Le nuove aperture a Roma. Verso una frizzante primavera

Pubblicato il: 11 marzo 2015

Le nuove aperture a Roma. Verso una frizzante primavera

Basta inverno. Voglio la primavera. Lo dico io, ma lo dice soprattutto Roma che, proiettata alle piacevoli serate primaverili, presenta vari locali nuovi, originali e un po' per tutti i gusti. Dai cocktail bar ai locali sfiziosi, dalla musica live ai bistrot parigini, dai panini più strani ai piatti ancora poco conosciuti  della nostra tradizione. Scopriamo insieme alcune delle più interessanti aperture romane dell'ultimo periodo.

Matti per i taglieri

Alla Locanda del Prosciutto gli insaccati sono il tratto distintivo con grandi taglieri di salumi e formaggi, particolarità regionali e rarità. Qui si posson ordiare anche la mortadella di Chianina e una delle porchette più buone del Lazio. Il tutto da accompagnare con un buon bicchiere di vino.

Il giapponese anche vegetariano

A pranzo c'è un menu tutto vegeteriano in questo nuovo ristorante asiatico in zona San Giovanni. Altra specialità dell'Hari i Dim Sum, proposti in tante varianti.

Bagel è trendy

Nel cuore di Roma, a pochi passi da San Pietro e dalle maggiori vie dello shopping, è nato Nanù (via Varrone 2C) un locale di ispirazione israeliana dove il bagel (la ciambella salata con curry e semi vari tipica di Tel Aviv) viene farcito in moltissimi modi e accompagnato a centrifughe e altri cibi salutari spesso vegani.

Lo stecco artigianale

Il paradiso del ghiacciolo in zona Parioli. Presso il Mercato Rionale lo SteccoLecco propone gelati su stecco con creme, frutta fresca ed esotica in molti gusti,

La polpetta a Km 0

Street Food, certo, ma salutista, bio e a km0. All'All_Bi_One polpette a portar via nel bicchiere di carta o in panino. Da abbiare con cetrifughe di verdura e frutta magari.

Hamburger romaneschi

Nuova panineria e friggitoria in Largo Lanciani. Al Pa'Zinga l'hamburger è cosa seria fatto con amore e tanta genuinità romana.

Cocktail e segreti

In via dei Cappellari ha aperto Argot, un cocktail bar dall'aspetto misterioso e non a caso ispirato a una confraternita di mendicanti segreti. Insomma, se vi piace il mistero, Argot fa per voi.

Ci beviamo Na Cosetta

Na Cosetta. È questo il nome dato a un nuovo locale del Pigneto. Un saloncino originale, un bistrot dove musica live, design e menù sfiziosi non mancano. E dove c'è anche il tavolo da ping-pong.

Panineria alternativa

A Ottaviano è arrivato Oibló - crasi di oibó e obló - (via Tolemaide, 16). Panini artigianali e gourmet realizzati dal forno Feliziani e farciti in tantissimi modi. E il venerdì c'è anche la pizza.

Calici sempre pieni

Un locale gestito da un 25enne nella zona della Luiss non poteva che attirare clientela giovane ed essere subito un successone. Si tratta di Rova: 35 coperti, stuzzichini e calici di vino per tutti i gusti a partire da 4 euro.

Dal teatro all'osteria

Mangiafuoco fa venire in mente Pinocchio o anche l'ex teatro Mangiafuoco a Monteverde. È proprio qui che è nata l'Osteria Mangiafuoco: cucina romana doc con qualche tocco siciliano.

Sicilia in bocca

Tra le aperture più recenti e folkloristiche dell'ultimo periodo c'è Cus Cus - Come da Carmelo a Marina di Ragusa. Un ristorantino in zona Bologna dove tutti i giorni viene servito il tipico cous cous siciliano. Eh sì, perché il cous cous non è solo arabo.

Forno gluten free

Un forno al 100 per cento senza glutine. Tra le aperture di fine 2014-inizio 2015 c'è anche Pandalì (largo di Torre Argentina): pane, focaccia, pizza a volontà. E per soddisfare anche i palati più golosi tanti dolci fatti in casa.

Foto Castel Sant'Angelo di Giuseppe Milo da Flickr. Creative Commons.
Per essere sempre aggiornato sui nuovi locali della Capitale iscriviti alla newsletter

  • CENA
  • PRANZO
  • EAT&DRINK

scritto da:

Francesca Demirgian

Giornalista, blogger, ma soprattutto sognatrice. Amante dei libri, del web, delle tendenze, delle sfide e della vita in tutte le sue sfaccettature. Il primo articolo l'ho scritto a 18 anni, era solo l'inizio di un entusiasmante viaggio che mi avrebbe portato dalla letteratura, alla cronaca, dalla cultura al lifestyle a 360 gradi, facendomi scoprire che ogni momento della mia giornata può essere uno spunto per iniziare a scrivere.

POTREBBE INTERESSARTI:

Sharper night 2020: la Notte Europea dei Ricercatori è online

27 e il 28 novembre novembre, per la notte europea dei ricercatori, si terranno oltre 500 appuntamenti da 13 città a cui parteciperanno più di 700 ricercatori e oltre 100 istituzioni culturali

LEGGI.
×