La "macelleria di quartiere" amplia la sua offerta anche in Brianza

Pubblicato il 8 settembre 2021 alle 17:35

La  "macelleria di quartiere" amplia la sua offerta anche in Brianza

Il Mannarino passa a quota 4: ecco dove

Stesso format. Stesso menu. Nuova location. Il Mannarino inaugura il suo quarto spazio alle porte di Milano, in Brianza, ad Arcore in via Alfonso Casati 80, nella terra d’origine dei suoi fondatori Gianmarco Venuto e Filippo Sironi portando anche qui la “macelleria di quartiere con cucina”.

La nuova apertura, prima di una lunga serie in programma per la seconda metà dell’anno, ricalca fedelmente la filosofia del brand, che prende ispirazione dall’antica “arte” della macelleria italiana strizzando un occhio alla Puglia e alle sue tradizioni gastronomiche. 

La mission del brand punta a diffondere la conoscenza del mondo della carne con un occhio di riguardo alla sostenibilità e alle esigenze del cliente finale. 

Il format di successo 

Il Mannarino, nome evocativo della celebre macelleria di quartiere con cucina, nasce dalla passione per la carne di due giovani amici con il sogno di rinobilitare l’antica “arte” della macelleria. Il termine “mannarino” indica il coltello da cucina con cui i macellai di paese tagliano la carne sul banco e questa parola ha finito con l’identificare il macellaio di fiducia nel lessico popolare. 

Ad oggi Il Mannarino conta 3 punti vendita nella città di Milano: il primo aperto il 21 giugno 2019 in Piazza De Angeli 1 seguito, poi, da altri due locali, rispettivamente in Via Carlo Tenca 12 e Via Galvano Fiamma 4/6.

La location ad Arcore

La location selezionata per il quarto negozio e ristorante de “Il Mannarino” si trova nel cuore di Arcore, in via Alfonso Casati n° 80, in una posizione strategica e comoda da raggiungere per chi arriva dall’alta Brianza fino al Lecchese e non ha voglia di allungarsi fino a Milano. 

La nuova location conterà 150 coperti totali, tra sala interna e dehors. I tavoli, disposti a ferro di cavallo, abbracciano il bancone della macelleria dove i clienti possono selezionare i tagli di carne a loro più graditi. Postazioni social dove condividere il pasto con gli altri clienti e ricaricare le energie (oltre alle batterie dei propri dispositivi elettronici) si alternano ai tavoli tradizionali. Anche la nuova location è infatti pensata in termini di convivialità e gastronomia.  

L’interior design della nuova macelleria di quartiere richiama il profondo Sud mixando oggetti vintage e piatti da parete a pezzi di arredo più moderni, così da catapultare il cliente in una dimensione rustica, ma contemporanea, che lo faccia sentire accolto come a casa.

La macelleria

Proprio come le altre location, anche all'interno del nuovo ristorante di Arcore ci sarà la zona macelleria dove si potrà acquistare carne di prima qualità direttamente al banco oppure gustarla direttamente al tavolo, accompagnata da specialità culinarie tradizionali e da un buon calice di vino.

Il menu 

Il menu è ovviamente un omaggio a tutto il meglio della cucina di carne con un'ampia varietà. Tra le ultime specialità pubblicate sulla pagina facebook del locale si trovano le bombette Reggina (fettina di capocollo 100% italiano con 'nduja e stracciatella, piccante il giusto; la fettina di capocollo 100% Italiano con ‘nduja e stracciatella, la Polentina fritta con burratina allo zola; Razza manza griglia alpina del Trentino Alto Adige allevata al pascolo in alpeggio. A questi si aggiungono i must in menu: Cacio caciocavallo filante alla griglia, Tartare di fassona piemontese, Burratina di Andria, i contorni di Purea di fave e cicoria, la Caponatina pugliese...

Foto di copertina dall'account Instagram de Il Mannarino

  • NOTIZIE

scritto da:

Irene De Luca

Agenda, taccuino, registratore e macchina fotografica. Attenta alle nuove tendenze ma pur sempre “old school inside", vago alla ricerca di ispirazioni, di colori, di profumi nuovi per raccontare una Milano che poi tanto grigia non è.

POTREBBE INTERESSARTI:

Come sarà la vendemmia? Poca ma buona e con un mercato in forte ripresa

26 milioni gli ettolitri già vendemmiati in Italia e i dati sono incoraggianti. La qualità, soprattutto, è ottima.

LEGGI.
×