Mai in affari con gli amici? L’eccezione è la squadra a 6 del Timeout

Pubblicato il: 12 ottobre 2020

Mai in affari con gli amici? L’eccezione è la squadra a 6 del Timeout

Il modello Timeout è esattamente la risposta migliore da poter dare a tutte quelle persone che, in maniera molto scettica, affermano con sicurezza che “mettersi in affari con gli amici finisca sempre male”; o per gli affari o per l’amicizia.

Ma se invece si è temprati diversamente, se si hanno le stesse idee, le stesse passioni e si riesce a “giocare in squadra” anche fuori dall’ambito prettamente sportivo, perché dare ascolto ai soliti pessimisti e disfattisti?

Ne sono un esempio Giuseppe Sgaramella, Angelo Schirone, Marco Frascerra, Gennaro Laforgia, Francesco De Bari e Luca Cassano: sembrerebbe una formazione di calcio a cinque più uno… ed effettivamente è così! Loro, amici da tempo, hanno sempre avuto la passione per il calcetto, come un rituale, un incontro a cui non ci si può sottrarre, esattamente come si farebbe a lavoro! Loro sono sei... e quest'anno spengono sei candeline!



Loro, squadra del cuore da tempo, sono i fondatori della steakhouse più sportiva di Bari, provincia (e perché no, probabilmente anche di tutta la Puglia). Loro, appunto sanno già come giocare in squadra, avendo cura di non fare “il solista” del momento e di fare assist anche in condizioni esterme… tipo un sabato sera con il derby Inter-Milan.

Squadra che vince (evidentemente) non si cambia e viene scelta per creare un locale fondato sul vostro amore per lo sport!
(Giuseppe) Esattamente! Tutto sta nel comportarsi come dei componenti di una squadrata, pensando prima al bene del team, facendo sacrifici in nome di una passione comune, il nostro Timeout!

Riuscireste a farmi un riassunto di tutto quello che è il timeout?
(Angelo) Ci proviamo. Il Timeout è la prima Steakhouse di Bari. La sua anima è interamente devota allo sport e la location parla da sé: 2000 metri quadri, quattro sale di pura passione per lo sport, schermi al plasma e partite in diretta no stop.

Inutile dire che lo sport scorre nelle vene di tutti, basta guardarsi intorno…
(Marco) Non abbiamo una concezione univoca di sport associata esclusivamente al calcio. Dalle grandi competizione del passato a quelle live, sugli schermi del Timeout è possibile assistere a qualsiasi tipo di gara sportiva: hockey, pallavolo, basket, baseball…



Ok, lo sappiamo tutti che il miglior compagno di quadra di un incontro sportivo è…
(Gennaro) Il cibo! La nostra cucina è dedicata a tutti coloro che si riscoprono amanti della cucina tipica del fast food americano ma con qualche sorprendente rivisitazione. Tutto ciò che viene sfornato dalla cucina ha il nome di qualcuno o qualcosa di famoso legato al mondo dello sport.

In dodicimila metri quadri di locale qual è la zona più particolare?
(Francesco) Abbiamo un ring, una porta regolamentare che incornicia la cassa e gli spillatori di birra. Abbiamo anche dei piccoli spalti per accogliere tutti quei clienti in attesa di sedersi. In alto abbiamo montato uno schermo, e intanto si può stuzzicare qualcosa senza rinunciare al fischio d’inizio di una partita particolarmente importante. Non una sala d’attesa ma una vera tribuna!



Il ritrovo dello sportivo affamato, giusto?
(Luca) Esatto. Uno dei piatti forti è il Touchown: un sandwich stracolmo di pastrami fatto in casa Timeout con mostarda, emmenthal e cetrioli (ricetta di "The Kat'z Delicatessen di NY).

  • GLI ADDETTI AI LAVORI
  • INTERVISTA

scritto da:

Federica Scaramuzzi

Sarà banale, ma adoro la pizza e i gattini del web. In compenso sono alla ricerca di locali insoliti e originali. Dalla Murgia alla Laguna.. sono cacciatrice ufficiale di hidden gems! Odio il piccante e adoro la pasta al forno barese (originale) di mia nonna Graziella.

IN QUESTO ARTICOLO
×