Perché andare nei ristoranti aperti di Roncade e non rimpiangere la "movida" di Treviso centro

Pubblicato il: 27 maggio 2020

Perché andare nei ristoranti aperti di Roncade e non rimpiangere la "movida" di Treviso centro

Sta arrivando l’estate, non lo dice solo il calendario. Lo dice l’afa, lo dice l’umidità, che a Treviso e limitrofi non ci smollano da giugno fino a settembre inoltrato. Quando è così, ogni minimo sforzo fisico diventa fonte di sudore, specie se si lavora in città, tocca prendere il treno per andare in ufficio e indossare aderenti pantaloni lunghi. Il traffico cittadino, lo smog e i novantordici gradi dell’asfalto sotto il sole chiudono il cerchio.
Allora, quando arrivano le 18, la voglia di tornare a casa, mettersi l’abitino a fiori ed esplorare quei ristoranti aperti che calzano a pennello col vestito, lontano dai circuiti fighettini, comincia a essere piuttosto invitante. In attesa di andare a farmi quel famoso weekend stra-rimandato con le amiche sul Lago di Garda, a mangiare, a bere e a divertirmi sulla sponda veronese, mi fermo a Roncade, dove di ristoranti così, in aperta campagna, in un contesto agreste, moderni o tradizionali, e in stile tavola calda americana anni '80, ce ne sono, e che buoni!
Aria pulita e paesaggio top, varietà che non ha nulla da invidiare ai centri più grandi, anche qui, a Roncade, c’è tutto quello che vogliamo per passare una serata al ristorante senza rimpiangere la “movida” trevigiana.

Aperto il bistrot creativo

Ho scoperto Le Cementine qualche anno fa, quando ancora era agli inizi di una grande storia culinaria, e me ne sono letteralmente innamorata. Il contesto, in aperta campagna a Roncade - tra Ca’ Tron e Bagaggiolo -, non stona affatto con la location, contemporanea e luminosa, grazie alle ampie vetrate che lasciano trapassare la luce del sole. Il menu del ristorante è una scoperta di sapori e le ricette sono tese a esaltare al massimo ogni ingrediente, a km 0; non a caso la struttura, in H-Farm, è circondata da orto e frutteti. Il bistrot creativo, bistrot nell’atmosfera, creativo nella sua idea di cucina, riapre venerdì 29 maggio, proponendo, oltre a un menu rinnovato, anche un percorso degustazione di 3, 5 o 7 portate, a scelta tra terra, vegetariano e misto. Un assaggio? Tartare di trota marinata e affumicata, gazpacho di menta, zucchine e rucola.
Le Cementine, Via Sile 6 – tel: 0422789539
Consulta dal sito il menu de Le Cementine

Aperta la pizzeria gourmet

Una cosa l’ho capita: se è nuovo ma perfettamente inserito in un contesto che non ci si aspetta, allora è idea H-Farm. Al 4, tra Roncade e Ca’ Tron, è la pizzeria di H-Farm che con essa condivide l’attenzione ai dettagli e alle novità. La pizza gourmet, che di per sé non fa più scalpore, qui, invece, non smette di sorprendere: può essere in pala o con impasto di focaccia servita in padella o tradizionale con ingredienti a km 0, un vero paradiso per i gourmand di Roncade e del trevigiano. Gli spazi, larghi, immensi, garantiscono il chiacchieratissimo e temuto distanziamento sociale e la loggia con il pergolato di glicine intrecciato permette di godere del paesaggio tutto intorno. La pizzeria (non il ristorante) riapre il 29 maggio, nelle serate di venerdì, sabato e domenica.
Al 4, Via Per Meolo 4 – tel: 3703541814

Aperta l’osteria contemporanea

Nulla è lasciato al caso da Ristoria da Zorzi, ristorante di Roncade nato dalla voglia di creare piatti con prodotti locali, selezionati e combinati in modo creativo. Tutto, dal primo piatto al dolce, ci parla di un mix tra tradizione e innovazione. Ma anche la cicchetteria non è da meno: tra le proposte ci sono il crostino di pan brioches con paté di fegato, cipolla rossa caramellata e burro al tartufo, la mini empanadas con ragù di salsiccia e porcini o la tartare con carpaccio di cetrioli e tuorlo fresco. Tra i secondi, invece, una chicca: le costine di agnello fritte alle erbe aromatiche con mayo allo zafferano. Il ristorante ha aperto con la possibilità di degustare i piatti anche in un piccolo spazio esterno immerso nel verde. Gli orari di apertura sono rimasti gli stessi; a pranzo, lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì, c’è l’opzione del menu fisso.
Ristoria da Zorzi, Via Carboncine 74/a – tel: 389 945 9045

Aperto l’agriturismo

Per una domenica bucolica, per un pranzo casereccio immerso nel verde, l’agriturismo Frasca da Pompe è il posto ideale. Il ristorante, a conduzione familiare, sorge in una tipica casa di campagna a Roncade e propone una cucina semplice e tradizionale, che utilizza gli ortaggi e i prodotti di allevamento dell’annessa azienda agricola. Il menu fisso comprende l’antipasto, con i salumi della casa, la grigliata mista - con pollo, costicine, pastin e tagliata con rucola -, contorno, dolce, vino e caffè. È scritto in dialetto e recita “non fasemo primi”, ma il resto, abbondante, è sufficiente per alzarsi da tavola belli sazi. In più il rapporto qualità-prezzo è ottimo. L’agriturismo riapre con spazi riorganizzati e qualche adattamento nel menu, lo spirito, però, è rimasto lo stesso.
Frasca da Pompa, Via Longhin 157/c – tel: 0422840853

Aperto il diner: la tavola calda all'americana

Nel caso in cui l’idea di ritornare subito al ristorante ci dovesse spaventare, della serie “non mi ricordo più come si usano le posate”, di tutt’altro tenore è la cena da Ink Pub, dove per mangiare hamburger, club e piadine bastano le mani (ben lavate, chiaro?). Lo stile del locale è quello della tavola calda americana, con i divanetti a strisce verticali bianche e rosse; l’accoppiata birra e panino, un altro omaggio agli States. Ma tra gli ingredienti ci sono anche la cipolla di Tropea e la porchetta. In menu proposte per vegetariani.
Si consiglia la prenotazione telefonica. Il pub continua anche con il servizio take-away.
Ink Pub, Via Montello 4 – tel: 3473292668

Sono questi i ristoranti aperti di Roncade che mettono insieme tradizione e innovazione, vecchio e nuovo. Non resta che guardarsi intorno, farsi catturare dalla location e dal menu e scegliere dove trascorrere piacevoli momenti lontano dallo stress della città. La lista dei ristoranti aperti in provincia e a Treviso in fase 2 comincia a farsi lunga. C'è solo l'imbarazzo della scelta.

Foto di copertina di Kévin Veau su Flickr.cc
Foto di Le Cementine e Al 4 courtesy del locale
Altre foto interne dalle pagine Facebook dei locali

  • MANGIARE ALL'APERTO
  • CENA
  • PRANZO

scritto da:

Annalisa Toniolo

Abitudinaria e noiosa, a tratti eccentrica e briosa: bipolare, forse. Quella dell’aperitivo delle 18.30 spaccate nel solito posto, ma anche quella che, nel cenare due volte nello stesso locale, ci vede un’occasione sprecata. A dieta, sempre, ma solo dal lunedì al venerdì.

IN QUESTO ARTICOLO
×