Il Kilburn è il “bar sottocasa” dove berebene, con una selezione di distillati così interessante che diventa il suo tratto distintivo. Parte tutto da qui, dalla qualità delle materie prime che finiscono nel bicchiere: qui si impara che ogni ingrediente di un cocktail si deve sentire e ogni proposta non è solo un drink ma un vero e proprio “percorso sensoriale”. Ha aperto nel giugno 2016, e oggi è un punto di riferimento a Milano in fatto di miscelazione.

#BereBene

Si possono assaggiare 11 cocktail storici e i 5 stagionali che cambiano a ogni edizione della cocktail list. D’inverno i cocktail da scoprire sono l’Ossimora, l’Elegance, il Masterpiece e l’Ingannatrice. Di sicuro ogni drink proposto ha una storia da raccontare e in più Ennio, dietro al bancone, non miscela solo drink ma cerca di capire i gusti di ogni cliente, declinandoli in un “cocktail su misura”.

Perché i cocktail stimolano i sensi

La qualità prima di tutto. Nessun compromesso. Il resto lo fa l’arte mixologist. Ogni cocktail che finisce nella lista è frutto di una lunga sperimentazione: solo quando ogni ingrediente è in perfetto equilibrio il cocktail è pronto per essere assaggiato. L’Ossimora, ad esempio, è tra le proposte più complesse della lista: un cocktail morbido ma non troppo e per apprezzarne tutte le sfaccettature di gusto, occorre assaporare prima un sorso poi l’altro, senza fretta, prendendosi tutto il tempo necessario. Il suo gusto si gioca infatti sui contrasti, come in un ossimoro: il dolce e l’amaro, e nel finale si percepisce un sentore di mora. Tutto è perfettamente in equilibrio, nessuna nota è fuori dal coro, l’alchimia è perfetta, quasi magica. 

Il mood londinese in Porta Venezia

Ennio, il bar manager, porta un po’ di Londra a Milano. Ecco spiegato il nome, Kilburn, che è quello del quartiere della capitale britannica dove ha vissuto per due anni. Il british style lo si ritrova appena entrati: sulle pareti ci sono le fotografie che raccontano il progetto di vita di Ennio, con le immagini scattate proprio a Kilburn. L’arredamento crea la giusta atmosfera perché ci si sente ospiti più che clienti. Proprio come negli storici locali londinesi, il cliente si sente a casa: concedersi una bevuta qui ha sempre il sapore di una chiacchiera tra amici.

Aperitivo servito al tavolo

All’ora dell’aperitivo, insieme al drink arriva al tavolo anche un tagliere, con il meglio della selezione di salumi e formaggi italiani, incluso nel prezzo. L’attenzione non si sposta mai dal bicchiere, il cibo non fa altro che mettere in risalto i sapori. Non si viene qui per mangiare ma per bere bene. E ogni volta l’effetto sorpresa si rinnova, come in una sorta di incantesimo dove la magia sta nello scoprire sempre una sfumatura di gusto diversa. #Enjoy.

Foto di capertina dalla pagina Fb di Kilburn Milano

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
  • Kilburn

    Via Panfilo Castaldi 25, Milano (MI)

POTREBBE INTERESSARTI:

Ti spiego perché la marijuana light si usa per il relax

Sempre più persone ne fanno largo uso per rilassare corpo e mente. Ma cos'è veramente la pianta che in America sta facendo parlare di una vera e propria “green rush”, la corsa all'oro verde? Un esperto del settore fa il punto della situazione in Italia e ce ne spiega i benefici.

LEGGI.
×