10 idee per festeggiare l'8 marzo a Venezia

Pubblicato il: 4 marzo 2016

10 idee per festeggiare l'8 marzo a Venezia

Tra le follie del Carnevale e le scampagnate di Pasqua si infila sempre quel giorno, l'8 marzo, la festa della donna. Per tante signorine è l'occasione per tirare perizomi e reggiseni a baldi manzi in intimo in locali super affollati, ma io e le mie amiche odiamo quel tipo di festeggiamenti. Quindi, da anni ormai l'8 marzo è diventata la “scusa” per regalarci una serata speciale tutta al femminile, perché tra lavoro e impegni non riusciamo mai a vederci abbastanza. Io ho già cominciato a raccogliere qualche idea su cosa fare; se per caso anche tu vuoi organizzare una serata speciale “in rosa” a Venezia, ecco qualche consiglio!

Per chi ama provare sapori diversi

Mi piace cenare fuori con le mie amiche, soprattutto quando c'è la possibilità di provare qualcosa di diverso dal solito. Per questo tra le mie proposte c'è la serata dell'Open, con un ricco buffet etnico a un prezzo praticamente regalato (solo 12 euro). L'evento è in collaborazione con il consultorio AIED di Mestre, così ho l'occasione di informarmi sui loro servizi (che male non fa!). 

Una giornata speciale con amiche fashion victim 

Dicono che tutte le donne sono in fissa con i profumi e la moda (non so tu, ma io sì): se tu e le tue amiche siete delle fashion victim, perché non approfittare dell'8 marzo per scoprire la mostra di Palazzo Mocenigo? È il museo del tessuto e del costume di Venezia, con sei sale dedicate alla storia dei profumi… E per la festa della donna l'ingresso è gratuito! Dopo puoi concludere la giornata con un'ottima cena a Venezia con le amiche, come festeggiare meglio di così?
Palazzo Mocenigo, Santa Croce, 1992, Venezia

Una cena di pesce da ricordare 

Locale curato e accogliente, proprietari simpatici, menù di pesce da far girare la testa: ecco gli ingredienti perfetti del Cantinon per festeggiare con le mie amiche l'8 marzo (o ripendere le forze dopo una bella mostra). Sono sicura che il pesce qui è una garanzia, ci vanno a mangiare un sacco di gondolieri. Inoltre, è l'occasione giusta per far provare alle mie amiche fissate con la cucina orientale la famosa tartare di tonno con salsa wasabi.

Una serata divina 

Per coccolarsi e rilassarsi tutte insieme, secondo me non c'è niente di meglio che concedersi un piccolo lusso. Una cena speciale con le amiche rimane sempre un bel ricordo (anche se si spende un po' di più). Per questo voglio proporre alle mie amiche una cena di pesce da ricordare all'Antico Pignolo. D'obbligo è provare il piatto degli dei, a base di scampi, capesante e verdure di stagione!

Una mostra tutta in rosa

Essere donna non è sempre facile, ma l'8 marzo potrebbe essere il momento giusto per lasciarsi ispirare dalle grandi artiste del passato. A Palazzo Fortuny tu e le tue amiche potrete visitare quattro mostre dedicate a grandi donne del passato (Henriette Fortuny - Ritratto di una musa; Romaine Brooks - Dipinti, disegni, fotografie; Sarah Moon - Omaggio a Mariano Fortuny; Ida Barbarigo - Erme e Saturni). Una full immersion d'arte tutta in “rosa” perfetta per festeggiare la festa della donna in modo speciale!
Palazzo Fortuny, Calle a fianco Ca' Pesaro 3780, San Marco, Venezia

Andiamo a mangiare una pizza (gourmet)?

Sul tema “serata easy tra amiche” un'altra mia proposta è la Birraria La Corte. In effetti questo locale ha diversi vantaggi: è in centro a Venezia quindi ci permette di visitare qualche museo (l'8 marzo sono gratuiti) prima di cena. La location stile shabby chich è tutta un'instagrammata e le pizze gourmet (a base di farine selezionate e impasti a lunga lievitazione) sono ottime.

Tutto quello che tu e le tue amiche (non) dite 

Quando sei andata l'ultima volta a teatro con le amiche? Se la risposta è mai (o è passato così tanto tempo che nemmeno te lo ricordi più) allora l'8 marzo può essere una bella occasione. Al Teatro Goldoni va in scena “tutto quello che le donne non dicono”, lo spettacolo dell'attrice comica Francesca Reggiani: tra imitazioni dei personaggi famosi e “pillole di verità” al femminile secondo me sarà da morire dal ridere. Tra l'altro, se hai meno di 26 anni paghi il biglietto solo 4 euro!

Serata con vista Canal Grande

Chi l'ha detto che una cena con vista mozzafiato sul Canal Grande è esclusiva delle coppiette? Io  e le mie amiche amiamo le location uniche, quelle che ci rimangono nel cuore (e se si mangia bene, ancora meglio). E dopo uno spettacolo a teatro, anche il palato vuole la sua parte... Per questo tra le mie proposte non può mancare la Vinaria, a patto di avere un tavolo nella sala principale, davanti all'enorme vetrata con vista su Venezia. E poi voglio far assaggiare alle mie amiche i loro piatti di pesce, soprattutto le capesante in crosta di anacardi...


Per festeggiare a ritmo jazz

Se sei appassionata di musica jazz ma le tue amiche non hanno idea di che cosa sia, perché non le porti allo spettacolo “In maggiore” al Teatro Toniolo? Il duo composto da Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura ti guideranno in un viaggio nella poesia dei “piccoli suoni” che raccontano la vita pubblica e privata dei due compositori. Una serata culturale e diversa da trascorrere con le amiche, per una festa della donna indimenticabile!

Una festa della donna… di gusto 

Per una cena di carne come si deve prima dello spettacolo a teatro, Carpitella è un'istituzione: ti basta solo sapere che questo locale nasce come macelleria. Il top è la Fassona piemontese, ma anche la tagliata e l'hamburger di Fassona sanno il fatto loro. Poi ci sono le pizze, famose ormai in tutto il Veneto. Ma te lo consiglio anche per le tue amiche vegetariane, che qui possono scegliere tra diverse proposte a basa di cereali e verdure a km 0 (e il loro tufu al curry con il riso pilaf è una vera bontà).

Foto di copertina by Didriks via FlickrCC

Per restare sempre aggiornato sugli eventi della tua città, iscriviti gratis alla nostra newsletter!

  • FESTA DELLA DONNA

scritto da:

Emma Simonato

Mi piace scoprire posti nuovi, mi piace scrivere ciò che vedo, mi diverto con poco, odio le diete. La vita è troppo breve per prendersi sul serio.

POTREBBE INTERESSARTI:

Te lo racconto io lo yoga. Wanderlust 108, ovvero come ho trovato la mia dimensione, divertendomi

L’unico Mindful Triathlon al Mondo. Cinque chilometri da percorrere correndo o camminando, una sessione di yoga e una di meditazione guidata.

LEGGI.
×