Matò - un pranzo a base di street food pugliese

"Matò" è un’esclamazione pugliese che indica "stupore". Quando ho incontrato Mirco e ho assaggiato le prelibatezze di questo suo locale avrei voluto più e più volte esclamare "Matò!" e ne avrei avuto i miei motivi. Lo street food che lui e Vito propongono in Via Venti Settembre è davvero di alta qualità. Questo progetto vede già tre sedi: la prima in ordine di apertura in zona Piazza Bologna, Via Lorenzo il Magnifico 26, la seconda in Via Napoli 50 e questa - aperta a fine 2017. Mirco ha avuto, per quasi 17 anni, una pizzeria nello stesso luogo in cui sorge adesso l’ultimo nato di “casa Matò”, mentre Vito (pugliese di origine) aveva una tavola calda a pochi passi da qui. Quando si sono conosciuti, nel 2010 hanno pensato di creare un prodotto pugliese di qualità da commercializzare a Roma. Grazie alle scuole per pizzaiolo di proprietà di Mirco, dove si studiano ovviamente anche gli impasti, sono stati modificate le basi delle ricette tradizionali pugliesi – portandole a lunga lievitazione –  creando così prodotti più digeribili e più leggeri (la puccia, per esempio, lievita circa 48 ore).
focaccia, matòMa cosa si mangia da Matò? Trattasi di cucina pugliese "a portar via": panzerotti, pucce, focacce, rustici ma anche i famosissimi pasticciotti leccesi; tutto questo (e molto altro) è acquistabile in questo piccolo e variopinto locale dove Il rosso e l'avion dominano la vetrina, le stigliature e i rivestimenti interni e dove il personale, gentile e sorridente, ti accoglie e propone i prodotti esposti in bella vista in un’atmosfera allegra e colorata.
Da Matò ci si può recare dalla mattina fino a sera, vi è la somministrazione di caffè e cappuccini fatti rigorosamente con caffè di torrefazioni pugliesi, per una colazione classica a base di pasticceria nostrana o con i già citati pasticciotti. Se non li avete mai mangiati vi dico solo che dovete assolutamente provarli, il pasticciotto leccese è una di quelle cose che ti fa fare pace con il mondo anche se è un Lunedi mattina e hai di fronte una pesante settimana di lavoro. In quel momento, quando affondi i denti in questi involucri di frolla e crema (crema e ananas, crema e amarena o tiramisù - giusto per citare alcuni dei gusti che sono disponibili da Matò) tutto il resto, intorno, semplicemente sparisce.
focaccia ripiena, matòSe volete un pasto veloce o una merenda alla mordi e fuggi, qui da Matò potete scegliere tra varie opzioni, che hanno una cosa in comune (anzi due): sono di qualità eccelsa e di costo davvero onesto; per un panzerotto si pagano 2/2,5 euro una puccia costa 4,5 euro e il rustico 2,5 euro, tanto per parlare di cifre. Durante la settimana, poi, è possibile anche mangiare o portar via i primi, anch’essi tipici pugliesi come il tradizionale riso patate e cozze e due sere a settimana (Martedì e Giovedì) c’è l’aperitivo con DJ set o musica dal vivo dove con 10 euro si possono avere piatti caldi, street food e da bere. I prodotti, come vi dicevo, sono di qualità eccelsa, merito anche della loro attenta selezione da parte dei proprietari che fanno arrivare tutto, ma davvero tutto, dalla Puglia: dalla mozzarella fino alle farine, passando per le verdure, i sott’oli o i vini (solo pugliesi, sia rossi che bianchi) tutto è selezionato in Puglia e scelto accuratamente.
panzerotto, matòA proposito di prelibatezze, ve ne consiglio alcune che ho potuto assaggiare con mia grande soddisfazione. Prima di tutto la focaccia. La focaccia pugliese è gusto e godimento insieme, unta il giusto da farti aumentare la salivazione e farti venire solo voglia di mangiarne ancora e ancora e ancora (quella che ho provato io era con pomodorini, cime di rapa e stracciatella). In menù anche le focacce ripiene, preparate con l'aggiunta di patate all'impasto e farcite con mortadella, provolone e tartufo oppure crema di ceci e cime di rapa o anche con le melanzane alla parmigiana.
E che dire della puccia? Fantastica quella con nodini, capocollo di Martina Franca e cime di rapa. Delicatezza e sapore sono tutti racchiusi nel panzerotto, una pasta leggera che avvolge un ripieno (nel caso si scelga il panzerotto tradizionale) di mozzarella e pomodoro. Infine una nota di merito va al rustico, che è differente dal classico piccolo rustico che conosciamo a Roma; trattasi di un grande involucro di sfoglia ripieno (nel mio caso) di ragù bianco, grana e piselli, una nuvola di gusto e sapore.
rustico, matò
 Matò Street Food - Via Venti Settembre, 41 - Roma
Tel. 0642010120  
Orari: Lunedi - Sabato 6:30 - 22:00
 

 

Matò Street Food

Via Venti Settembre 41, Roma Roma (RM)

Focaccia barese, puccia salentina, panzerotti fritti ripieni bollenti e poi ancora pasticciotto, dolci e taralli. Anche Roma oggi ha finalmente un angolo (anzi tre)...leggi...

ORA PUOI LEGGERE:

Porto Fish & Chips. Pesce a portata di tasca in zona Prati

Il quartiere Prati è centro nevralgico della ristorazione romana, per chi si trovasse in zona e volesse una cena easy a base di solo pesce c’è Porto Fish & Chips a soddisfare i palati; nel caso di...

di naima tomaselli