LOCALI E RISTORANTI · EVENTI OGGI FIRENZE · PROMOZIONI
capodanno firenze · locali firenze

O'Munaciello Firenze

map

DA MANGIARE:

Pizza Totò, Bomba di Maradona, Scialatielli, pastiera napoletana

DA BERE:

vino bianchi e rossi del sud

MUSICA:

napoletana

recensione promozionale

O' MUNACIELLO: LA TRADIZIONE VIVA E I SAPORI VERI DI NAPOLI

Un condensato di tradizione partenopea in un locale pieno di vita, sempre in movimento e curato in ogni suo prezioso elemento. L'arredamento ricco di cimeli, pomodori, corone d'aglio e peperoncini alle pareti, l'edera sui muri, ceste di frutta e verdura, ricordano il clima rustico e chiassoso dei vicoli del quartiere spagnolo di Napoli. Tra la cucina e il forno a legna è addirittura teso un filo di panni... LEGGI TUTTO con calzini, pantaloni e magliette e nella prima sala, tra le sculture tipiche che ricordano la città, ci sono delle finestre da dove si affacciano signore urlanti, come quelle che nella periferia della città gridano da un lato all'altro della strada.
Lo spirito è festoso, l'accoglienza è calorosa e la cucina sa come coccolare i suoi ospiti. 
La qualità è ripagata dal successo: il locale è sempre pieno, quindi è vivamente consigliata la prenotazione.

PIZZA La pizza è la protagonista assoluta, con un impasto soffice e croccante preparato dalle mani esperte di Carmine Candito, pizzaiolo da vent'anni che fa del suo mestiere un'arte. Gli ingredienti sono tutti campani: provola fresca, mozzarella di bufala di Mondragone, fiordilatte di Sorrento, acciughe di Cetara, pomodoro di Angri, farina Caputo napoletana, olive di Gaeta. Immancabili i friarielli con la salsiccia di Napoli (non speziata, ma solo sale e pepe). Tra le specialità: la Piennolo (con pomodorini freschi coltivati ai piedi del Vesuvio), la Carmine, con 3 gusti scelti a sorpresa dal pizzaiolo, e la Totò con scaglie di grana, basilico e melanzana al funghetto. Tra i calzoni, per i più affamati, la Bomba di Maradona: doppia pasta, prosciutto cotto, mozzarella e ricotta.

IN CUCINA Il giovane chef Andrea Candito propone squisitezze partenopee soprattutto di pesce. Tra gli antipasti: mozzarella in carrozza, Frienno Magnanno (mix di frittura all'italiana), insalata Maruzzella con gamberoni, scampi, tonno crudo e triglie, oppure O' Sfizioso (tris di mari e monti a discrezione dello chef). Gnocchi, tagliolini e scialatielli sono fatti a mano. Da provare gli ziti alla Totò (ragù di carne e provola affumicata) e i  paccheri tonno, pesto, pomodorini del Piennolo e olive taggiasche. Tra i secondi di pesce spicca il polpo alla griglia con provola affumicata e, per chi ama la carne, il filetto di maiale al pepe rosa. Tutti i dolci sono della casa, anche la pastiera e il soufflè al cioccolato.

CANTINA Una buona scelta di vini al bicchiere che cambiano a secondo del clima e della stagione. Nella carta si trovano sia i Chianti classici che vini del sud, come la triade dei bianchi campani -  Falaghina, Fiano di Avellino e Greco di Tufo – e tra i rossi il Lacryma Christi, il Vino del Vesuvio, l'Aglianico e  l'Etna Rosso.

MUSICA E EVENTI Il normale sottofondo di musica napoletana ogni mercoledì prende vita con i concerti live del cantante napoletano Silvano Murgia, che si esibisce accompagnato da musicisti e cantanti partenopei di una certa fama. Alle 21 inizia a suonare canzoni più lente (da Caruso a Villa) e dalle 22 la situazione si scalda: partono le ballate e il pubblico è coinvolto a cantare, ballare e battere le mani. Le feste del calendario (Natale, Capodanno e San Valentino) sono celebrate con calore e un menù speciale a prezzo fisso. Lo stesso vale per i festeggiamenti tipici napoletani come il 19 settembre, San Gennaro, dove non può mancare un duo canoro a rallegrare gli ospiti, nonché due cartomanti a disposizione per leggere il futuro a chi non è troppo scaramantico.

AMBIENTE Ogni dettaglio richiama alla tradizione napoletana: dalle tovagliette di carta con i numeri della smorfia alle bellissime terracotte dei Maestri Ferrigno, famosi scultori partenopei, artigiani dal 1836. Tra le loro opere senzaltro si distingue un grande angelo che ad ali spiegate sovrasta la sala più grande. Molti particolari riportano ad un'atmosfera  casareccia un po' retrò, come un jukebox originale anni '50, ancora funzionante, le figurine del Napoli Calcio, le foto in bianco e nero di Totò o una vecchia madia piena di oggetti della cucina.

ANGOLI SPECIALI Il locale è molto ampio ed ha angoli speciali, come il “Portico”, un gazebo dove a Natale (dall'8 dicembre) viene fatto un presepe tradizionale con figure a grandezza naturale che si muovono, opera di artigiani di Napoli.
Per chi invece vuole regalarsi una serata romantica, c'è uno spazio privilegiato, la Saletta Reginella: un priveé intimo e accogliente pensato per le coppie, dove il soffitto è un intreccio di rose e angioletti di ceramica. Qui la cena è prevista con un abbondante menù fisso (a 50 euro escluso le bevande) dove si assaggia una portata di ogni piatto.

Ottobre 2012
recensione 2night: O'Munaciello

Un vicolo di Napoli catapultato nel cuore di Firenze. Nel grande salone si muovono le terracotte dei Maestri Ferrigno, una vecchia tv dipinta di celeste trasmette film in bianco e nero di Totò e i migliori goal di Maradona, la musica e l'atmosfera esprimono tutta l'allegria festosa del sud. La pizza è quella napoletana doc e in cucina tutto è preparato espresso con ingredienti speciali: pomodorini, mozzarelle, provola fresca, olive e farina provengono dalla calda terra partenopea.

Febbraio 2013

2night 2015-03-17
 
comments powered by Disqus