A Matera c'è un locale decisamente frizzante, ce lo hanno raccontato Paola e Valeria

Pubblicato il 20 ottobre 2021

A Matera c'è un locale decisamente frizzante, ce lo hanno raccontato Paola e Valeria

Il mondo si fa ogni giorno più grande e, persino in località dalle non esagerate dimensioni, la "diversità" viene accolta come un inestimabile tesoro. E "Bollicine" è proprio questo: diverso, nel senso più positivo del termine. A Matera, lì dove la tradizione impera sovrana, una famiglia ha deciso di osare e di scommettere sul proprio futuro. Innovazione, rispetto per la storia culinaria locale ed entusiasmo sono i punti cardine di questa scommessa, perché, se si ha il coraggio di mantenere un sorriso sul viso, tutto diventa più facile da affrontare.
Paola e Valeria Cimmino, titolari dell'attività, hanno risposto ad alcune domande. Scopriamo insieme il locale "Bollicine", dal cuore materano ma dall'anima romana.

Ditemi di voi, come mai avete deciso di investire a Matera?


 
La nostra è una storia di viaggi, di scoperta e di una scommessa fatta col futuro. Noi siamo di Roma ma, un giorno, tornando a visitare Matera, pregna dei ricordi della nostra infanzia, l'abbiamo ritrovata mutata e in un modo che non ci saremmo mai aspettate. Era diventata "viva", aperta al mondo e i Sassi non appartenevano più soltanto ai materani bensì a tutti coloro che decidevano di avventurarsi per le loro vie impervie. Si dice che i sogni appartengano a chi sa osare e noi ci abbiamo provato. C'era questa antica cantina, scavata a fondo nella roccia, e il nostro cuore innamorato l'ha riconosciuta come il posto perfetto in cui avviare la nostra attività. Avevamo già esperienza nel campo, per cui sapevamo molto bene come il "Bollicine" ci avrebbe cambiato la vita.
La cantina è stata ristrutturata, il tufo reso asciutto e ospitabile, e, dopo non molto, abbiamo appeso la nostra insegna in via Casalnuovo, accogliendo turisti e persone del posto pronte a lasciarsi conquistare da una cucina fusion ma rispettosa delle tradizioni locali. Il nome "Bollicine", infatti, non richiama solo gli ottimi coktail offerti dal locale, bensì anche la frizzantezza e la gioia di provarci, credendo fermamente nelle nostre capacità.

Parliamo del menù e della vostra cucina fusion. Sembra interessante!



Noi non usiamo precotti, prepariamo tutto sul momento, dato che crediamo fermamente in una cucina che si fa forte di materie prime fresche e di qualità. Il nostro menù è legato profondamente alla terra e ai piatti tipici del posto. Per fare degli esempi: peperoni cruschi serviti come antipasto, da accompagnare a un primo come la crapiata materana (zuppa di legumi e cereali misti) e, concludendo, con un secondo piatto di agnello al forno, pomodorini, patate e cipolle. Ma non solo... Anche se siamo a Matera, in pochi sanno resistere al richiamo di una carbonara preparata da un romano! Difatti, sebbene la nostra cucina abbia l'anima del posto, il nostro cuore è di Roma e crediamo in una cucina fusion che parli di una tradizione tutta italiana, puntando sempre e solo all'intoccabile qualità delle materie prime.

Vedo tanti vini! Cosa offre la vostra cantina?



La cucina lucana e quella laziale hanno in comune un unico denominatore: il vino. Siamo famosi per la nostra cucina fusion, ma i vini e il buon bere sono dei capisaldi intoccabili del "Bollicine". Qui, il dio Bacco la fa da padrone in tutti i sensi, diventando anche una parte fondamentale dell'arredamento. Il locale è una cantina naturale, d'altronde ci troviamo nell'antica "via del vino", ed esponiamo le bottiglie in bella vista proprio perché i clienti sappiano che cosa offriamo e su cosa puntiamo. C'è davvero l'imbarazzo della scelta: vini nazionali e, soprattutto, regionali, che siano bianchi o rossi, siamo pronti a soddisfare le richieste anche del cliente più esigente. Ma non serviamo solo vino! Il nostro bancone spazia per ogni dove, offrendo amari e liquori del posto, come l'"Amaro dei Sassi", cocktail più tradizionali e una gintoneria che ci rende, forse, unici nel panorama materano e di cui andiamo molto orgogliosi!

C'è un genere di musica che preferite e che proponete ai clienti?

Abbiamo dei generi che preferiamo. Le cover lounge, Papik, Belugas, con tipiche note calde che possano accompagnarsi all'arredamento senza stonare. Ma non disdegniamo nemmeno generi più romantici... La cosa fondamentale, per noi, è far sentire a proprio agio i clienti. Guardiamo molto ai tavoli e, in base all'età prevalente, cerchiamo di spingere un certo tipo di musica piuttosto che un altro. Il Covid, in questo, ci ha molto penalizzati. Eravamo soliti organizzare feste a tema, dove la musica, il vino e il buon cibo erano i protagonisti della serata ma, con le successive restrizioni, purtroppo non abbiamo più potuto spaziare in tal senso e neanche organizzare un angolo in cui poter servire solo aperitivi. I tavoli andavano distanziati ed era impossibile destinare lo spazio ad altro che fosse la ristorazione, il nostro obiettivo primario. Ma contiamo di tornare a fare tutto e con più grinta di prima! Organizzare serate a tema, con tanta bella musica e confusione come piace a noi, sempre col sorriso.

Avete anche una saletta all'esterno, organizzate delle feste private? 



Assolutamente! All'occasione, riserviamo gli angoli più belli e i tavoli per feste di laurea, compleanni, fino ad arrivare anche a matrimoni senza troppe pretese per numero di invitati. Abbiamo anche dei tavoli all'esterno, che non danno sulla strada, ideali per una cenetta romantica estiva o un pranzo con gli amici. Lì c'è anche un torchio che abbiamo fatto restaurare, in memoria dell'antico scopo per cui queste sale vivevano in tempi più antichi.

Dopo anni di esperienza alle spalle,
c'è qualcosa che ancora riesce a infastidirvi?


A parte le recensioni false? Sicuramente il fatto che molti fatichino ancora ad accettare una cucina fusion a Matera! La nostra cucina ci rende particolari, autentici e unici nel panorama materano ma, nonostante il nostro menù sia un vero e proprio tripudio alla tradizione del posto, spesso, lo scetticismo di alcuni clienti nel sentir nominare la carbonara ci lascia perplessi.
"Perché una cucina romana a Matera?"
Innanzitutto, esprimersi in questi termini è altamente riduttivo. La cucina locale rimane comunque il nostro forte, ciò che proponiamo maggiormente ai clienti, tuttavia non ci può esser chiesto di ignorare le nostre origini! Sono la nostra ricchezza, ciò che ci rende tanto forti e, per chi sa vedere oltre, intuirebbe che Matera, ormai, non è solo dei materani. È una città aperta al mondo, che si è guadagnata un posto fra i fiori all'occhiello dell'Italia e una carbonara, così evocativa degli antichi sapori italiani anche all'estero, è sempre ben gradita. Si tratta, appunto, di un piatto tipico della nostra nazione e servirlo in una città che è sotto i riflettori di tutto il mondo è, per noi, un vero onore.

Avete mai avuto la possibilità di ospitare eventi o personaggi famosi?

Di base, a noi piace la confusione! Adoriamo essere in mezzo alla gente, alla vita ed essere parte di qualcosa. La nostra cucina è e sarà il tesoro di cui andiamo più orgogliosi, ma ci teniamo all'idea di essere al centro di quel cambiamento che, da anni, sta investendo la città di Matera. Perciò collaboriamo con tutti i principali e i maggiori eventi che hanno contribuito a renderla famosa. Dalla collaborazione con la Fondazione Matera 2019, fino al Matera Film Festival, abbiamo avuto la possibilità di ospitare molti personaggi e attori famosi, da ultimo la troupe del film "No time to Die" (D. Craig C. Waltz, R. Malek), girato, in parte, proprio a Matera.

Lo staff: siete un'attività a gestione familiare?



Esattamente. Noi, Paola e Valeria, con i nostri rispettivi mariti portiamo avanti l'attività da quando è nata e tutti fanno la loro parte. Essendo, noi, una famiglia, non sono mai mancati momenti esilaranti, di condivisione e di confronto, che ci hanno portato a maturare insieme, sino a rendere il "Bollicine" un locale di cui poter andare orgogliosi. Accogliamo i nostri ospiti con la frizzantezza che ci contraddistingue e aspettiamo solo che tutte le restrizioni legate alla pandemia vengano meno per tornare a organizzare eventi come prima. Siamo uniti e pronti a ripartire con la grinta e l'entusiasmo che ci hanno permesso di realizzare i nostri sogni.

  • GLI ADDETTI AI LAVORI

scritto da:

Paola Montemurro

Sono un po' nerd e un po' romantica. Se in una discussione vengono fuori i nomi di Darth Vader e Jane Austen, torno a casa appagata. La scrittura è il mio pane quotidiano e i fogli bianchi sono tutto ciò che chiedo per sorridere ed essere felice.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​World Pasta Day: l’Italia si conferma leader a livello internazionale

In Italia si producono 3,9 milioni di tonnellate di pasta con una filiera che conta 120 imprese, oltre 10mila addetti e quasi 200mila aziende agricole italiane impegnate a fornire grano duro di altissima qualità.

LEGGI.
×