Lazio a rischio zona arancione: la nuova batosta per i ristoranti

Pubblicato il 4 marzo 2021 alle 11:51

Lazio a rischio zona arancione: la nuova batosta per i ristoranti

L'aumento repentino dei casi, afferenti alle varianti inglese e brasiliana, mette in ginocchio l'intera regione. I ristoranti rischiano ancora di chiudere

Il nuovo Dpcm Draghi non ha cambiato la modalità di intervento e le regole previste in ogni zona. Le colorazioni, mantenute, impongono una chiusura dei ristoranti a pranzo ovunque se non in zona gialla e bianca. Si conferma la chiusura serale e il divieto di asporto di alcolici dopo le 18.00 e di cibo dopo le 22.00. 

E ora, le nuove varianti inglese e brasiliana, riscontrate su tutto il territorio regionale nel Lazio (così come in quasi tutta Italia) spaventano. La maggiore diffusione è imputabile ad un livello di contagiosità più alto. È questo a spaventare e a far schizzare i numeri in una curva che si appresta a salire. Lo si apprende dalle ultime comunicazioni dell'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato che annuncia un possibile passaggio a zona arancione a partire da lunedì 8 marzo. 
Inoltre, si ricorda che nel Lazio sono già presenti 5 Comuni passati a zona rossa: in provincia di Frosinone, di Roma e di Latina.

La situazione nazionale 

In realtà anche la situazione nazionale regionale non lascia spazio a previsioni ottimistiche. La diffusione delle varianti inglese e brasiliana, oltre che africana, si registra su tutto il territorio nazionale. In particolare il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro,  mercoledì 3 marzo in conferenza stampa a Palazzo Chigi ha dichiarato che la variante brasiliana del coronavirus è diffusa al 4,3% in quattro regioni: Umbria, Toscana, Marche e Lazio. A queste zone si aggiunge quella della Ciociaria, tutta già in zona arancione.  

La crisi per il settore ristorativo

Per i ristoranti, affaticati dopo un anno di continue chiusure, questa potrebbe rivelarsi come  l'ennesima batosta. Da lunedì 8 marzo i ristoranti e locali aperti a pranzo potrebbero dover richiudere ancora una volta, nel caso si decidesse per un'unica colorazione arancione generale, più aree rosse. 

Sarà comunque sempre consentito, anche in zona arancione e rossa, l'asporto ed il delivery di cibo dalle 5 alle 22.00. È ancora vietato l'asporto di alcolici dalle 18.00 in poi da locali e ristoranti. 

Phoot Credits: ​Foto di djedj da Pixabay 
 

  • NOTIZIE
×