Non è solo un bistrot. I Compari Sicily for Life è un pezzo autentico di Sicilia, in corso Indipendenza. E lo capisci quando ti siedi, ancora prima di assaggiare quello che hai ordinato. La selezione delle materie prime non fa compromessi in fatto di qualità e privilegia i piccoli produttori siciliani. Dietro al bancone c’è Tommaso Cannata, panificatore da quattro generazioni, che insieme al socio milanese Antonio Longhi ha dato vita a questo angolo di Sicilia, in pieno centro a Milano.

Parola d’ordine: qualità


Tommaso Cannata è socio fondatore di Simenza, l’associazione che raccoglie tutto il meglio del bio siciliano, è stato nominato il miglior fornaio di Sicilia nel 2016 ed è l’unico fornaio dell’associazione CHIC - Charming Italian Chef. Il pane è il biglietto da visita dei I Compari. Un “pane d’autore” dove la materia prima di qualità è lavorata dall’esperienza di quattro generazioni. Quella dei Cannata, infatti, è una storia familiare che inizia negli anni ’60 e va avanti nel tempo, tramandata da padre in figlio. A Messina l’attività di famiglia è la Boutique del Pane.

La granita a colazione


La giornata da I Compari inizia con la prima colazione. E qui scordati il cappuccio perché, rispettando la perfetta tradizione siciliana, il primo pasto della giornata è con la granita: panna e “brioscia” con il “tuppu”. Si tratta di una vera e propria istituzione e, una volta assaggiata, si capisce perfettamente il perché. Viene preparata seguendo l’autentica ricetta siciliana, con un’attenzione particolare per tutto il procedimento. La panna ha una consistenza perfetta, e il gusto non è troppo dolce. Merito dello zucchero d’uva che viene utilizzato per non rovinare il colore della granita. Il risultato è un perfetto bilanciamento di sapori. Le alternativa all’insegna del sicilian tasting non mancano: cannoli, cassata, cornetti e paste di mandorle. Tutto è fatto in casa, come se fossimo davvero a Messina. Il gusto ringrazia.

La differenza sta nella farina


Solo farine di lavorate a pietra e che arrivano direttamente dalla Sicilia. Il “Pane d’Autore” è un must, che si può assaggiare con farina di Perciasacchi con mandorle autoctone siciliane e olive Tonda Iblea, oppure con pomodorino secco IGP e capperi di Salina. Ogni giorno inizia quando ci si mette al lavoro per sfornare pane fresco. Le sementi biologiche come tumminia, perciasacchi, evolutivo esaltano l’amore per la tradizione ma vengono anche impiegate in nuovi sistemi di produzione, con tecniche all’avanguardia.

Il bistrot per il pranzo


Ogni momento della giornata è quello giusto per fermarsi a scoprire I Compari. A pranzo, non possono mancare gli arancini, che qui sono gli arancinu, preparati con riso esclusivamente siciliano. Ma la scelta è ampia anche per una pausa pranzo veloce che però non rinuncia alla qualità: caponata, braciola, involtini di spada e focaccia alla messinese. Qualsiasi portata si decida di assaggiare, si avrà la certezza di gustare tutta la genuinità dell’isola, direttamente a Milano.

Mangiare in un giardino


La novità per l’estate 2021? Sicuramente il grande spazio esterno da 105 metri quadrati, con tanto di food truck, proprio nell’area verde di corso Indipendenza, che può ospitare fino a 100 coperti. La location è perfetta per eventi selezionati che possono essere feste private ma anche eventi aziendali oppure degustazioni mirate.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×