Tutti i motivi per non lasciarsi scappare L'Officina del Gusto

  • RECENSIONE
  • INFO
  • COMMENTI

Facile dire che un ristorante è "buono", questo è buono davvero. E non ci riferiamo solo a quello che mettono nel piatto ma all'attenzione alle materie prime, all'ambiente, e soprattutto, alla fine al consumatore che mangia bene, sta bene, spende il giusto. In Officina del Gusto ci si gode l'atmosfera viva e rilassata che invita al vivere slow. Una vera rarità per i moderni ristoranti dove il tempo sembra essere tutto: qui invece ci si dimentica dell'orologio. 

La filosofia: tutte le uova sono allevate a terra, tutti i prodotti non arrivano da grandi distributori ma da piccoli negozi della zona, perché è giusto favorire il commercio locale. La cucina è articolata, ma i piatti non sono mai unti o pensanti, perché l'idea è quella di godersi il pasto, e il dopo pasto, in santa pace.

Il bello della condivisione: In cucina non si è fatta la scelta di essere un ristorante che prediliga carne o pesce, o che si rivolga solo a vegani e vegetariani. L'idea è piuttosto che una tavolata di amici con inclinazioni diverse possa sedersi alla stessa tavola e che ciascuno abbia la possibilità di ordinare secondo la sua etica, e il suo gusto.

Pranzo fast e cena slow: durante il pranzo il locale propone un menu ridotto, che predilige il piatto unico, assecondando la richiesta di pranzo veloce che accompagna tutti noi durante la settimana. La cena invece è "slow", non esistono turni e il tavolo, una volta prenotato, è del cliente fino alla chiusura, anzi, la proprietà incoraggia un consumo rilassato e le chiacchiere post cena fino a tardi. 

L'arredamento: la gran parte del materiale usato per l'arredo della sala è riciclato, ma il design risulta ricercato e vivace, soprattutto per i colori dati ai tavoli e alle sedie di recupero e agli stupendi lampadari creati con i lacci delle scarpe.

La sala convegni: al primo piano c'è una splendida sala per convegni, conferenze, presentazioni, attrezzata di tutto punto e arredata con tavoli di recupero, restaurati e colorati in armonia con l'intero design del locale. Tutti possono usufruirne gratuitamente, a prescindere dal fermarsi a cena. E' una piccola chicca della città che non tutti conoscono e che si può riservare anche per feste di compleanno, eventi e altre occasioni speciali. Un modo di festeggiare diverso dal solito, con la certezza di mangiare bene. 

La cucina: Il menu cambia circa ogni tre mesi, perché i prodotti di stagione sono aggiornati continuamente. in generale c'è molta scelta, con 9 antipasti, 9 primi e 9 secondi divisi equamente tra carne, pesce e vegetariano. Tra i grandi classici la tartare di Chianina e l'hummus di ceci con il crostino di quinoa. Tra i primi gli gnocchi fatti in casa conditi con polpo alla paprika, i bigoli di pasta fresca in salsa e i cappellacci ripieni all'anatra con burro nocciola e pane aromatizzato allo speck. Tra i secondi la grigliata di carne, la noce di manzo, il merluzzo al forno con patate all'istriana e le polpette vegane.

Gli hamburger: quello di salmone, servito pane di segale e sala bernese, quello classico con l'hamburger di Chianina, quello gourmet, che oltre alla Chianina ha la 'nduja, e il veg con seitan, pane alla curcuma ed escalivada. 

I dolci: una buona parte dei dolci è vegana, come la torta al cacao, uno dei must del locale. C'è sempre anche un'opzione per intolleranti al glutine, e poi il tiramisù, la creme brulée e il bonèt torinese, il budino con cioccolato, mandorle e caffè che è una goduria.

Vini e birre: Officina del Gusto è anche un ristorante dove si beve bene, sia in aperitivo - con spritz alla veneziana e ampia scelta di vini al calice - ma anche a cena, per esaltare il piatto con una bottiglia dei più rinomati vitigni italiani o con una birra artigianale in bottiglia. 

Il dehors: parte del fascino di Officina del Gusto sta nel bel dehor a fianco dell'ingresso: spazioso, ordinato e ancora una volta creativo, è perfetto per godersi l'aperitivo, ma anche pranzi e cene, in estate. Siamo sempre a Mestre centro eppure, per un attimo, ci sentiamo in vacanza.  
 

  • RECENSIONE

ALTRO SU 2NIGHT

×