Lasciate ogni dieta voi ch'entrate: il cibo della felicità a Padova

Pubblicato il 21 aprile 2021

Lasciate ogni dieta voi ch'entrate: il cibo della felicità a Padova

Mentre aspettiamo trepidanti l’uscita del nuovo Dpcm, non perdiamo le buone abitudini che ci hanno accompagnato in questo lungo anno di pandemia: lamentarci, fingere di fare attività sportiva, tentare invano di far lievitare la foccaccia pugliese e ordinare cibo.
 
Ecco allora un breve seppur calorico elenco di cibi capaci di mettere d’accordo tutti e soddisfare al contempo portafoglio, cervello, cuore e stomaco. L’unica che resta fuori forse è la dieta, ma tanto per quella eravamo comunque già in ritardo.
Io li chiamo “cibi della felicità” e tu?

Per il cuzzetiello

Un tuffo nello street food napoletano, ma in pieno centro padovano; o meglio, di questi tempi nel salotto di casa. A Marenna è questo: un viaggio andata e ritorno tra le specialità tipiche di Napoli, con chicche da gustare o perché no, da scoprire. Un esempio? I cuzzetielli, che una volta assaggiati non molli più. Il mio preferito? Salsiccia, friarielli, provola con pane croccante, ovviamente fatto in casa. E ancora casatiello per quando c’è da festeggiare, pizza fritta per quando c’è da dimenticare una brutta giornata, polpette con zucchine alla scapece per un aperitivo o crocchè di patate per qualsiasi motivo ti venga in mente. Presente su JustEat, Deliveroo, Gloovo e UberEats e attivo anche per il take away.
‘A Marenna, Via Dante 34 Padova – Tel. 0498789765

Per il kebab

Quando penso al kebab, subito mi torna il sorriso. Soprattutto se è quello di Marrakesh Express, una vera istituzione per noi padovani. Un menù, il loro, che sfida un dizionario Treccani ma che vince sempre: che sia per un kebab normale, maxi, completo, completo maxi, per un falafel, una piadina falafel, una piadina kebab o un più “semplice” hotdog, il risultato è garantito (come è garantito una macchia di salsa yogurt sui pantaloni). Fame grossa e nessuna voglia di sporcare le pentole? Marrakesh Express Kebab è la risposta, sia domicilio che take away.
Marrakesh Express, Via Manzoni 114/B, Padova – Tel. 049.751502

Per le patate 

Idem con le patate è il locale perfetto per chi ama mangiare le patate in ogni salsa, letteralmente (qui ne esistono ben venti diversi tipi: dalle classiche, alle super piccanti, alle tradizionali di posti lontani). Il menù poi è una vera ode alla patata, che qui è fritta  col metodo olandese. Vuoi di più? A completare il menù presenti anche hamburger con carne di Scottona e piadine, anche con impasto vegetale o gluten free. Attivi sia per il domicilio che per il take away.
Idem con Patate, Via Manin 50, Padova – Tel. 0497380055

Per l’arancinO

È nato prima l’uovo o la gallina? Si dice arancino o arancina? Poco importa, l’importante è mangiare e da Sicilian Goodness questo è sempre possibile. Qui si respira (e si mangia) Sicilia da ogni lato, per il rumore del mare bisogna invece ricorrere all’immaginazione. Arancino al ragù o al pistacchio, cannolo (anche senza lattosio) e cannolo in versione “kit” da 6 pezzi. E ancora caponata, arancino alla norma, granita, panzerotto o cassata da ben 1kg. Se ordini online c’è pure lo sconto del 10%, a te invece la scelta della consegna tra domicilio o ritiro in negozio! Aperto anche a Noventa.
Sicilian Goodness, Piazza dei Frutti 5, Padova – Tel. 3519950580

Per l’hamburger

Nella mia personale lista di “cibi della felicità” non può non rientrare l’hamburger di Soul Kitchen.  Disponibile per asporto e domicilio (Mymenù e JustEat) e attivo sia a pranzo che a cena, è un vero “salva giornata”. Io lo uso al weekend, quando sono triste ma anche quando sono felice, durante la settimana quando ho fretta o in quei giorni in cui non ho proprio voglia di fare nulla. Insomma, praticamente sempre, soprattutto perché il loro “caramel burger” è imbattibile, per non parlare delle guacamole bites, degli jalapenos redhot e delle pulled pork bites.
Soul Kitchen Vol.2, Via del Santo 23, Padova – Tel. 3456194447

Per i panzerotti 

Il ricordo più felice del mio periodo da universitaria è sicuramente quello della fila in pausa pranzo alla Focacceria da Francesco. In quel momento non esisteva null’altro: non c’erano ansie, studio, esami, tirocini; c’ero solo io e il “ed oggi con cosa la prendo la focaccia?”. Certo, non c’era nemmeno la pandemia è vero, ma ciò non significa che non si possa fare un salto qui per un take away pugliese di tutto rispetto. Come se non bastasse poi, ogni giorno (letteralmente) propongono qualcosa di nuovo: puccia con cotoletta e arrosto, panzerotti con mille ripieni, barese con cipolle e pomodoro fresco, sformato di rigatoni con salsiccia e mozzarella e poi lui, Mr pasticciotto.
Focacceria da Francesco, Via del Portello 95, Padova – Tel. 3284586516

Per la pizza

“Non è vera pizza”, “Vuoi mettere con quelle originali?” va bene sì, lo accetto, sicuramente Pizza al Cubo non è la versione canonica della “pizza” che ognuno di noi ha in mente, ma quanto è buona? E quanto il suo essere così morbida, saporita e già tagliata a pezzetti, la rende un piatto che non vorresti finisse mai? Non credo abbia bisogno di altre “spiegazioni”: Pizza al Cubo per i padovani è un must. Certo, forse non la prendiamo dai tempi del diploma e del sabato pomeriggio in centro, ma perché non fare un tuffo nel passato? Ha pure il servizio a domicilio.
Pizza al Cubo, Piazza dei Signori 35, Padova – Tel. 0498752329

Per i fritti

Un tempo il motto dei ragazzi di FastDrink24 era “Non è mai troppo tardi”. Ora ovviamente ci sono i Dpcm, ma loro i fritti non hanno smesso di portarli a casa. Patate dippers, patate in stick o dolci; gli immancabili nuggets di pollo e le cheddar cheese pepper. E ancora alette di pollo per un vero fritto che si rispetti e qualche chicca fuori dal normale: gorgonzola stick, cacio e pepe, polentine al rosmarino o mozzarelline al tartufo. Incredibili poi, i loro hamburger. Attivi anche per la consegna a domicilio grazie alla loro App FastDrink24.
FastDrink24, Via Sorio 64°, Padova – Tel. 3451737833
 


Foto di copertina di A Marenna
Foto interne reperite nelle rispettive pagine social dei locali. 

  • SPENDO POCO E MANGIO BENE
  • MANGIARE CON LE MANI
  • GOURMET IN PANTOFOLE

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Autochtona Award ha premiato i migliori vini autoctoni d’Italia

Sono 14 i riconoscimenti assegnati.

LEGGI.
×