Il roll col cetriolo mangiatelo tu: etnico veg particolare a Roma

Pubblicato il: 25 ottobre 2019

Il roll col cetriolo mangiatelo tu: etnico veg particolare a Roma

Il mondo è bello perché è vario. Anche per la cucina vale la stessa regola. Mangiare bene a Roma infatti non significa soltanto apprezzare la magnificenza della cucina romana, ma immergersi in una cultura culinaria molto affascinante fatta di sapori e profumi da sballo. Per tutti i vegani che amano l'etnico, ci sono posti che non offrono la solita insalatina o il solito roll col cetriolo. Non ci credi? Annamo.

A Monti


Se c’è un locale dove la cucina etnica si sposa con la verdura (cucinata in qualsiasi modo) questo è il Guru, uno dei ristoranti indiani più in voga di Roma. Qui c’è una cucina abbondante e saporita che offre al palato gusti avvolgenti e indimenticabili: si spazia dai ceci al masala, al curry di funghi chumpignon al cocco, passando per la verza alle spezie o le zucchine al curry. Spezie e verdure sono le padrone incontrastate di questa cucina orientaleggiante.
Via Cimarra 4, tel. 06 474 4110

A Flaminio


Etnico, bio, vegetariano, vegano. Non bastano queste 4 parole per descrivere la cucina di 20 mq design e derivati, un locale all’avanguardia che coniuga ristorazione e gusto estetico. Questo non è solo un bar bistrot di classe, ma un luogo in cui si possono comprare splendidi oggetti e oggettini provenienti da tutte le parti del mondo selezionati con cura da Massimiliano Rubcich, architetto con la passione per i viaggi e la cucina ricercata. Crocchette vegane, polpette di verdure, hummus, insalata di rape rosse… Qui il palato viene stimolato con abbinamenti, spezie e semi di ogni genere. Il risultato è ineguagliabile.
Via Flaminia 314 C, tel. 06 3105 2302

Al Pigneto


Aprire un ristorante etnico al Pigneto è una grande opportunità per almeno due motivi: è una zona della movida romana con molto passaggio e inoltre una zona multiculturale molto attenta alle diversità e all'integrazione dei popoli. Uno dei locali che rappresenta al meglio questo quartiere è il Tandoori, un ristorante indiano che offre piatti molto interessanti: piadine di lenticchie e riso, creme di melanzane e ceci cotte al carbone, samosa, vegetable roll, frittelle di verdure, una selezione di fritti vegetariani, riso speziato con verdure... Insomma, c'è da leccarsi i baffi. E il portafoglio? Contento anche lui. Poiché, però, il menu non specifica la totale assenza di latticini e derivati animali, è sempre meglio chiedere conferma prima di ordinare.
Via del Pigneto 193, tel. 06 9761 0172

A Prati


Jinjà è un ristorante etnico che offre sapori da tutto il mondo in una versione "luxury". Non il classico ristorante dove l'impiattamento è secondario, è un locale che si propone di coniugare il gusto e la bellezza. La cucina giapponese e quella cinese sono le padrone incontrastate del menu, che offre comunque piatti gustosi per gli avventori che non mangiano carne e pesce: bamboo e funghi saltati, verdure cotte al vapore, melanzane in salsa di thai, tofu in salsa piccante. Ultima, ma non per importanza la location: impeccabile, ariosa, curata.
Circonvallazione Trionfale, 59, tel. 06 3973 9097

A Trastevere


C'è un locale a Trastevere, il Bali Bar & Restaurant, che ha ampliato notevolmente la concezione di cucina etnica e che offre ai vegetariani/vegani una scelta importante di profumi e di sapori. Come antipasti ci sono gli involtini thailandesi farciti con con vermicelli di soya, funghi neri, carote e scalogno, i fagottini di verdure ripieni di patate, piselli e curry verde e il tofu fritto. Fra i primi spiccano le fettuccine di riso con verdure miste e funghi shitake e il riso all'ananas vegano (riso saltato in padella con ananas, funghi neri e anacardi). Il secondo più gustoso è il kering tempeh (tempeh biologico fritto croccante, caramellato con zucchero di canna). 
Via del Mattonato 29, tel. 06 589 6089​
Fonte immagine: Pixabay


Immagini interni provenienti dalla pagine Facebook dei locali
Immagine di copertina: Pagina Facebook Guru

  • RISTORANTI E CIBI ETNICI

scritto da:

Angelo Dino Surano

Giornalista, addetto stampa, web copywriter, social media manager e sognatore dal 1983. Una vita intera dedicata alla parola e alle sue innumerevoli sfaccettature.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Vin brulé, brezel e frittelle di mele come non ci fosse un domani: i mercatini di Natale più belli (e famosi) d'Europa

Quello che entusiasma di più dei mercatini di Natale è il cibo, che siate in mood natalizio o di umore nero, poco importa.

LEGGI.
×