Ristorante Vecchia Dogana, la qualità del pesce di mare sul lago di Garda, tutto l'anno

Il ristorante Ristorante Vecchia Dogana di Lazise ha alle spalle oltre trent’anni di storia, ma di fatto ri-nasce due anni fa. Grazie ad alcuni lavori di ristrutturazione e ad un totale re-branding rispetto alla precedente destinazione di natura più turistica, Vecchia Dogana si propone con un’idea e un concept completamente rinnovato. E vincente. In poco tempo, infatti, ha ottenuto ottimi riscontri presso la clientela e una crescita fortissima, che non accenna a fermarsi. Nel 2019, fra l’altro, ha ottenuto il “Certificato di Eccellenza-TripAdvisor” e il primo posto fra i ristoranti del comune gardesano.

La qualità come imperativo

Vecchia Dogana vanta cinquanta coperti nelle sue sale interne e ben cento coperti nella splendida terrazza con vista lago. È situato a due passi dalla Dogana Veneta (da cui prende il nome) e a breve distanza dalla Pieve di San Nicolò e dai luoghi di maggior interesse di Lazise. Il menu alla carta ha il suo fiore all’occhiello nel pesce crudo e, in generale, nella varietà di piatti dedicati al pesce di mare, anche se non mancano, ovviamente, le alternative: tagliolini al tartufo o all’astice, risotti di mare, all’amarone o con zucca, riduzione di amarone e granella di amaretti, gnocchetti alla rapa con il gorgonzola e il tartufo; tartare, guanciale, branzino al sale, rombo mediterraneo o grigliata di crostacei. Insomma, se da una parte chi ama il pesce al Ristorante Vecchia Dogana può davvero sbizzarrirsi, anche chi predilige altri tipi di sapori può trovare ricette particolari, curiose e soprattutto gustose. Ciò che, però, dà vero valore all’offerta del ristorante è di sicuro la scelta delle materie prime, sempre fresche e di grande qualità. Il pesce crudo viene preparato al naturale e, spesso, sono proprio le tartare di tonno, servite senza condimenti o con solo due gocce di succo d’arancia e frutti rossi, ad indurre alcuni clienti a tornare alla Vecchia Dogana solo per riassaporare quel piatto.

Un territorio che parla di vino

Anche la carta dei vini, peraltro, propone una selezione di elevata qualità. La Vecchia Dogana offre, in questo caso, principalmente prodotti del territorio, che indubbiamente ha tante eccellenze: dai Franciacorta ai Lugana e ai Valpolicella, i vini autoctoni costituiscono circa l’80% della proposta, anche se non mancano le “chicche” scovate in giro per l’Italia per poter offrire una panoramica comunque di ampio respiro. Per chi ama, infine, il prodotto d’oltralpe, il locale vanta una decina di etichette di champagne, che arricchiscono ulteriormente la gamma.

Eventi di gran classe

Il ristorante, infine, risulta a totale servizio della Dogana Veneta, l’immobile del 1200 da sempre cuore della vita economica e sociale di Lazise e splendida location per cerimonie ed eventi di altissimo livello. L’edificio – ristrutturato una decina d’anni fa – vanta una terrazza sul lago di 200 metri quadrati e, nella sala che permette di organizzare pranzi e cene di gala con 450 coperti, una vetrata di quaranta metri di larghezza per nove di altezza che lascia spazio ad un’illuminazione naturale di grande impatto. Gli eventi sono organizzati e personalizzati da uno staff dedicato, specializzato nell’accontentare tutti i tipi di esigenze, forte anche dell’ottima qualità proposta dagli chef della Vecchia Dogana. Lo scenario naturale da una parte e quello storico-artistico, dall’altra, rendono il luogo davvero ideale per creare un effetto scenico di grande suggestione. E non a caso in passato hanno scelto la Dogana Veneta per le proprie convention clienti come Ferrari, Porsche, Lamborghini, Google, ma anche coloro che – dagli Stati Uniti, dall’India o dal Libano - hanno voluto questa location per celebrare il proprio matrimonio.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Ti spiego perché la marijuana light si usa per il relax

Sempre più persone ne fanno largo uso per rilassare corpo e mente. Ma cos'è veramente la pianta che in America sta facendo parlare di una vera e propria “green rush”, la corsa all'oro verde? Un esperto del settore fa il punto della situazione in Italia e ce ne spiega i benefici.

LEGGI.
×