​Conosci Samer, l’artista di Arcicchetti

Pubblicato il: 15 ottobre 2018

​Conosci Samer, l’artista di Arcicchetti

Un cicchetto, un sorriso. È la formula vincente di Sam (Samer) e del suo piccolo grande bacaro che sprizza simpatia e bontà a ogni sorso, a ogni morso. D’altra parte, Arcicchetti riflette in tutto e per tutto la personalità barbuta del proprietario tra vena artistica e innato senso dell’accoglienza.

Samer ha sempre lavorato nella ristorazione: la passione è quella degli inizi, condita ora da una grande dose di esperienza e consapevolezza. Arcicchetti è il risultato di questo amore che allinea in modo perfetto qualità, prezzo e soddisfazione del cliente.

Per offrire tutto ciò, Sam e le sue collaboratrici mettono anima e corpo, tanto che la mia intervista è uno slalom tra una pioggia di ordinazioni di cicchetti e un fiume di spritzetti e birre, con Sam sempre agile e in controllo dietro al bancone a elargire sorrisi, aneddoti e soddisfazioni ai clienti.

Ciao Sam, non hai un secondo di pausa eh?

Ciao! È vero, lo spazio è poco ma le cose da fare sono tantissime. Per fortuna con le mie collaboratrici abbiamo trovato il ritmo giusto per assicurare cicchetti sempre diversi, freschi e disponibili per tutti (Tra una richiesta e l’altra, Samer trova il tempo di offrirmi una birra. Apprezzo molto e rilancio subito, ndr).

Qual è stato il tuo approccio a questo mestiere?

Ho sempre lavorato in questo settore, in locali diversi tra loro, in ristoranti prestigiosi a Venezia o in terraferma, nei grandi alberghi… L’importante in questo lavoro è continuare a imparare. C’è sempre il modo e il tempo per migliorare e migliorarsi.

Poi è arrivato Arcicchetti, un locale molto vicino alla tua personalità.

A un certo punto arriva la voglia di personalizzare, di trovare la giusta formula che corrisponda a quello che senti e che ti piace. È così che è nato Arcicchetti, un “bakaro” dove la tradizione si arricchisce delle idee e delle personalità di chi ci lavora.

Qual è il segreto di Arcicchetti?

Non è un segreto, ma l’amore con cui si realizzano le cose fa la differenza. In più abbiamo puntato molto sul miglior rapporto qualità-prezzo: è fondamentale offrire cose buone a un costo equo. Il cliente riconosce la trasparenza della nostra proposta e apprezza. A questo si aggiunge la volontà di creare sempre qualcosa di nuovo, di non fermarsi a un’idea chiusa del locale, ma aprendosi a nuove ispirazioni con fiducia e collaborazione con gli altri membri della squadra.

Cosa si trova da Arcicchetti?

Qui puoi trovare una grande varietà di cicchetti preparati freschi più volte al giorno con abbinamenti sempre nuovi, oltre ai classici e intramontabili con salumi o baccalà, ad esempio (Mentre parliamo, il cicchetto “Fichi, mezzano e miele” spopola, ndr).
Spritz, ombre e birre - tutti disponibili in due “taglie” - sono il contorno perfetto. La nostra proposta è chiara e sincera e soprattutto si adatta a ogni cliente.

Chi è il cliente tipo?

Lavoriamo moltissimo con gli studenti, ma devo dire che turisti e visitatori non sono da meno. Mi piace parlare con tutti, il contatto con tantissime persone sempre diverse è uno dei motivi per cui amo così tanto il mio mestiere. Nel tempo ho imparato a comunicare in modo da far sentire sempre a suo agio chi parla con me, ho un animo sensibile (Sorride Sam, e devo dire che il suo fare empatico conquista tutti, cliente dopo cliente, me incluso, ndr).
La soddisfazione più grande però è veder tornare le persone, anche se sono in vacanza a Venezia solo per pochi giorni!

Cosa ti piace di Venezia?

Venezia non è un’isola, è una casa grande, non un mondo chiuso. Camminando incontri moltissime persone che impari a conoscere anche senza parlarci. Sono qui da quando avevo tredici anni e ho sempre amato Venezia, è la mia città.

  • GLI ADDETTI AI LAVORI
  • APERITIVI MEMORABILI
  • INTERVISTA

scritto da:

Giacomo Pistolato

Cinefilo e gattofilo, mi piace scrivere e osservare. Vivo e scelgo Venezia, quasi tutti i giorni. Non amo le contraddizioni. O forse si.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

10 malghe e rifugi gourmet: mangiare bene, e tanto, in alta quota

Quando scatta quella pazza voglia di raclette, yogurt di malga con i frutti di bosco e vinello dolce.

LEGGI.
×