Frequenti questi 8 locali del centro? Allora sei un padovano DOC

Pubblicato il: 22 febbraio 2019

Frequenti questi 8 locali del centro? Allora sei un padovano DOC

Astenersi perditempo, qui si fa sul serio

Non sopporto chi mette le mani avanti. Dunque eviterò di fare l'annosa postilla della serie "se manca il tuo locale preferito, non prendertela a male". Puoi anche arrabbiarti, sbraitare, affacciarti alla finestra urlando:"È un'ingiustizia", perché so quando sia importante staccare dal lavoro e planare leggiadri verso il locale di fiducia, quello con il vino più buono, l'americano come piace a te, gli spunciotti come solo mamma sa fare. Si ingaggia una relazione d'amore.

In fatto di locali, sostengo il poliamore, e ti propongo 8 locali del centro tra i più amati dai padovani DOC e gli aspiranti tali. Sempre affollati, pieni di vita e di fauna patavina, non possono mancare nella lista degli irrinunciabili. Li frequenti tutti? Allora, forse, sei davvero un padovano DOC.

L'altra Piazza dei Signori

Come sembra seria, Piazza dei Signori. Eppure, a un passo dalla Torre dell'Orologio, c'è un sacco di vita: Barcode è l'alternativa più "in" e festaiola della piazza. Cocktail azzardati e fantasiosi ma anche i drink più classici per l'aperitivo come Americano e Negroni, serviti con vermouth e bitter particolari. Resterai affascinato dai bartend che recuperano le bottiglie arrampicandosi sulla scala scorrevole, come fanno i bibliotecari per raggiungere i libri più alti. Un mondo magico, alla portata di tutti.

In ghetto tra vintage e contemporaneità

Non è difficile capire perché Straβe piaccia tanto ai padovani. A renderlo una tappa immancabile del centro storico ci pensano la location (in pieno Ghetto), l'atmosfera unica (creata con mobili di recupero vintage, luci soffuse e la musica giusta) e l'offerta al bancone: wine list ricercata ma abbordabile, affiancata da un tripudio di cicchetti, anche vegetariani. Dagli studenti ai professionisti, fino agli artisti, Straβe è in cima alla lista dei "place to be", dove fermarsi anche a cena.

La classe non è acqua, è gin(eria)

Basta passare davanti alle grandi vetrate di Gineria per venire calamitati al suo interno e ordinare uno dei cocktail che l'hanno resa famosa, prima a Mirano e poi a Padova. Design raffinato ed ecosostenibile, minimal ma d'ispirazione botanica, angolo speakeasy e tutto il glamour che si possa desiderare per l'aperitivo e il dopocena. Oltre ai 700 tipi di gin, vale la pena di provare anche la cucina a Km0. Cura dei dettagli, a 360°.

Dove batte forte il cuore

Nessuno resta impassibile alla Yarda. La musica reaggae fa sobbalzare l'intera taverna e anche il tuo cuore, come fosse sempre la prima volta. L'atmosfera unica e irriproducibile è condita da birre artigianali, polpettine golose, spritz che più strani non si può e menù con ingredienti locali e di stagione. D'estate, il grande plateatico in Piazza Capitaniato si riempie fino all'ultima sedia.

Sotto il salone, che altro?

Una delle meraviglie di Padova: il mercato Sotto il Salone, che non smette di essere un crocevia di persone nemmeno la sera, quando le vere protagoniste diventano le osterie. Una delle più amate e frequentate è Il Tira Bouchon, sospesa nel tempo e avvolta in un'allure parigina travolgente. Tanti stuzzichini casalinghi, osti perfettamente intonati all'ambiente e l'impressione di ritrovarsi all'interno di una pièce teatrale, impagabile. Poco più in là, il rinnovato Bar dei Osei e la Folperia, un altro must.

L'osteria bohemien che ha fatto la storia

Mi è capitato  poche volte di entrare in un'osteria, bere un vino al bancone e assistere a un vero e proprio esodo di clienti che, speranzosi, chiedono di cenare, ma vengono rimpallati perché:"Ci dispiace siamo pieni". Nessuno se la prende, tutti preferiscono restare all'Anfora per un calice di vino o il classico spritz servito nel tumbler da osteria, a chiacchierare fino a quando l'aperitivo non fa passare la fame, in allegria.

Modaiolo? No, stiloso.

Qualcuno di famoso ha detto che la moda passa e lo stile resta. Visto l'amore che i padovani continuano a dimostrare al Venexino, siamo certi che il ristorante dalle mille anime vada ben oltre il modaiolo. L'aperitivo è il momento preferito per invadere il locale e ordinare un calice di bollicine, da accompagnare al piccolo buffet, mentre si scruta nella folla alla ricerca di qualcuno da salutare, ammirare, criticare (ma solo un po').

In container sull'argine

L'abito non fa il monaco e Pier 88, bar-conteiner affacciato sul Bacchiglione è un cioccolatino fondente ripieno di liquore alla ciliegia. Poco spazio, ma stile unico e ingegno trasformano la location modesta in un gioiellino padovano di rara qualità. Orario prediletto, quello dell'aperitivo, con spritz ben fatti e taglierino offerto di cicchetti. Nota incredibile: anche quando sembra stracolmo, troverai il tuo posto. Non proprio in centro, ma merita la menzione.

Per restare sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita di 2night!
Immagine di copertina dalla pagina Facebook di 2night!

  • EAT&DRINK
  • VITA DI QUARTIERE

scritto da:

Martina Tallon

Amo mangiare ma sono sempre a dieta, non riesco mai a stare ferma anche se alla guida sono un pericolo, adoro andare per locali però sono un po' tirchia. Le contraddizioni sono il mio pane quotidiano: mai prendersi troppo sul serio.

IN QUESTO ARTICOLO
  • La Yarda

    Via Dondi Dall'Orologio 1, Padova (PD)

  • Barcode

    Via Dante Alighieri 1, Padova (PD)

  • Straße

    Via Andrea Gritti 7, Padova (PD)

  • La Gineria

    Via Francesco Squarcione, Padova (PD)

  • Pier88

    Lungargine Scaricatore 35124, Padova (PD)

  • osteria l'anfora

    Via Dei Soncin 13, Padova (PD)

  • Il Venexino - Nonsolocaffè

    Via San Fermo 45, Padova (PD)

  • Enoteca il Tira Bouchon

    Piazza Dei Frutti, Padova (PD)

POTREBBE INTERESSARTI:

Voglio andare a vivere in campagna: I 10 migliori agriturismi d’Italia secondo il Guardian

Incantevoli strutture immerse nel verde, ovvero, la lista delle liste; conduzione familiare e cucina sopraffina.

LEGGI.
×