporto

E se uno volesse farsi una cena in gran lusso, senza però la rottura di uscire di casa dovendosi togliere quindi il pigiama e le pantofole? Beh, ormai non solo anche i padri sono skillati nel prenotare cibo online, ma grazie alla nuovissima presenza di Andrea Valentinetti e del suo R2 POP, Sotto il Salone, gustarci cibo buono, a casa, è ancora più facile! Se il burger è quello che desideri, assolutamente da addentare è il Gallina Burger. Mentre se il desiderio era per qualcosa di più “chic”, tocca andare sulla tartare di fassona con pan brioche fatto in casa e insalata colorata all’aceto balsamico. A completare una serata coi fiocchi, un cocktail in lattina; spaziale quanto easy il “Let’s go to the gyn”, con Tanqueray Ten che diciamocelo, sta bene con e su tutto.
R2 POP, Sotto il Salone, 26 – Padova
 
 
Foto interne reperite nelle rispettive pagine social.
Foto di copertina di Il Birrone.
 

  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Le grandi mostre da non perdere in Italia nel 2022

La ripartenza passa anche dall’arte, perché la cultura e la bellezza sono motori della crescita.

LEGGI.
×