Su tre livelli nel centro di Bari, Rù è un ristorante dallo stile contemporaneo dove la più tradizionale “comida peruana” si esalta con influenze asiatiche ed europee. Rù Peruano richiama la cosiddetta cucina nikkei, tipica del Perù, con forti influenze orientali e giapponesi.  In Perù, infatti, c’è stata una fortissima migrazione nel corso dei secoli che ha portato alla scoperta e alla condivisione di questa cucina. La soia, gli spaghetti saltati, il pesce crudo e il ceviche sono tra i piatti inconfondibili di questa tradizione.

Solo andata Perù - Bari, con influenze fusion

Il locale è nato a maggio nel 2017 e all'inizio offriva cucina peruviana tradizionale, col tempo però, la proposta food si è aperta alle influenze fusion, soprattutto a quelle orientali.  
I due proprietari e fratelli, Michele e Gabriele, sono talmente appassionati di cucina peruviana che hanno deciso di aprire a Bari un locale “diverso” dal solito, e infatti questo è l'unico locale su Bari che fa questa cucina.
E non ci si ferma qui, visto che a d ogni stagione si pensano e si propongono nuovi piatti e nuovi abbinamenti.

Perché il nome Rù Peruano


Peruano in spagnolo indica la cucina peruviana, mentre Rù è una sillaba fonetica cinese che sta ad indicare l’inizio. L’accostamento di questi termini ripercorre la vocazione fusion della sua cucina.  Rù Peruano nasce da quei viaggi che rimangono nel cuore, in questo caso si tratta di un viaggio a Miami in cui Michele e Gabriele si sono definitivamente innamorati di questa cultura. 

Dalla foresta Amazzonica alle Ande


Con il suo stile particolarissimo e le tante influenze botaniche, Rù Peruano vuole richiamare alla memoria l'ambientazione degli antichi villaggi Maya. Ci sono i lampadari dalle forme geometriche, i cuscini i tessuti e i monili che vengono dal Sud America, e ovviamente il color oro che risalta ovunque.
All'ingresso si trova il cocktail bar, al secondo piano troviamo una zona più tranquilla composta da due salette molto intime che accolgono una quindicina di coperti ciascuna; sono entrambe decorate a tema peruviano e in maniera sorprendente dato che una è dedicata alla foresta amazzonica e l’altra alle Ande. Infine, al terzo piano un’unica stanza utilizzabile solo su prenotazione, con vista sulla cucina del locale: una vera e propria table de chef per le occasioni speciali.

Dal famoso Ceviche Rù ai burritos


Da non perdere assolutamente il Ceviche Rù: un piatto molto piccante dallo stile prettamente peruviano a base di orata, lime, leche de tigre, aji amarillo, cipolla rossa, coriandolo e polvere di olive. L’udon, molto richiesto, è un piatto tipico giapponese che incontra i sapori della salsa ponzu, dei gamberi locali, della pancetta croccante, dell'avocado, della salicornia, dei filetti di pomodoro e della cipolla marinata. Infine, per variare, Ru Peruano offre anche piatti un po' più semplici come il burrito, pietanza tipica sud Americana: una sorta di piadina arrotolata farcita con vari ingredienti tra cui il salmone crudo, il pollo, il burger di scottona.

Lo Staff di Rù Peruano

In cucina troviamo uno chef peruviano, Luis Quintanilla Fernandez, che ha lavorato nelle cucine argentine per 8 anni e condivide con Michele i fornelli. Luis si occupa delle preparazioni fredde come marinature e sushi mentre Michele si occupa delle preparazioni calde. Infine, troviamo Gianluca Tassielli e Ilaria Manzulli, i bartender del cocktail bar.

Qui trovi la Bomba Peruviana


Ru Peruano propone cocktail pairing, grazie alla grande professionalità di Gianluca Tassielli. Da non perdere il Pisco Sour, il più famoso drink peruviano: una preparazione fresca che si sposa molto bene con la cucina proposta. Il drink detto anche la “bomba peruviana” è realizzato con sciroppo di zucchero, succo di limone fresco, albumi, bitter e ovviamente Pisco, un’acquavite sudamericana ricavata dalla distillazione di vino bianco e rosato.

 

  • RECENSIONE
  • ETNICO
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×