Dalla Grecia all'Oriente in ciabatte: a Lecce i delivery e take-away che ti portano a spasso per il mondo

Pubblicato il: 7 maggio 2020

Dalla Grecia all'Oriente in ciabatte: a Lecce i delivery e take-away che ti portano a spasso per il mondo

In una terra bella così, il Salento, lu sule, lu mare e lo ientu (e ho detto tutto), non ci sarebbe bisogno di aggiungere altro per vivere la vacanza perfetta. Sognare si può, dato che, ancora, è tutto sul piano della fantasia e le vacanze, in Salento, a momenti sono off limits anche per i salentini. Allora l’unica strada percorribile è quella dell’immaginazione, che, volendo, ci può portare anche molto più in là dei confini della nostra città. Così, chiudendo gli occhi, con un sottofondo di sirtaki, possiamo immaginarci a danzare in bianco e blu, in cerchio, nella dirimpettaia Grecia, oppure, ascoltando una di quelle musiche da massaggio shiatsu, ci ritroviamo tra le strade di Tokio. Se, poi, cambiamo canale su chef Rubio alla ricerca del gusto perduto, la Thailandia ci sembra di averla dietro l’angolo. Ma visto che toccare, annusare, assaporare rende più concrete le esperienze, il top sarebbe assaggiare le specialità di questi Paesi. Un viaggio multisensoriale così, a Lecce, nel cuore della penisola salentina, è possibile. Come? Con i locali cosiddetti etnici della città, che ci fanno viaggiare con la testa e con la pancia senza muoverci di casa, grazie al delivery (e al take-away), con il nostro stereo che suona note straniere e la tv impostata in stand-by su un bel paesaggio lontano.

Il greco

Dall’altra parte del mare, dopo l’orizzonte. La Grecia e i suoi sapori semplici e autentici, con Elleniko, sono ancora più vicini. Anzi, vicinissimi. Il ristorante è tornato con le sue proposte a domicilio e d’asporto. Un viaggio dall’antipasto al dolce che coinvolge tutti e cinque i sensi, questa la loro mission. Allora, per cominciare, lasciamoci stuzzicare dalle tirocrocchette, le polpette di formaggi misti, o dall’imam, la melanzana al forno ripiena di cipolla e pomodorini, o dall’hallumi, formaggio di capra e pecora alla griglia; continuiamo con una bella insalata classica - immancabili i cetrioli e la feta -, o una Rodi, con verdure, pera (o mela), ananas, yogurt greco e feta. E poi le gyros pita, con il pollo, con il maiale, mista e vegetariana. Nel menu ci sono anche i dolci, tra cui il kataifi, capelli d’angelo ripieno di noci e pistacchio ricoperto di sciroppo al miele. Il servizio di consegne è attivo anche in provincia di Lecce con consegna gratuita a fronte di una spesa di 80 euro (entro i 25 km) e di 100 euro (oltre). È possibile ordinare dal sito oppure tramite Whatsapp.
Elleniko, Viale Dell’Università 65/b – tel: 3498185927   
Consulta nel sito il menu di Elleniko

Il sushi giappo

Un po’ più in là, in Oriente. C’è qualcosa che un sushi non possa risolvere? Secondo Makani 2Life, nulla. Per questo non ci lascia soli neanche in questo periodo di transizione tra lock down e pseudo-vita. Nel loro menu c’è davvero di tutto, anche se il sushi è la parte più “ingombrante”: dieci tipi di nigiri, nove di temaki, otto di hosomaki e tredici huramaki, i miei preferiti (io adoro i california tempura, roll in tempura con avocado, salmone e philadelphia, oppure gli spicy tuna, piccantini). Per chi proprio non sa scegliere ci sono anche gli special mix. Non mancano, poi, sashimi e tartare e neppure le bevande, dai the alle birre, eccellenti da abbinare ai roll. Il delivery è attivo dal martedì alla domenica solo a cena. È possibile ordinare dal sito o telefonicamente. Per le zone coperte dal servizio delivery e su eventuali costi sentire telefonicamente il locale. 
Makani 2Life, Via Luigi De Simone 12 – tel: 3313460403
Consulta dal sito il menu di Makani 2Life

Il giapponese tradizionale

Ancora in Giappone, ma sulla strada. Yumi Ikazaya propone la cucina tradizionale giapponese in chiave street food, pur mantenendo un certo stile. Il menu delivery e take-away è tradizionale e vario; spazia dagli otsunami, ad esempio gli edamame, i fagiolini di soia cotti al vapore, o lo yaki onigiri, triangolo di riso grigliato e miso, al gyoza bar, i ravioli (ce n’è di tutti i tipi, di carne, di pesce e anche vegetariani). Ma ci sono anche il ramen, il miso e le comodissime bento box, dove si può mangiare un po’ di tutto - ad esempio la tonkotsu, con maiale in tempura, riso, uovo morbido marinato alla soia, gyoza di wagyu, tofu, verdure al vapore ed edamame. Delivery e asporto sono disponibili tutti i giorni dalle 12.30 alle 14.30 e dalle 19 alle 22.30. È possibile ordinare telefonicamente.
Yumi Izakaya, Viale Marconi 23 – tel: 3289829266

Il thai (e non solo)

Tra Thailandia, Giappone e il resto del mondo. La cucina di Fugu Restaurant va dal thai al giappo fino all’international food. Oltre al classico sushi, seppur interpretato alla maniera dello chef italiano Ivan Scrimitore, e al sushi vegan, non manca di stupire con la cucina 100% thailandese, proponendo, a domicilio, il pad thai, noodles di riso spadellati al wok  in salsa thai e uovo, con gamberi, pollo o verdure; le zuppe – particolare è la tom kha kung, al curry rosso con latte di cocco, gamberi e verdure -; le fettuccine thai o le wok, con i gamberi, il pollo, il maiale e il manzo, più spezie, verdure e riso al vapore. In menu anche molte altre proposte dai sapori lontani e originali. Il delivery è attivo tutti i giorni dalle 19 alle 23, con un ordine minimo di 30 euro per Lecce, anche se le consegne, gratuite, coprono un raggio oltre i 10 km, con un minimo di 100 euro di spesa. È possibile ordinare telefonicamente e il menu è consultabile online.   
Fugu Restaurant, Via Cesare Battisti 1 – tel: 3893408108

Foto di copertina di Engin Akyurt su Unsplash
Foto di Elleniko di Gabriele Dell'Anna
Foto interne dalle pagine Facebook dei locali

  • GOURMET IN PANTOFOLE
  • RISTORANTI E CIBI ETNICI

scritto da:

Annalisa Toniolo

Abitudinaria e noiosa, a tratti eccentrica e briosa: bipolare, forse. Quella dell’aperitivo delle 18.30 spaccate nel solito posto, ma anche quella che, nel cenare due volte nello stesso locale, ci vede un’occasione sprecata. A dieta, sempre, ma solo dal lunedì al venerdì.

IN QUESTO ARTICOLO
×