Atmosfera da vera trattoria fiorentina, sapori come nella cucina della nonna

Ci sono locali che hanno una storia, che hanno segnato la scena della ristorazione fiorentina. Uno di questi è la Pentola dell'Oro. Siamo in Sant'Ambrogio, a due passi dalla piazzetta ed in una stradina di quelle un po' defilate dove non c'è grande traffico. Siamo in via di Mezzo, tipica strada del centro fiorentino stretta e lunga che porta diritta a pochi passi dal Duomo. Qui, all'angolo con via de'Pepi c'è sempre stato un “buon” posto dove venire a mangiare.


Aperto alla fine degli anni ‘80 da Giuseppe Alessi, la trattoria divenne in poco tempo il punto di riferimento di giovani e appassionati della buona cucina tradizionale grazie ad una formula tipo club che permetteva di mangiare a prezzi veramente popolari pur con un’ottima qualità. Dopo varie vicissitudini, oggi la cucina torna ad essere guidata da una famiglia di veri ristoratori che, riprendendo l'eredità di Alessi, vogliono recupere quella tradizione della cucina della nonna, seppur con qualche nota più moderna ed originale. Il luogo è rimasto quello di una volta: i tavoli di legno, le sedie impagliate, l'atmosfera rilassata e conviviale. In cucina ed in sala, la famiglia si divide i compiti, mantenendo così una dimensione raccolta e casalinga come nelle trattorie di un tempo.

Tradizione toscana, con qualche rivisitazione

I piatti sono quelli classici, con qualche proposta più moderna e con un'offerta che include sia carne che pesce. Tra gli antipasti, ad esempio, accanto all'insalata fresca di trippa, troviamo le polpette di polpo; tra i primi, accanto alle tagliatelle con cipollotti e salciccia, troviamo gli spaghetti con i gamberi ed il tortello di melanzana e bufala. Tra i classici, la pappa al pomodoro e gli gnudi di ricotta e spinaci, proposti però con un pesto di zucchine per variare rispetto alla tradizione. I secondi, sono un omaggio alla tradizione: immancabile la bistecca alla fiorentina, così come l'ossobuco e la tagliata di maiale alla salsa di mele; dal mare, non manca mai la frittura, così come il pescato al forno. La pasta fresca, viene fatta ogni giorno a mano dal cuoco, così come i dolci che sono sempre diversi e preparati giornalmente. Per concludere, il caffè nella moka è una delle particolarità della casa che difficilmente si trova altrove (riservata però alle tavolate di almeno 6 persone).

Pranzo della domenica, proprio come dalla nonna

La Pentola dell'Oro è aperto tutti i giorni, da lunedì a sabato sia a pranzo che a cena, la domenica solo a pranzo ed è una delle giornate più amate dai clienti che possono ritrovare qui il vero pranzo in famiglia come dalla nonna. Durante la settimana, per pranzo viene proposto, oltre al menù alla carta, anche una formula “pranzo di lavoro” che comprende un primo, un secondo, contorno ed acqua a soli 10euro; il menù cambia giornalmente così da non annoiare i clienti dei vicini uffici e per proporre piatti con gli ingredienti freschi reperiti giornalmente al mercato. E' disponibile anche il servizio take away per chi non volesse rinunciare ad un ottimo pranzo o cena, pur rimanendo nella comodità di casa. Gli spazi all'interno del locale si prestano molto bene per cene tra amici, gruppi o di lavoro con la possibilità di riservare un'intera saletta. Richiesta la prenotazione.

  • RECENSIONE
  • TRATTORIE
IN QUESTO ARTICOLO
×