Cuculia Firenze, un ristorante dove si respira l'amore per la cultura e la buona cucina

Pubblicato il: 26 maggio 2019

Cuculia Firenze, un ristorante dove si respira l'amore per la cultura e la buona cucina

Oliver&Roberta, una giovane coppia 
attenta a proporre una cucina
contemporanea con tocchi fusion

Cuculia è un ristorante dove il mangiare è un’arte. Merito dell’estro creativo dello chef venezuelano Oliver Betancourt e della passione per la letteratura della moglie Roberta. Un locale dove si respira l’amore per la cultura e per la buona cucina, nel segno della creatività e di uno stile personalissimo. Aperto nel 2012, di anno in anno, ha subito un'evoluzione. Da un bistrot libreria, con il tempo il ristorante ha conquistato sempre di più la sua dimensione e affinato lo stile conquistando consensi crescenti. Oggi è un punto di riferimento in Oltrarno per chi non si accontenta e cerca una proposta di qualità, originale e creatività.

Oliver, raccontaci la tua formazione. Quali sono stati i tuoi primi passi nel mondo della cucina?
“Sono nato in Venezuela nel ’76. La cucina di mia nonna ha segnato la mia formazione. Dopo aver conosciuto lo chef catalano Aitor Garbizu, ho deciso di partire per andare alla scoperta di nuove cucine nel mondo. Sono arrivato in Francia dove ho lavorato da Fontainebleau a Parigi in alcune delle migliori cucine stellate. Per approfondire i metodi di cucina tradizionale francese mi sono poi trasferito in Corsica e dopo questa esperienza è stata la volta di Madrid. Nella capitale spagnola sono venuto a contatto con la cucina orientale grazie al lavoro con chef thailandesi e giapponesi. Ho avuto modo di conoscere e lavorare con gli chef Andrés Madrigal, Juan Pablo Felipe e Sergi Arola. Nel 2007 sono partito alla volta dell’Italia e nel 2012, insieme a mia moglie Roberta, abbiamo aperto Cuculia Ristorante Libreria”.

Ristorante e libreria: quanto è importante per voi l'aspetto culturale?
"Per noi la cucina è cultura, si percespiscono influenze artistiche. Ci piace poi proporre eventi e iniziative all'interno del locale".

Quali sono le caratteristiche della cucina di Cuculia?
“Si parla tanto di arte nel piatto, di una cucina capace di valorizzare gli ingredienti senza rinunciare all’aspetto estetico. Cuculia porta avanti questo discorso da tempo. Poi c’è la capacità di rinnovarsi sempre: non mangi mai lo stesso piatto, grazie all’abilità di Oliver nel proporre di volta in volta in una veste rinnovata e originale ogni pietanza. C’è sempre creatività nei suoi piatti, dai colori brillanti. Merito della capacità di lavorare gli ingredienti in un certo modo, a cominciare dalle verdure”.

Cosa si può mangiare da Cuculia?
“Il menu è stagionale, cambia in base alla disponibilità delle materie prime. Ci sono delle costanti come il seitan e il tofu di produzione propria, particolarmente apprezzati dai vegetariani e dai vegani. Ci piace inoltre offrire un’entratina, di solito una vellutata, per cominciare il pasto. Pane, pasta e dolci sono prodotti da noi. Non c’è una distinzione netta in menu tra antipasti primi e secondi: ci piace che sia il cliente a combinare il suo menu. Per concludere in bellezza ci sono poi i dolci di Oliver”.

Perchè scegliere Cuculia?
"Per essere coccolati: ci piace trattare i clienti come se fossero davvero a casa nostra. Per provare una cucina creativa e accostamenti insoliti. Per trovare stimoli culturali non solo nel piatto ma anche nell'ambiente circostante. Per stare bene e apprezzare la nostra cucina fatta con cura e con amore".

Se questo articolo ti è stato utile iscriviti alla newsletter di 2night per rimanere sempre aggiornato sui locali della tua città

  • GLI ADDETTI AI LAVORI

scritto da:

Raffaella Galamini

Sono nata a Viterbo ma Firenze con i suoi tramonti mi ha conquistato: da 15 anni abito in riva all’Arno. Qui scrivo, mangio, corro e scopro posti nuovi, non rigorosamente in quest’ordine. Il mio passatempo preferito è consigliare agli amici un ristorante da provare a cena o cosa fare nel week-end.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

10 malghe e rifugi gourmet: mangiare bene, e tanto, in alta quota

Quando scatta quella pazza voglia di raclette, yogurt di malga con i frutti di bosco e vinello dolce.

LEGGI.
×