"Taste the future" è la scritta che campeggia all'ingresso del locale: da The Stellar in effetti ogni giorno la ricerca di nuovo proposte nel campo della ristorazione e della mixology è costante tra light lunch, aperitivi e cene. Non poteva esserci nome più azzeccato di The Stellar per un posto che non si limita a proporre un semplice itinerario del gusto ma addirittura disegna una costellazione di sapori. Già il locale all’interno del Granaio dell’Abbondanza in San Frediano a Firenze, oggi trasformato in un hub per start up digitali, invita ad assaporare il futuro senza dimenticare le proprie radici e soprattutto vivendo il presente con pienezza di gusto e di profumi. 


The Stellar apre la mattina alle 8 e prosegue il suo percorso fino a tarda sera: mezzanotte durante la settimana e nel week end anche oltre. Un orario che copre tutta la giornata anche in base alle diverse proposte che offre: da The Stellar si può fare colazione con i migliori caffè e croissant guarniti al momento altrimenti pranzare, concedersi un aperitivo, cenare e chiudere la serata con l’ultimo drink prima di andare a nanna. A rendere all'altezza delle aspettative del cliente ogni momento il food&beverage manager Alessandro Fresoli.

Cocktail stellari e tapas da dieci 


L’aperitivo di The Stellar punta sui Signature Cocktail del Barman Nicola Spaggiari. Un alchimista della mixology tra infusi e liquori artigianali. Ecco quindi che in carta troviamo The Stellar (cocktail con infuso di cannella e scorze d’agrumi, whisky Jameson Black Barrel, bitter al pepe rosa artigianale e ginger beer speziato) o Apollo (estratto fresco di carota, finocchio e ginger, liquore artigianale all’alloro, vodka Moe 1886 e soda al mango). Un occhio di riguardo anche per il mondo degli analcolici, ben rappresentati con drink ispirati alle costellazioni: Gemini (pestato di lime con zucchero mascobado, mix di mente e soda ai frutti di bosco) e Lira (estratto di pera, kiwi e agrumi, sciroppo al passion fruit e ginger artigianale).

A una proposta già ampia e articolata si aggiunge poi la carta degli spritz e dei cocktail internazionali con relative variazioni grazie a una selezione di gin, whisky, rum e vodka. Gli amanti delle birre trovano alcune delle migliori trappiste, chi vuole concludere la serata con un liquore o un distillato non ha che da chiedere la proposta che fa per lui.

Non potevano mancare tapas da abbinare per un perfetto food pairing: dal club sandwich al tagliere di salumi e formaggi, dalle crocchette di patate alle mozzarelline e a una selezione di fritti. Una sintonia perfetta tra il bancone del bar e la cucina grazie all’intesa tra Nicola Spaggiari e lo chef Luigi Bonadonna.

Identità e futuro nel piatto


Fedele alla filosofia “Taste the future” il menu di The Stellar proposta una cucina identitaria in termini di ingredienti e materie prime ma dall’approccio contemporaneo per tecniche di cottura, abbinamenti e consistenze. Merito dello chef Luigi Bonadonna pronto a immaginare il futuro nel piatto. Ben rappresentano la sua filosofia l’uovo poached croccante del Parisi e la quaglia farcita con bietola, rigatino, mela e pane, con il suo uovo e cremoso di foie grass tra gli antipasti. Tra i primi piatti ormai iconica la carbonara 3.0 accanto a proposte come i maltagliati di castagne e cacao con ragù d'anatra, olive taggiasche e polvere d'arancia e lo spaghetto “Morelli” al nero di seppia con tartare di scampi, risottato nella sua bisque. Tra i secondi il coniglio disossato farcito con funghi porcini, pane toscano, prugne e patata ripiena di cremoso di lardo, la quaglia farcita con bietola, rigatino, mela e pane, con il suo uovo e cremoso al foie grass e l’anatra di "Laura Peri" in dolce forte, millefoglie di patate al rosmarino, salvia in tempura e crema di pane alle erbe; per gli amanti delle proposte veg imperdibile la bistecca di cavolfiore e le sue declinazioni. Dessert spettacolare è la trilogia di cioccolato 32% - 58% - 72% con cuore di arancia accanto alla torta "rotta" di frolla con crema pasticcera, fichi caramellati e gelato al mandarino.

Due i menu degustazione da cinque portate: di terra e di mare.
A pranzo la proposta è lo start up lunch: due primi, due secondi e due antipasti freddi mentre la sera con maggiore calma ci si può divertire ad esplorare il menu di Bonadonna.

La carta dei vini

La selezione di bianchi rossi e rosati può contare sull’esperienza di vino.com, azienda leader nel mondo dell’ecommerce che ha sede proprio ai piani alti del Granaio dell’Abbondanza in Oltrarno. Oltre 500 le referenze nazionali e non che sono in carta e possono essere ordinate a pranzo e a cena. 

Una proposta per la sera

Grazie agli ampi spazi a disposizione da The Stellar si può dire che ogni sera le luci dello spettacolo e della musica si accendono. Ogni lunedì è Lunegin con una degustazione di diversi gin, il mercoledì tocca al tasting di rum e cioccolato. Sempre il mercoledì ma una volta al mese con Lattex Plus appuntamento con il teatro contemporaneo. Il sabato due volte al mese invece c'è lo yoga seguito dal vegan brunch. Nel fine settimana, dal giovedì al sabato, da Eclettica a Utopia, spazio la sera a un dj set per creare la perfetta atmosfera all'ora dell'aperitivo. Da non dimenticare poi l'appuntamento mensile con gli eventi di Lattex Plus: per veri intenditori.

  • RECENSIONE
  • COCKTAIL BAR
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×