Mangiare il pesce nelle storiche trattorie di Roma: il naufragar m’è dolce in questi luoghi

Pubblicato il: 3 luglio 2020

Mangiare il pesce nelle storiche trattorie di Roma: il naufragar m’è dolce in questi luoghi

Nella vita di ogni persona ci sono luoghi privilegiati: possono essere paesi lontani in cui si è fatta una vacanza, spazi aperti o chiusi che ci ricordano l’infanzia o locali in cui abbiamo una parte del nostro cuore. Se ti è capitato di mangiare in alcune trattorie storiche di Roma, hai capito quello che sto dicendo. Ci sono luoghi a Roma in cui la ristorazione è leggenda: qui ogni piatto è il risultato di ricette tramandate nel corso del tempo, i camerieri sono una fucina inesauribile di racconti e di aneddoti e i muri sono tappezzati di foto e di cimeli. Allacciati le cinture e preparati a scoprire i ristoranti di Roma dove mangiando il pesce puoi saziare anche la tua anima…

La missione di Eden: la vera cucina mediterranea


Se sei aperto da 93 anni, un motivo ci sarà. Il Ristorante Eden ha aperto i battenti nel 1927 e a distanza di quasi un secolo, continua a stupire. L’amore per la buona cucina è rimasto inalterato e Claudio Casali, l’attuale proprietario, sa che il più grande tesoro di ogni ristoratore che si rispetti sono i fornitori. Il pesce fresco arriva ogni giorno dal porto di Anzio e viene cucinato con la passione di chi ama il mare sopra ogni cosa: spaghetti con telline, tonnarelli con gamberi rossi e pesto di rughetta, paccheri all’astice, bucatini con scampetti e pecorino di fossa e tonnarelli alla granseola. Questi i primi del ristorante, a seconda della disponibilità: di pesce congelato infatti non c’è traccia. Fra i secondi spiccano la frittura di paranza e il tonno in guazzetto di crostacei.
Piazza Ottavilla 14A, tel. 06 581 8413

Una trattoria di pesce all’ombra della Piramide Cestia


Era aprile del 1967 quando Giuseppe Salvi decise di aprire una piccola trattoria vicino alla Piramide Cestia. A distanza di 53 anni, quel locale si è allargato ed è diventato un punto di riferimento per il quartiere. L’amore per i sapori genuini e autentici è rimasto lo stesso, come la scelta di affidarsi solo a produttori locali e materie prime di qualità. La cena a base di pesce alla Taverna Cestia è goduria pura. Si può iniziare con una bella insalata di mare e qualche alice marinata, per poi passare alle linguine con astice, vongole e pomodorini. Oltre ai classici secondi (frittura di calamari, spigola e rombo al forno) c’è un delicatissimo trancio di tonno alla griglia con capperi, pachino, cipolla e olive nere.
Viale della Piramide Cestia 71, tel. 06 574 3754

Da Enrico a Piazza Bologna: solo per i numeri uno


Fama e successo non arrivano mai per caso. Sono il frutto di un lavoro incessante che può durare giorni, mesi, anni, decenni. Da Enrico a Piazza Bologna il successo è arrivato e adesso è difficile trovare un posto senza prenotare, anche in settimana: merito di una cucina fedele alla propria identità e di una gestione familiare che ti accoglie e ti fa sentire importante, sia che tu spenda 10 euro o che tu ne spenda 60. In termini di pesce, Enrico non teme confronti con nessuno. Il salmone marinato è una delizia da ristorante stellato, le orecchiette fiori di zucca e vongole hanno una marcia in più. E se ti lanci sulla frittura, potresti diventarne schiavo…
Via Michele di Lando 28-26, tel. 06 4423 7738

Trastevere vive e lotta insieme a noi


Allontanare i fantasmi della cucina turistica e far innamorare i passanti e i romani della vera cucina romana. Questo l’obiettivo di Checco Er Carettiere, ristorante simbolo di una Roma che non vuole cedere il passo. La Capitale che fu non è un ricordo lontano, è un presente che può ancora essere vissuto e gustato. Il menu è abbondante e contempla piatti di terra e di mare. Il primi di pesce sono una gioia: tagliolini con scampi freschi, risotto con scampi e spaghetti alle vongole. I secondi invece possono variare a seconda della disponibilità: di congelato, da Checco, c’è solo il gelato!
Via Benedetta 10, tel. 06 581 7018

Un ex convento del 1600 a due passi dal Colosseo dove il pesce è estasi pura


Vicino al Colosseo c’è un’osteria che splende di luce propria: Hostaria Isidoro. L’atmosfera è calda e accogliente, il servizio è molto attento. E il menu di pesce? Ambizioso. Lo si capisce già dagli antipasti: tortino di granchio e patate con vellutata al basilico e crostini di pane profumati e tentacoli di polpo croccante con maionese al prezzemolo fatta in casa. Anche i primi si discostano dalla classicità: ecco i ravioli di cernia con bottarga e sale di limone e basilico e gli spaghetti alla chitarra con aglio, olio, peperoncino e tartare di gamberi rossi e veli di spigola. Per finire, un secondo da favola: astice gratinato con salsa di melograno e olio piccante.
Via di San Giovanni in Laterano 59A, tel. 06 700 8266

Immagini interne prese dalla pagina Facebook dei locali
Immagine di copertina di Andrea da Flickr (CC BY-SA 2.0)

  • CIBO CHE FA BENE
  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI
  • VITA DI QUARTIERE

scritto da:

Angelo Dino Surano

Giornalista, addetto stampa, web copywriter, social media manager e sognatore dal 1983. Una vita intera dedicata alla parola e alle sue innumerevoli sfaccettature.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Checco Er Carettiere, l’anima della vera Trastevere che resiste da tre generazioni

Il ristorante simbolo della Trastevere che fu, oggi gestito dalle figlie dello storico proprietario Filippo Porcelli, rimane un angolo intatto della Roma di un tempo, dove gli orrori della cucina finto-turistica che attanagliano i dintorni sono stati scacciati

LEGGI.
×