Le pizzerie all'aperto del Mestrino per riconoscere che la pizza non è tutta uguale

Pubblicato il 13 agosto 2021

Le pizzerie all'aperto del Mestrino per riconoscere che la pizza non è tutta uguale

Potresti conoscerle o averle già sentite nominare ma, a meno che tu non sia un patito della sperimentazione o un critico gastronomico, perdonami se dubito che tu sia stato in tutte, ma proprio tutte, le nove pizzerie del Mestrino di cui ti sto per parlare. 

Sicuramente hai una tua preferenza: pizza bassa o pizza altapizza con il cornicione o senzapizza tradizionale, pizza creativa, pizza chiusa e fritta, pizza al metro. Io, ad esempio, sono il classico tipo da margherita con impasto sottile e bordo alto – de gustibus. Perché, caro/a lettore/trice, la pizza non è tutta uguale e adesso te lo dimostro con queste otto pizzerie a Mestre e dintorni, i cui unici punti in comune sono materie prime di qualità e tavoli all’aperto. Se sei vegano/a o hai intolleranze, non preoccuparti, ce n’è anche per te. 

Due avvertenze d’uso prima di iniziare il tour. La prima: corri il rischio di abbandonare la tua storica pizzeria di fiducia. La seconda: è sempre bene prenotare, soprattutto nel fine settimana. 

A Marghera: la pizza napoletana, ma come piace al Nord


La Conchiglia a Marghera è un’istituzione. Il proprietario Maurizio conosce bene la propria clientela e sa che al Nord la pizza piace croccante (ed economica). Per questo, la sua pizza napoletana ha sì il bordo alto e la bufala di Battipaglia, come la tradizione partenopea comanda, ma ha farciture con prodotti perlopiù veneti, anche stagionali. Il menu si divide tra pizze classiche e pizze speciali, senza dimenticare i calzoni. I prezzi non superano mai la doppia cifra, per una serata godereccia, all’aperto e amica del portafoglio. Anche il Gambero Rosso ha notato la Conchiglia – pizzeria nota anche con il nome “Dai Salernitani”, date le origini della famiglia che la gestisce – e l’ha già premiata più volte. Qui le mie pizze preferite sono la parmigiana con le melanzane fritte (fritte per davvero) e quella con salsiccia e friarielli, meglio se con impasto integrale.
Alla Conchiglia. Via Trieste, 122 - Marghera (Ve). Tel: 041935756

Ad Asseggiano: la pizza pluripremiata con i presidi Slow Food


«Ma parli sempre del Grigoris?». Sì, lo ammetto, sono un po’ fissata con la sua pizza sottile al centro e con il cornicione alto ai lati – quando lo mangio sento tutta la qualità delle farine macinate a pietra da grano italiano. Il menu si divide sapientemente in pizze di terra e pizze di mare, tutte con prodotti Slow Food e da fornitori certificati: contadini, pastori, pescatori che si impegnano a tramandare tradizioni e tecniche di produzione di padre in figlio. Io qui prendo sempre la classica margherita o, meglio, la Dop con pomodoro pelato San Marzano Dop dell’Agro-Sarnese Nocerino, fiordilatte di Agerola, foglioline di basilico fresco, per assaporare pochi gusti ma godermeli tutti fino all’ultimo boccone. Di recente è arrivato il terzo spicchio del Gambero Rosso. Il plateatico esterno è ampio, in legno e circondato da un’aiuola, così mangi isolato dalla strada e dal passaggio delle macchine. 
Grigoris. Via Asseggiano, 147 - Asseggiano (Ve). Tel: 041915501

A Mira: la pizza gourmet con prodotti Igp, Dop e Km 0


Il nome racconta bene la filosofia di questa pizzeria a Mira dotata di un rilassante dehor circondato dal verde: è l’Evoluzione del Gusto, locale che sforna pizze gourmet, sperimentando nei sapori e seguendo il ciclo vitale della Natura. Tutto comincia con una famiglia che incarta pizze da asporto. Adesso quella stessa famiglia sforna impasti leggeri e fragranti, valorizzati da prodotti locali a Km 0: tutti Slow Food, Igp o Dop. La lista è ampia: dalle classiche alle più creative, dalle “novità” stagionali alle “chicche” fatte con ingredienti artigianali, come porchetta o scamorza affumicata di bufala. In foto, pizza con pomodoro San Marzano, fior di latte, alici masculine di Magghia Dop, olive di Ferrandina, colatura di alici, burrata pugliese artigianale (una delle "chicche", per l’appunto). 
L'Evoluzione del Gusto. Via del Capitello Albrizzi, 16 - Mira (Ve). Tel: 041421268 / 3480028371

A Spinea: la pizza leggera, bassa e sottile 


Per chi ama la pizza sottile, con il bordo basso, senza cornicione; la pizza dall’impasto leggero che non ti fa sete, il Barone Rosso a Spinea è un’ottima destinazione. L’offerta è molto vasta. Ci sono pizze tradizionali e pizze creative, anche per palati raffinati. Si contano all’incirca un centinaio di alternative, con possibilità di farsi personalizzare l’impasto grazie alla disponibilità di farine di vario genere. Il locale ha un design moderno e, soprattutto, ha un bellissimo giardino estivo dove potersi godere la propria pizza in un’atmosfera amichevole e accogliente, senza puzze sotto il naso. 
Barone Rosso. Via Martiri della Libertà, 15/17 - Spinea (Ve). Tel: 041990153

A Mirano: la pizza campana, anche fritta o al metro 


Il numero che conduce al paradiso delle pizze napoletane, quelle vere, cucinate (o fritte, perché la goduria non è mai troppa) da pizzaioli napoletani, è il 19: cornicione alto, impasto tipicamente napoletano, ingredienti di qualità e prezzi molto onesti. La pizzeria è 19 Al Paradiso. La location nella campagna miranese, rustica e un po’ spartana, è molto accogliente; ha tavoli all’aperto e pure un ampio parcheggio, cosa da non sottovalutare affatto. Una delle peculiarità è senza dubbio la pizza al metro servita sul tagliere di legno (oltre a quella fritta, ben s’intende), senza dimenticare il babà e la pastiera, altre pietanze che hanno reso famoso il locale. 
19 Al Paradiso. Via Luneo, 37 - Mirano (Ve). Tel: 041431939 / 3663732781

A Mestre: la pizza focaccia gourmet


Al Bistrot 55 la pizza non è una vera e propria pizza, ma una pizza focaccia cotta al vapore che si fa in sei (spicchi) per soddisfarti. Ok, la battuta è terribile: fortuna che non ho mai voluto fare la comica! La qualità degli ingredienti è alta e l’offerta è gourmet: pizza focaccia con impasto al nero di seppia, farcita con cipolla di Tropea all’agro, uvetta, pinoli, baccalà mantecato e olio al prezzemolo; oppure pizza focaccia con tacchinella cotta a bassa temperatura, salsa tonnata, roast beef di tonno, frutti di cappero, germogli e sale integrale (in foto). Insomma, il tenore è più o meno questo: credo di aver reso l'idea. I tavoli all’aperto, a 55 passi da Piazza Ferretto, circondati dalle aiuole, sono uno dei miei posti preferiti del centro città. 
Bistrot 55. Piazza Erminio Ferretto, 55 - Venezia (Ve). Tel: 3929169903

A Mestre: la pizza come a Napoli con la bufala di papà


Cappello di Totò (in foto), pizza fritta e calzone: dalla Campania con la bufala di papà, i Fratelli La Bufala girano l’Italia portando la vera pizza napoletana nelle varie regioni. Il Veneto e la città di Mestre non fanno eccezione, per la fortuna delle mie e delle tue papille gustative. La famiglia proprietaria è salernitana. Il padre era un produttore di mozzarelle di bufala, per questo i figli venivano soprannominati “fratelli la bufala”, appellativo che hanno voluto omaggiare intitolando così la loro pizzeria. Oggi il padre non c’è più, ma il suo ricordo rimane nelle insegne dei locali lungo tutto la Penisola e nell'ingrediente principale delle loro pizze napoletane. Alla faccia di quelli che sostengono che la vera pizza si mangia solo a Napoli. I tavoli all’aperto sono nella Corte Marin Sanudo, a due passi da Piazza Ferretto. 
Fratelli La Bufala. Corte Marin Sanudo, 17 - Mestre (Ve). Tel: 041970466

A Zelarino: la pizza digeribile con il cornicione 


L’ultimo ampliamento del Piper è l’adiacente pizzeria Impronta, che nella zona lascia decisamente il segno. I prodotti provengono esclusivamente da aziende biologiche italiane; l’aglio di Nubia e il conciato romano sono Presidi Slow Food; le acciughe del Mar Cantabrico, i wurstel tipo servelade (perché non tutte le viennesi sono uguali), la salsiccia piccante calabrese sono Dop e certificati. Il risultato è una cena all’aperto, in un giardino privato, con una pizza leggera e digeribile, dal bordo alto, preparata con farine italiane macinate a pietra, lievitata oltre 72 ore con un metodo che mette al riparo da picchi glicemici. La goduria è assicurata: hai visto la foto?! TripAdvisor ha di nuovo assegnato all'Impronta l’etichetta Travellers’ Choice. 
L’Impronta. Via Castellana, 97/F – Zelarino (Ve). Tel: 0418479975

A Maerne: la pizza leggera, anche vegana e senza glutine


La location è un piccolo angolo di paradiso, con l’ampia terrazza all’aperto con vista sul giardino: una pausa dalla frenesia cittadina a base di prodotti perlopiù biologici, impasti con farine macinate a pietra e una pizza leggera ed estremamente digeribile. Ci sono anche gli impasti al kamut, al farro monococco, multicereali e, per gli intolleranti, l’impasto senza glutine accreditato Aic (Associazione italiana celiachia). L’attenzione è rivolta pure alle diete vegane: nel menu ci sono ben cinque alternative. Completano la carta le tre pizze con pesce, le tredici pizze creative, le classiche, le bianche, le chiuse e le pizze stagionali, tutte anche in versione baby. Ti basta come scelta?
Al Bivio degli Artisti. Via Ca’ Bembo, 38 - Maerne di Martellago (Ve). Tel: 0413642000


Foto interne dalle pagine social dei rispettivi locali
Foto di copertina dalla pagina Facebook di Fratelli La Bufala 

  • PIZZE PARTICOLARI E GOURMET
  • MANGIARE ALL'APERTO

scritto da:

Giulia Cescon

Ho un superpotere: mi circondo di ritardatari cronici pur essendo sempre in anticipo. Amo il lunedì, non mi piace la birra e mi sveglio sempre dopo il primo squillo di sveglia. La normalità è sopravvalutata.

IN QUESTO ARTICOLO
  • Alla Conchiglia

    Via Trieste 122, Venezia (VE)

  • nuovo teatro di mirano

    Via Della Vittoria 75, Mirano (VE)

POTREBBE INTERESSARTI:

Come sarà la vendemmia? Poca ma buona e con un mercato in forte ripresa

26 milioni gli ettolitri già vendemmiati in Italia e i dati sono incoraggianti. La qualità, soprattutto, è ottima.

LEGGI.
×