L’Osteria di tutti i trevigiani

Difficile presentare l’Antica Osteria “Al Botegon” di Porta San Tomaso. Oppure facilissimo, dipende dai punti di vista... Stiamo parlando infatti di un locale che di presentazioni non ha bisogno: chiunque bazzichi un minimo per Treviso ci sarà sicuramente passato. Al Botegon trovi un punto di ritrovo (ma vorrei dire “IL” punto di ritrovo), trovi un wine bar di grido, trovi un locale dove ascoltare musica e asssistere a concerti, trovi una cicchetteria tipica da leccarsi i baffi, di quelle in cui in un amen l’aperitivo si tramuta in cena vera e propria.
Non so se sia il locale più famoso di Treviso; ma di certo, oggi, è quello più riconoscibile. Il posto dove vengono i ventenni, i quarantenni, i più anziani: aperto tutti i giorni, tutto il giorno, Al Botegon si entra nella casa di tutti i trevigiani DOC.

I cicchetti della tradizione, dai più classici ai più rari

Se ti dico che Al Botegon respiri tradizione e assapori convivialità, gustando l’identità socio-culturale e gastronomica di Treviso, questo è vero non solo nell’ambiente, ma anche nella proposta della cucina. Dalla vetrinetta del mitico bancone (un pezzo di storia con oltre mezzo secolo di vita), fan capolino fior di polpette fatte in casa (da quelle classiche alla carne alle più gourmet con Morlacco e Radicchio), crostini al baccalà mantecato, gamberi fritti, moscardini, capesante, fiori di zucca, foglie di salvia impanate e innumerevoli altri must della cicchetteria tipica trevigiana e veneta. Puoi persino gustare, in stagione, molte specialità passate di moda e introvabili altrove: bogoi, nervetti, rane fritte, fiori di acacia panati o fritti. Imperdibile, poi, la frittata del giorno fatta con le verdure a km zero e tanti altri prodotti del territorio; e non mancano naturalmente alcuni classici snack come il panino alla porchetta o il panzerotto della casa.
A pranzo trovi cucina tipica veneta, con la chicca dei dolci tipici trevigiani a rotazione periodica: crostate, frittelle, lingue di gatto e altri biscottini di pasticceria come se piovessero…

Dallo spritz in preserata ai dopocena con musica e cocktail

All’ora dell’aperitivo, non esiste a Treviso un altro locale che vanti ogni sera la vitalità del Botegon. L’aperitivo qui è davvero un momento catartico, che attrae i giovani (e i meno giovani) ai piaceri semplici di una volta… Dove il primo di tutti non è un calice di buon vino o i peccati gola che lo accompagnano: è la voglia di stare assieme, sentendosi in medias res anche con poco.
In ogni caso, giusto per non sbagliarsi, è davvero ottima anche la mescita di vini veneti con qualche sconfinamento in Friuli, Trentino-Alto Adige, Piemonte, Sicilia e Campania. Menzione d’onore al prosecco: qui trovi l’intera gamma Val D’Oca, dal millesimato extra dry al Cartizze.
E poi la birra, che soprattutto d’estate ha ormai superato in termini di consumo qualsiasi altro beveraggio: Al Botegon trovi oltre 20 birre artigianali, su tutte Baladin, Pedavena Centenario e 32.
Menzione d’onore infine a cocktail e drink after-dinner: dai premium gin tonic al mojito fatto con rum invecchiato 15 anni, passando per una scelta di liquori, distillati, spiriti e ovviamente grappe nostrane, Al Botegon non ha niente da invidiare ai migliori american bar.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
×