Un locale accogliente e informale, una proposta ampia ed un prezzo competitivo. Una brigata giovane e ben formata ed un sogno realizzato. Basterebbe già questo a descrivere il nuovo Ristorante Bontà Nascoste, aperto a Ponte di Brenta da Christian, un giovanissimo trentenne con le spalle grosse e tanta competenza. E invece anche la sua offerta culinaria merita di esser ben raccontata perché vivace, semplice ma innovativa come il suo ideatore.

I prodotti della nostra terra


Prendi ciò che hai, ed elevalo al suo massimo. Devono aver pensato questo Christian e brigata quando si sono trovati a sviluppare un menù che, oggi, è in continua evoluzione e miglioramento, ma che mai perde la strada di casa: quella della nostra tradizione culinaria veneta, e dei nostri prodotti locali. Tutto qui infatti è pensato e scelto con attenzione, cura e rispetto del territorio che merita di esser esaltato in ogni piatto.

Ecco perché la carne arriva dalla vicinissima Bassa Padovana ed è una scottona con una frollatura di 30/60 giorni che la rende morbidissima, ed ecco perché spesso il menù varia tenendo conto della stagionalità dei prodotti e del pescato del giorno.

Sì, perché qui carne e pesce sono al primo posto


Difficile scegliere, tra l’eterna lotta tra carne e pesce, tant’è che converrebbe infatti tornare più volte, per avere l’occasione di assaggiare tutto. Se è vero infatti che in cucina nulla si può improvvisare, non è detto che non si possa però inventare. E infatti è proprio così che nascono alcuni piatti, poi messi a menù, come il riuscitissimo pacchero con crema di scampi, tartare di gamberi rossi, uova di lompo e limone; o i più classici bigoli al sugo d’anatra, gli spaghetti cacio e pepe (che mai possono mancare) o gli gnocchi alla marinara.

Un menù che premia tanto il pesce quanto la carne e che spesso ha dei fuori menù o delle immancabili certezze: fiorentine e costate in primis. Carne poi, ben visibile nel frigorifero della frollatura, un vera chicca per questo locale che ha fatto della semplicità dei prodotti genuini, il suo cavallo di battaglia.

Per non parlare dei prodotti fatti in casa 


Non ci si risparmia su nulla da Bontà Nascoste, e infatti tutti i dolci a menù sono fatti in casa giornalmente. Qui un tripudio di creme, polveri e consistenze merita un piccolo spazio a fine pasto; anche perché senza dolce che cena è? Tiramisù, pastiera napoletana, mousse all’ananas sono solo alcuni dei manicaretti che a rotazione vanno per la maggiore tra i clienti. Anche la pasta poi è fatta in casa dal vicinissimo pastificio di fiducia cui Bontà Nascoste affida ogni giorni i propri ordini speciali.

Tra vino e birra: un inno alle scelte innovative


La carta vino è sempre in continuo aggiornamento e perfezionamento poiché il desiderio dello Staff è quello di arrivare ad avere poche scelte, ma buone, innovative e premianti del lavoro di piccole produzioni del nostro territorio nazionale, che tanto di buono ha da offrire. Qui, tra nomi blasonati come Ferrari, Perrier o Cà del Bosco, qualche prodotto di nicchia come il rosso di Filò delle Vigne, il Lugana di Ottella o il Soave biologico di Coffele. Ed è proprio su di una produzione biologica, biodinamica e naturale che Bontà Nascoste vorrebbe provare a puntare. Stessa politica per le birre che qui, sono principalmente prodotte da birrifici artigianali come Cortense e Follina.

E si chiude il pasto in bellezza...


La carta dei vini è ampia, il menù mette in seria difficoltà anche i più decisi tanta è la quantità di proposte allettanti, ma la scelta da compiere per una degna conclusione del pasto è ancora più ardua. Qui, tra grappe, liquori, amari, rhum e whisky c’è letteralmente l’imbarazzo della scelta. Non manca ovviamente la Bonollo, immancabile presenza del nostro territorio, ma anche la Marolo Grappa Bianca di Barbareso o la grappa “Due Barili” di Poli. C’è poi l’amaro Nardini o la più commerciale ma sempre cara Sambuca Molinari; il Rum Matusalem o il Whisky. Compreso un Whisky giapponese, il Talisker Skye, famoso per un gusto quasi salino ed un inteso aroma di torba.

  • RECENSIONE
  • RISTORANTE DI CARNE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×