Viaggio nelle regioni italiane, stando fermi a Padova

Pubblicato il 19 novembre 2021

Viaggio nelle regioni italiane, stando fermi a Padova

E chi l’ha detto che per assaggiare le specialità tipiche regionali del nostro Bel paese, bisogna prendersi ferie?
Soprattutto perché, dando un rapido sguardo al calendario, la gioia del “beh dai, magari facciamo ponte” sfuma in un attimo.
8 Dicembre? Mercoledì. Natale e Santo Stefano? Non lo scrivo nemmeno va. Primo gennaio? Ahahah. L’Epifania? Di giovedì. Botta di vita invece si avrà il 25 aprile che, con la Festa della Liberazione potremo festeggiare anche un lunedì libero; prima di ripiombare nelle tenebre con la Festa dei Lavoratori e quella della Repubblica, rispettivamente di domenica e di giovedì.
Piangersi addosso? No. Prenotare in uno di questi posticini che promettono un weekend fuori porta, senza muoversi da Padova? Andata dai.

Un giro al Sud

La Campania 

Cosa meglio della pizza napoletana riesce a rendere l’uomo più felice? Se lo scopri – e magari ha anche meno calorie, fammelo sapere ti prego. Da Rosso Pomodoro trovi Napoli, ma non solo, nella sua migliore forma: quella tonda, con il cornicione alto alto, la pasta morbida e leggera e i condimenti che vabbè oh dai, l’estate è ancora lontana non pensarci ora su. Si inizia con la tradizione con “salsiccia e friarielli”, si continua con l’arroganza grazie alla ‘Mbuttunata – pizza fritta ripiena di mozzarella, pomodoro, pepe e basilico, o si sceglie uno dei grandi intramontabili: riso patate e provola. Devo dirlo che il sorriso poi esce in ogni caso? Io non credo.
Rosso Pomodoro, Via dante 34, Padova – Tel. 0498751645

La Sicilia 

Da Bisicchia Rusticheria Siciliana c’è l’arancino, perché le altre “copie” beh, “non le conosciamo” dicono. Un posto questo, che con una tradizione familiare ferrea e un grande sognatore – Angelo – è riuscito a portare in pieno centro patavino non solo il gusto di Catania, ma anche il suo calore e soprattutto profumo. Qui tutto racconta di un viaggio, ma anche di una storia lunga generazioni che non vuole interrompersi ma che anzi, punta a farsi conoscere in ogni angolo dell’Italia. Cosa resta a noi? La gioia di godere di piatti ben preparati, offerti al giusto prezzo, in un ambiente caloroso che ci ricorda quella vacanza fatta “giù”. Un esempio? Pasta alla norma, al nero di seppia o aglio olio e acciuga; un ottimo modo per presentarsi alla riunione del pomeriggio carichissimo. Non ti ho convinto? Al bancone chiedi una "scacciata" e lasciati guidare dal gusto. 
Bisicchia Rusticheria Siciliana, Via Giovanni Berchet 11, Padova - Tel. 0495014002

La Sardegna

A La Piccola Trattoria hanno tutto, manca di fatto solo il mare, ma promesso: una volta riempita la pancia di specialità sarde, al mare nemmeno penserai più. Qui unica parola d’ordine è Porceddu, servito con le patate al forno, ma nemmeno i Malloredduss alla Campidanese – un sugo con salsiccia sarda – scherza eh! Qualcosa di più leggero? Gnocchi di patate di Rotzo fatti in casa con pesto di carciofi sardi, pomodori secchi e olive o sardine impanate con salsa agrodolce. Ah non è leggero? Allora caponata di pesce spada con melanzane e patate al forno, e la loro versione di zuppa inglese con Pistoccheddusu di Ovodda. Dai, di leggero c’è la certezza di scegliere un locale, e sapere di mangiar bene.
La Piccola Trattoria, Via Rolando da Piazzola 21, Padova – Tel. 049656163

Un giro al Centro

La Toscana

Una volta addentata la ciccia toscana, diciamolo pure, la cercherai il lungo e in largo ovunque ma ahimè, con scarsi risultati. Questo perché la cucina – ma lo sappiamo – richiede non solo la scelta di ricette della tradizione, ma anche studio, ricerca, selezione di personale e materia prima di qualità e una mente sempre aperta non tanto al cambiamento, quanto più all’ascolto del cliente: prima fonte di crescita di ogni ristoratore. Lo devono aver capito bene da Passando Per Firenze, il secondo locale della riuscita scommessa di “Passando Per…” che non si è fermato a riprodurre i piatti della tradizione fiorentina, ma anzi, ha creato un ambiente che subito ti ricorderà la magica città di Firenze. E poi vabbé, ti basterà sapere che qui la fiorentina è servita rigorosamente al sangue, su tagliere di legno e già porzionata: come vuole la tradizione. Il posto poi, oltre che unico, ben si presta a tavolate numerose!
Passando Per Firenze, Via Adriatica 63, Padova – Tel. 3896530544

L’Abruzzo

Tutto al Ristorante Braceria Barra Larga racconta del suo ideatore – lo Chef – nato in un piccolo paesino tra le colline pescaresi, Pianella, ai piedi del Gran Sasso – che oggi serve a due passi dal centro di Padova, una grande selezione di cucina tipica abruzzese. Il piatto forte? Ovviamente gli arrosticini, rigorosamente di carne di pecora; e l’agnello cotto alla brace.  Un consiglio? Tieni sempre d’occhio la pagina Facebook del locale perché qui si organizzano spesso eventi a tema, ma anche sconti veramente da non perdere!
Barra Larga, Via Postumia 2, Selvazzano Dentro (PD) – Tel. 049620783

Il Lazio

Ma quanto è difficile fare una cacio e pepe? Io lo so, tu lo sai, e allora perché imperterriti e incuranti del sicuro scarso risultato, continuiamo a destreggiarci in preparazioni che non son per noi? Perché una vita senza cacio e pepe non è vita, ma se proprio devi mangiarla – poco fuori il centro città, di Padova però – allora devi proprio andare all’Antica Osteria Romana, un posto rustico e casareccio con una cucina laziale da sogno. Porchetta di Ariccia, animelle impanate su crema di pecorino, rigatoni alla vaccinara, spaghetti cacio e pepe o alla carbonara e un tripudio di carni da far venire l’acquolina, tagliata di canguro compresa.
Antica Osteria Romana, Via Sang Giorgio 37, Santa Giustina in Colle (PD) – Tel. 3398598715

Un giro al Nord

Il Veneto

Cosa meglio di un “cicchetto” caratterizza la nostra regione? Certo siamo d’accordo, come tutte le regioni anche la nostra è costellata di tradizioni che si tramandano di mano in mano, di ricettario in ricettario e variano pressoché ogni paesino. Ma è vero anche che quando qualcuno viene qui da noi, la prima cosa che chiede è di far aperitivo, mangiando un cicchetto (meglio se una selezione di) e bevendo un “gotto de vin”. Dove? Da Frascoli, un bacaro in stile veneziano che in pieno centro città promette scintille. E se poi vuoi fermarti di più e assaporare qualcosa di tradizionale, ma anche di più sostanzioso, le porte sono aperte!Un consiglio? Lasciati ispirare dai profumi.
Frascoli Bacaro, Via del Santo 93, Padova – Tel. 049660505

L’Emilia Romagna

La cucina romagnola io la amo perché, come me, mette il carboidrato prima di tutto il resto. E la dieta muta. Al Taìadel (le tagliatelle al ragù), i Caplett (i cappelletti) al burro e Parmigiano, ma anche gli gnocchi al ragù bianco de porcini o i Garganèl al sugo di pomodori datterini, olive e pinoli o la gramigna paglia e fieno al ragù di sasiccia e piselli. Niente pasta? Tocca provare la piadina artigianale allora. Un consiglio? Misto di piadine con prosciutto, mortadella e cotto alla brace: ottimo modo per stuzzicare qualcosa senza troppo impegno, tutti in compagnia. A conclusione poi, crespelle farcite con crema pasticcera e la giornata continua sicuramente diversamente.
Ca’ Pelletti, Via Andrea Mantegna 2, Padova – Tel. 0498302615

Il Friuli Venezia Giulia

Da Sì Streetalian Food mi piace andare quando la fame è tanta, ma di cosa ancora non l’ho deciso. Qui apro il menù e mi lascio trasportare in un viaggio tutto all’italiana e in Italia. Sì perché qui c’è un po' di tutti i posti, un po' per tutti i gusti ma anche un po' per tutte le tasche. Mi piace particolarmente la selezione di piatti del Friuli, in quanto trovare a Padova un ottimo frico di patate, beh, mica semplice eh! Qui è proposto con fonduta di Montasio, porcini scottati al profumo di rosmarino e speck di Sauris. Che chicca incredibile! L’ambiente poi, studiato ed elegante, ma mai impostato; si presta a moltissime occasioni: dall’aperitivo veloce con le amiche, al pranzo aziendale con i colleghi.
Sì Streetalian Food, Via Dante 42, Padova – Tel. 0497386254
 
 


Foto interne reperite nelle rispettive pagine Social dei locali 
Foto di copertina di Emanuele Mariani per Bisicchia

  • RISTORANTI E PIATTI TIPICI

scritto da:

Anna Iraci

Nata a Padova qualche anno fa, appassionata di film gialli e pizza diavola, meglio se assieme. Giocatrice di pallavolo nel tempo libero e, nel restante, campionessa di pisolini. Saltuariamente (anche) studentessa. Da grande voglio scrivere, ma siccome essere grande è una rottura, intanto bevo Gin&Tonic. Con il Tanqueray però.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​Cantine Aperte a Natale: l’ultimo appuntamento 2021 tra degustazioni, visite in cantina e cene a lume di candela

Ecco gli appuntamenti del calendario pensati dal Movimento Turismo del Vino.

LEGGI.
×