Senza tirarsela!

DiMe Bistrot è un ristorante unico nel suo genere a partire dalla location - un capannone industriale che sarebbe diventato l'ennesimo complesso di uffici della zona commerciale di Marghera. E invece oggi è uno dei ristoranti con il design più eccentrico e interessante della città - per approdare al clou: la cucina creativa e arci rispettosa della materia prima. Un bistrot inimitabile ma non esclusivo per precisa volontà della chef e owner Serena Bergamo. DiMe è un salotto accogliente che vive di passioni: cucina, design e architettura. 

Il design (non) è tutto ma è fighissimo 

DiMe Bistrot sorge come un faro di design nella notte della zona commerciale di Marghera, vicino al grande centro commerciale Nave De Vero. È più di un recupero industriale e potrebbe essere un bel caso di studio per le riviste di architettura: quella che assomigliava ad una baracca dismessa si è trasformata in un building di design. Ferro, vetro e legno sono perfettamente fusi creando un habitat creativo e avvincente, cornice e supporto attivo dell'idea gastronomica fuori dagli schemi di Serena.

Come accade spesso quando ci si imbatte in qualcosa di veramente originale bisogna aspettarsi una filosofia di fondo che va oltre all’estetica e alla funzionalità.  Qui si tratta di amore, quello per il territorio di Marghera e per il suo fascino decadente nato da un passato importante e rivolto propulsivamente ad un futuro di innovazione e rivalutazione. 

La cucina di pesce che guarda al cambiamento

L'equilibrio e la sperimentazione regnano sovrani nella cucina di DiMe. Da un lato c'è la materia prima, la regina indiscussa. Viene scelta in base alla stagionalità e alla freschezza, curata, rispettata ed esaltata. Dall'altro c'è la sperimentazione che conduce verso nuove frontiere del gusto senza eccessi. Si personalizza con stile, si ricerca con competenza. Il concetto è quello del bistrot francese: si cambia ogni giorno, si mangiano piatti pazzeschi, si riesce a controllare il prezzo.

Cosa si mangia al DiMe

La maggior parte delle proposte sono di pesce, molte di queste lo presentano nella sua essenza: crudo. Il menù è poco accademico e molto personale, sempre stagionale e predilige gli ingredienti del territorio. Sia per il pranzo che per la cena tutto di basa sulla disponibilità delle materie prime e sulla sensibilità della chef. Potresti trovare piatti come lo Sgombro, pomodoro e basilico; l'Ombrina, bouillabaisse e cappero; lo Spaghetto aglio, olio, peperoncino e bottarga. 

Cosa si beve al Dime

Si rimane legati al territorio veneto con una selezione di etichette che raccontano, in vario modo, tutto il vino che si produce in questa Regione; ogni mese si aggiunge anche una piccola bacheca di vini ospiti dall’Italia e dal mondo, sempre diversi. Accanto ai vini una selezione particolare di birre dal mondo e una collezione di distillati, soprattutto gin artigianali.

Ogni occasione è buona per prenotare al DiMe

Scegliamo un ristorante non solo per il menù e l'atmosfera ma anche per l'occasione. Ad esempio, se si tratta di un pranzo di lavoro vorremmo mangiare qualcosa di salutare, leggero e veloce. Mentre per una cena romantica non guardiamo l'orologio e ordiniamo alla carta, dall'antipasto al dolce, con l’immancabile bottiglia di vino in pairing. Dime, in questo senso, è un vero bistrot che si adatta ai diversi momenti della giornata e alla diverse occasioni mantenendo intatto lo stile di cucina.

Serena è felice di accogliere esigenze specifiche e proporre soluzioni sartoriali, e nel caso di un numero di commensali superiore a sei c’è la possibilità concordare un piccolo menù degustazione. Meglio prenotare!

Qualcuno ha detto "degustazione"?

Hai presente quel gioco improntato sulla fiducia che prevede di lasciarsi cadere all'indietro? Dime propone la stessa esperienza (metaforicamente!) con i suoi percorsi serali di degustazione al buio. Si va dalle 5 alle 7 portate completamente guidate dalla mano dello chef. E se quello che cerchi è un momento esclusivo da godere in compagnia DiMe si mette a completa disposizione: pacchetti esclusivi per 20 o più persone che comprendono il noleggio completo del ristorante. E scusa se è poco!

  • RECENSIONE
  • BISTROT
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×