Zona bianca = dove fare l'alba? 10 posti dove far tardi a Padova e dintorni

Pubblicato il 7 giugno 2021

Zona bianca = dove fare l'alba? 10 posti dove far tardi a Padova e dintorni

Non ho ancora trovato la soluzione per non avere sonno già alle 22.00 (causa un anno di pandemia nonché coprifuoco) ma so solo che se dicono “Zona Bianca” voglio provare a godermela questa estate tanto attesa, sperata e sudata.
Che sia un momento di gioia per tutti, in sicurezza, nel rispetto delle regole e del prossimo, ma che sia piena.
Non ricordi più dove si esce la sera quando vuoi fare tardi, ma tardi tardi? Qui qualche idea.

In Piazza dei Signori

C’è poco da fare: se vuoi bere bene e farlo in mezzo alla gente; è da Dorian e brigata che devi andare. Al Barcode – per i padovani anche più semplicemente “Code” – bere è una cosa seria, una vocazione di vita, uno scopo ed un obiettivo. Ma questa era cosa chiara anche dall’ingresso, dove solo dopo il sorriso di Dorian, è impossibile non notare una bottigliera di quelle tutte da ammirare (e fotografare) piena ed ordinata fino al soffitto. Qui i grandi must sono sicuramente l’Americano ed il Gin Tonic, ma se la voglia è quella di osare un po’ provando accostamenti diversi due sono le opzioni: guardare il menù e aspettare di venire abbagliati da un nome, o chiedere di esser guidato. Consigli? “Aviation” per quando vuoi restare sul classico (ma corposo), o il “Live in Perù” per quando si desidera cambiare.
Barcode, Via Dante Alighieri 1, Padova – Tel. 0497380599

In Piazza Capitaniato 

Siamo in una delle cornici più coccole e caratteristiche di Padova, Piazza Capitaniato. Da un lato l’Università e dall’altro la Taverna LaYarda, casa degli universitari sì, ma non solo (anzi). Qui i prezzi sono accessibili, l’offerta è tanta, l’ambiente molto informale ma non per questo meno preparato e capace, e la selezione di alcolici è (quasi) infinita. Si parte con lo spritz, che qui è una vera e propria scommessa proposta in diverse varianti; si continua con l’americano rivisitato in quasi una decina di modalità (con Vermouth Carpano Antica Formula il mio preferito) e si continua con una ampia proposta di vini, amari, rum e whiskey di ogni genere e provenienza. I cocktail invece, meriterebbero un articolo a parte, tanta è la vastità. Il plus? L’ambiente ricco e rumoroso, che, di questi tempi di pandemia mamma quanto era mancato.
Layarda Taverna, Via Dondi dall’Orologio 1, Padova – Tel. 3483232000

In Via San Fermo

La patria dell’aperitivo lungo anzi, lunghissimo: il Venexino. Una istituzione a Padova che anno dopo anno (pandemia compresa) ha saputo reinventarsi rimanendo però colonna portante per una ampissima fetta di padovani. Qui si beve, si mangia, si beve e si mangia, si ride e ci si gode il momento per quello che è: un qui ed ora che merita tutta la nostra attenzione. Che sia un calice di vino (la selezione è vastissima), un americano o magari anche tre, o un Gin Tonic con un piattino di crudo per placare la fame; la serata è presto fatta.
Il Venexino, Via San Fermo 45, Padova – Tel. 0498759988

A Ponte Molino

Da fuori potrebbe sembrare Parigi. Dentro però, batte un cuore tutto italiano che si nota nella scelta degli ingredienti del menù e della carta drink; anima e cuore de Lo Scultore Cafè sito proprio a due passi da Ponte Molino. Qui il clima è frizzante, la clientela sempre molto affluente e la voglia di gioire ancora di più. Ecco perché sono già riprese le serate con l’accompagnamento musicale (specie di venerdì sera) che forse, e ribadisco forse, segnano l’inizio di una estate tutta in ripresa, ma soprattutto tutta da vivere…al bar.
Lo Scultore Cafè, Via San Fermo 120, Padova – Tel. 3931200226

In Piazzetta Camillo Benso 

Anche Enoteca Santalucia non molla e riprende in tutto il suo splendore a offrire alla affezionata clientela momenti di convivialità gioiosi e festosi. Anche qui infatti, il venerdì sera si “balla”. O meglio, si può ballare sì, ma da seduti (o battendo il piede a terra). Il tutto però in un locale elegante e con una offerta tra vini (sicuramente il loro cavallo di battaglia) e cocktail, che vi faranno dimenticare del sonno e della sveglia presto dell’indomani.
Enoteca Santalucia, Piazza Camillo Benso Conte di Cavour 15, Padova – Tel. 049655545

A Porta Trento

Il Bamboo si è di recente rifatto il look, ma non per questo ha perso smalto e una vastissima clientela che – appena ne ha avuto la possibilità – è tornata a riversarsi nei tavolini all’aperto come un tempo. Il consiglio qui è quindi quello di prenotare, o se non altro di arrivare prima possibile, per non perdersi l’occasione di bere bene, in centro cittadino, senza però il traffico e il caos dello stesso. Qui un Gin Tonic è d’obbligo, ma se proprio non fa per te tocca chiedere ai ragazzi al bancone che sapranno sicuramente ascoltarti e trasformare in forma liquida, le tue richieste.
Bamboo, Via Carini 5, Padova – Tel. 0498725938

All’Arcella

Che dire, Arcella Bella si riconferma anno dopo anno una certezza per il panorama del divertimento a 360° di Padova. E non tanto (o meglio, non solo) perché anno dopo anno ha promosso una riqualificazione massiccia di una zona che tanto meritava, ma perché ha saputo gestire una pandemia non perdendosi d’animo. Non a caso infatti oggi, propone serate diversificate: dalla musica, alle presentazioni, dalle stand up comedy ad altra musica ancora, tutto in una cornice perfetta per l’estate. A completare l’offerta? Ottime pizze e panini; nonché la proposta alcolica (e non) di alto livello di Aperture, altra realtà dell’Arcella che qui ha una sua “succursale” per tutta l’estate.
Arcella Bella, Via Jacopo da Montagnata (Parco Milcovich), Padova

A Vigonza

Chi non è mai stato almeno una volta al Movembik alzi la mano? Okay, ora riabassandola si infili in macchina e recuperi subito. Aperitivi lunghissimi, caraffe e musica live, questi gli ingredienti che da sempre contraddistinguono questo posto che ha cresciuto e temprato moltissime generazioni di padovani e che oggi, grazie alle restrizioni più agevolate, ritorna in pista con molti appuntamenti e la solita voglia di far bene. Inutile qui dare consigli, che siano shottini di Patron, Grey Goose ghiacciate con acqua tonica o caraffe di Long Island da dividere con gli amici tutto è permesso. Dubbi su quale sia il posto? Segui la musica, è già ripartita.
Movembik, Via Camillo Benso Conte di Cavour 32, Vigonza (PD) – Tel. 0490984805

Alla Stanga

Il Chiosco lo conosciamo praticamente tutti: che sia per un aperitivo veloce, una cena in compagnia per il compleanno di un amico, un brunch di gosssip con le amiche di sempre o un primo appuntamento rompi ghiaccio dopo cena con il lui tanto atteso (mannaggia il Covid).
Ecco, ora tutte queste cose sono qui di nuovo possibili. Certo, scordiamoci la calca nella pista da ballo e le tante sudate in piena estate; ma è già un inizio. Anche il Chiosco riapre i battenti e lo fa in tutta la sua particolare bellezza: tra luci soffuse e cocktail esotici tutti da scolarsi.
Il Chiosco, Via Ludovico Ariosto 10, Padova – Tel. 0497808349
  

A Terranegra

Altro giro, altro parco. Siamo al Parco della Fenice “Fenice Green Energy Park” che apre le porte al pubblico grazie ad una incredibile collaborazione: quella con i ragazzi di Busa dei Briganti di Padova. Gli ingredienti? Un parco immerso nel verde con parcheggio integrato, birra artigianale a fiumi (e come potrebbe essere il contrario), hamburger, sandwich ed altre innumerevoli prelibatezze made in Busa, cocktail e musica. Ah sì, che dura tutta l’estate l’ho scritto? No, ecco dura tutta l’estate.
Fenice Green Energy Park, Lungargine Rovetta 28, Padova – Tel. 0498713781


Foto interne reperite nelle rispettive pagine social dei locali. 
Foto di copertina di Arcella Bella

  • CONOSCERE E RIMORCHIARE
  • TRIBÙ DELLA NOTTE

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Il 18 giugno si celebra l’International Sushi Day

Uno dei piatti più amati dagli italiani, bambini compresi, e tra i più consegnati a domicilio in questo periodo di Pandemia.

LEGGI.
×