Luxardo, quelli del Maraschino, ecco la nuova distilleria a Padova

Pubblicato il 26 ottobre 2021 alle 17:06

Luxardo, quelli del Maraschino, ecco la nuova distilleria a Padova

L'azienda di Torreglia ha rinnovato i suoi storici spazi e annuncia l'apertura di un museo

Chi, dopo un’intensa giornata di lavoro, non ha voglia di rilassarsi con un cocktail? Ancora meglio, un buon gin tonic. Meglio ancora, un gin tonic preparato con il London Dry Luxardo, che, se non lo sapevi, è un gin composto da 9 botaniche, la cui ricetta risale agli inizi del ‘900. Ma, sopratutto, è un gin padovano DOC.

La storia

L’azienda nasce nel 1821 a Zara, trasferitasi poi a Torreglia dopo la guerra, ad oggi è riconosciuta come una delle più antiche distillerie d’Europa e festeggia orgogliosa il suo bicentenario. La casa dell’iconico Maraschino è ancora diretta dalla stessa famiglia fondatrice, che fa della tradizione una colonna portante.

La novità

Apre quindi la nuova distilleria, rinnovata grazie all’aggiunta di tre nuovi alambicchi, che ricalcano l’impostazione di quelli preesistenti, ritenuti ancora la migliore soluzione per assicurare la stessa qualità dei distillati. Se le ricette gelosamente custodite sono ancora quelle originali, ideate da Girolamo Luxardo ormai 200 anni fa, non si può dire lo stesso delle fasi di lavorazione, ora automatizzate e tracciabili, per garantire ancor più trasparenza al consumatore.

Il museo work in progress

A tutti gli amanti dei distillati aspetta una bella novità per il 2022: l’inaugurazione del museo Luxardo, dove sarà finalmente raccontata la storia di un’azienda arrivata alla settima generazione.

Luxardo
Via Romana, 46 - Torreglia (PD)
Tel: 049 9934811
Orari del punto vendita:
Dal lunedì al sabato 9:00-12:30 / 15:30-19:00
Sabato pomeriggio chiuso nei mesi di gennaio, febbraio, marzo
Tel: 049 9934090


Foto copertina e foto nel testo dalla pagina Facebook di Luxardo e dal comunicato stampa

  • NOTIZIE
  • BERE BENE

scritto da:

Beatrice Modugno

Trevigiana di nascita, studentessa a Padova, pugliese di famiglia. Quando non sono ai fornelli, mi trovi seduta al ristorante. Mangio ovunque e lo racconto a tutti: possiamo parlare di cibo anche per tre o quattro ore di fila.

POTREBBE INTERESSARTI:

​Cook Awards 2021 del Corriere della Sera, ecco i premiati

Sono i premi ideati dalla redazione di Cook del Corriere della Sera che vanno a quei professionisti che hanno ben chiaro quanto il cibo non sia solo un piatto, ma impegno, passione e presenza (anche internazionale).

LEGGI.
×