Il menu digitale delivery su Whatsapp di Posto del Cuore

Pubblicato il: 12 novembre 2020

Il menu digitale delivery su Whatsapp di Posto del Cuore

Il nuovo progetto a sostegno della ristorazione della start up di under 30 nata durante il lockdown prevede un menù delivery e take-away gratuito integrato in whatsapp

La piattaforma Posto del Cuore ha messo a punto un menù digitale take-away e delivery integrato direttamente su Whatsapp del ristorante, bar o pizzeria. Ecco il nuovo progetto lanciato dalla start up di cinque ragazzi Under 30 nata durante il lockdown di marzo. 
L'obiettivo? Supportare le attività commerciali nelle ordinazioni e mettere direttamente in contatto il ristorante con i propri clienti. Il tutto senza commissione. 

Posto del cuore: l'app per sostenere i locali che amiamo 

Posto del Cuore nasce in uno dei periodi più neri per la storia della ristorazione italiana: quando in tanti, fin da marzo, hanno dovuto chiudere le serrande. Alcuni si sono attrezzati con i servizi di delivery, altri, non potendo sostenere i costi o non potendo servire un servizio a pari livello, hanno preferito chiudere. Ora, dopo una breve tregua estiva (pur limitata dalle restrizioni), la nuova ondata e le chiusure previste dal dpcm hanno di nuovo messo in ginocchio un sistema già in crisi. 

Già durante il primo lockdown, la piattaforma ha supportato i ristoranti con la vendita di voucher. Quando hanno riaperto li ha aiutati creando un menù digitale utilizzato dai ristoranti per permettere di diminuire i contatti, togliendo il menu cartaceo. Oggi collabora con grandi aziende perché anche queste si facciano promotrici e sostenitrici di uno dei settori più colpiti in questi ultimi mesi.

La registrazione ed il menu delivery su whatsapp: tutto gratuito 

La piattaforma, nata proprio per rispondere al periodo e aiutare il settore della ristorazione permette, infatti, ad ogni ristorante, pizzeria, bar di iscriversi gratuitamente sulla piattaforma direttamente dal sito. Una volta registrato Posto del Cuore procederà a creare la pagina personale del locale sulla piattaforma dove sarà disponibile il loro menu take-away/ delivery. Grazie ad un bottone “Ordina tramite Whatsapp” il ristorante sarà in contatto diretto con i clienti direttamente dal numero di cellulare del locale. I clienti potranno così ordinare in tranquillità da casa, gustare le pietanze e sostenere il loro posto del cuore. 

Sull'app anche gli stellati

Hanno già aderito al progetto alcuni importanti ristoranti stellati d'Italia, presenti sulla piattaforma: Moma ed il Convivio Troiani a Roma, La Capinera a Taormina e l'Osteria Arbustico a Paestum. Tramite Posto del Cuore si possono infatti acquistare voucher regalo da donare alle persone che amiamo con sconti esclusivi. 

Alla ricerca di sponsor

Per garantire la gratuità del servizio Posto del Cuore è alla continua ricerca di sponsor. Infatti uno dei suoi impegni principali è quello di sensibilizzare a questo importante problema chiedendo a chi può (settori che non hanno risentito troppo, grandi aziende), di aiutare chi è più in difficoltà.  La richiesta è di sostenere attivamente il servizio menù delivery & take-away, per non andare a gravare sui ristoratori. 

Al progetto hanno già partecipato aziende come Peroni, La Molisana, Olio Coricelli e Nestlé. Come? Acquistando spazio pubblicitario, inviando newsletter per le loro community o acquistando voucher come regalo solidale per i propri dipendenti.

Per tutte le aziende interessate Posto del cuore mette a disposizione una mail per partecipare o richiedere semplicemente informazioni: info@postodelcuore.com

Photo Credits pagina fb Posto del cuore 

  • X - DELIVERY
  • NOTIZIE

scritto da:

Irene De Luca

Agenda, taccuino, registratore e macchina fotografica. Attenta alle nuove tendenze ma pur sempre “old school inside", vago alla ricerca di ispirazioni, di colori, di profumi nuovi per raccontare una Milano che poi tanto grigia non è.

POTREBBE INTERESSARTI:

Le abitudini alimentari di GenZ e Millennials

Sushi e attenzione alla sostenibilità e provenienza dei prodotti. Ecco i dettagli dell'analisi condotta da Next Gen Lab e Beyond Research.

LEGGI.
×