Igor Minerva: tributo a Claudio Baglioni al Santo Graal

venerdì 22 ottobre
  • RECENSIONE
  • INFO
  • COMMENTI

Igor Minerva salirà sul palco del Santo Graal per un grande tributo a Claudio baglioni venerdì 22 ottobre. Come sempre, il cantante sarà accompagnato al piano dal maestro Giuseppe Vernile e da Carmine Fanigliulo alla viola. 

Tutto ha inizio nel 1999. Dopo il tentativo di partecipare alla trasmissione Re per una notte come interprete di Claudio Baglioni, che non andò a buon fine, decide di riprovarci grazie alla decisione di Canale 5 di recepire un format televisivo internazionale intitolato Momenti di gloria. Questo "momento" decreta l'inizio della carriera di Igor come interprete delle canzoni di Baglioni. Viene invitato in tutta Italia per partecipare come ospite a serate di gala, eventi di piazza, matrimoni e anche per esibirsi in veri e propri concerti come sosia vocale di Claudio Baglioni.

Nel 2002 viene selezionato per partecipare alla trasmissione televisiva Sì Sì è Proprio Lui!, condotta da Luisa Corna su Raiuno, consistente nel campionato nazionale degli imitatori. Raggiunge le fasi finali superando una selezione con oltre 4000 candidati ed arrivando tra i primi 10 migliori imitatori italiani. Oltre a Claudio Baglioni, infatti, Igor sa imitare altri cantanti, da Eros Ramazzotti a Vasco Rossi, da Riccardo Cocciante a Renazo Zero, e molti altri.

Dal 2001 iniziano i concerti-tributo a Claudio Baglioni, dapprima nei teatri e successivamente nelle piazze e nei locali di tutta Italia. Nel 2014 nasce la band Notte di Note, formata da 6 musicisti, che accompagna Igor nei concerti del Nord Italia. Nel 2018 inizia anche l'avventura con la band Alè-oò, formata da 4 musicisti e 4 ballerine, che accompagna Igor nei concerti del Centro-Sud Italia. 

Santo Graal 
Venerdì 22 ottobre - dalle 22.00
Info e prenotazione tavoli: 
392 0987668

22 ottobre

  • CONCERTI

ALTRO SU 2NIGHT

  • NOTIZIE

Ecco i migliori vini d'Italia: quelli che valgono Tre Bicchieri!

Secondo la Guida del Gambero Rosso i vini che meritano il massimo riconoscimento sono 476. I produttori hanno saputo recuperare il terreno dei mesi perduti, hanno passato più di un anno a curare vigneti e ad aggiornare cantine, e i risultati di questo lavoro sono evidenti, spiega la guida.

×