Nel parco della Fonte Egeria ritorna la location che, siamo certi, diventerà il fulcro della ristorazione estiva a Roma. Tra birre artigianali, aperitivi, pizza d’autore, cucina tradizionale romana e delizie dal Giappone.

Con l’emergenza – si spera – ormai alle spalle, con la voglia pazzesca di uscire e ricominciare a godersi la città e le sue serate di inizio estate, è fondamentale capire quali sono i posti adatti a tutte le esigenze, distanziamento e attenzioni sanitarie comprese (perché è vero che forse ne stiamo uscendo, ma dobbiamo sempre stare attenti, ora più che mai). Ecco perché ritengo che il Parco Appio, la nuova struttura totalmente open air realizzata all’interno del Parco della Fonte Egeria a due passi dall’Appia Antica, sia la location ideale sotto tutti i punti di vista. In primis per la ristorazione: Federico Feliziani e soci quest’anno hanno fatto le cose alla grande con un’offerta drink e food che non ha eguali in città per qualità e assortimento. Poi per la struttura, pensata ed ideata perfettamente per mantenere distanziamento e attenzione sanitaria ai massimi livelli, con decine e decine di tavoli e centinaia di coperti a disposizione e un comodissimo parcheggio che ti permette di arrivare senza patemi d’animo e stress.

La Struttura


Situato all’interno del parco della Fonte Egeria, a due passi dalle meraviglie dell’Appia Antica, circondato da pini secolari e tanto verde, il Parco Appio è la sintesi perfetta della location ideale per le serate dell’estate romana. Ideale per venirci dalla mattina per la colazione con le delizie del Natural Bar, a tarda sera – coprifuoco permettendo – per un drink o una birretta antistress. Ci sono i giochi per i bimbi, quindi è anche consigliatissimo per le famiglie con prole, o per gruppi di amici , sempre nel massimo rispetto del distanziamento e delle disposizioni sanitarie anti-covid.

Il Natural Bar perfetto per ogni ora della giornata


I tavolini del Natural Bar accolgono i clienti del Parco Appio sin dalla mattina con la colazione dolce o salata. Ogni tavolo, poi, è dotato di prese elettriche per lo smart working all’aria aperta. A pranzo la chef Antonella Giuffrè ti coccolerà con tante proposte fredde ed healty sfiziose. I taglieri (ed i panini) con il pane che arriva tutti i giorni dal Forno Feliziani di Prati, vedranno protagonisti invece i salumi ed i formaggi della piccola produzione italiana d’eccellenza. Per quanto riguarda la birra, a disposizione una vastissima selezione di artigianali italiane ed estere del Natural Born Drinkers di Federico Feliziani.

La colazione

Si comincia la mattina presto con i cornetti e i dolci delle migliori pasticcerie e forni romani che si alterneranno durante le settimane a fornire delizie. Le prime due settimane vedranno protagoniste le meraviglie di Casa Manfredi di Giorgia Proia. Per conoscere tutte le novità basta solo seguire il sito ed i profili social del Parco Appio. Oltre alla caffetteria, poi, ci saranno succhi e centrifughe espresse.

Il pranzo


Un pranzo leggero, fresco e soprattutto salutare. Ecco, quindi, le proposte fredde ideate dalla chef Antonella Giuffrè, come le ottime pokè bowls in versione “mediterranea”, con fregola sarda o cous cous. Poi ci sono le insalatone, i panini del contadino e non mancano le proposte “calde” tradizionali della trattoria romana di Mirko Rizzo.

L’aperitivo nel parco


Quello dell’aperitivo è uno dei momenti più belli per godersi il Parco Appio e per ricaricare le pile dopo una giornata di stress e caldo in città. Al Natural Bar ti aspettano le birre artigianali ad innaffiare importanti taglieri di salumi e formaggi da condividere con gli amici. Non mancano, ovviamente, spritz e calici di vino alla mescita per tutti e un’importante proposta mixology di alto livello disponibile fino a tarda sera (quando si potrà).

La Pizzeria


Così come lo scorso anno, Mirko Rizzo e la sua pizzeria l’Elementare saranno protagonisti assoluti della nuova edizione. La pizzeria vede, come novità, un nuovo box più ampio e coperto, perché l’idea è quella di rimanere fino al prossimo dicembre. La proposta è quella tradizionalissima romana, con l’inconfondibile pizza bassa e scrocchiarella ed una carta dei fritti che spazia dal classico supplì a proposte più sfiziose, come la sua versione alla lasagna.

La trattoria


Altra novità del 2021 è la Trattoria Romana, sempre affidata alla guida dello staff di L'Elementare e con le stesse materie prime utilizzate dalla pizzeria e selezionate da Natural Born Drinkers. Non mancano in carta tutti i piatti della grande tradizione romana, con proposte un po’ più da “fraschetta”, come ad esempio la Porchetta calda di Ariccia. Poi ci sono anche le ricette del classico quinto quarto romano, come la trippa, la pajata e la coratella tra le specialità da gustare.

Nel weekend sapori giapponesi

Ad aumentare la proposta gastronomica del Parco Appio durante i fine settimana di tutta la stagione ci saranno, inoltre, i piatti tradizionali della cucina giapponese di Umami di Marco Pucciotti. Ramen, rolls, gyoza e buns al vapore. Una curiosa ed azzeccata ventata di etnico che, a mio avviso, completa alla perfezione un’offerta food & drink già di per sé fuori dal comune.

Gli eventi


Al momento sospesi causa disposizioni sanitarie in atto, il Parco Appio è pronto ad ospitare appena possibile tantissimi eventi culturali nel grande palco a disposizione in collaborazione con Tlon. Concerti, presentazioni di libri, dj set, talk. L’arte e gli artisti – appena sarà possibile – torneranno ad essere i veri protagonisti delle serate del Parco Appio.

La sostenibilità


Oltre al rispetto assoluto delle norme sanitarie, il Parco Appio si distingue anche per l’altissimo livello di sostenibilità ambientale. Tutti i materiali utilizzati, dai tavoli alle strutture, alle staccionate, alle luci, sono materiali di recupero. Non esistono plastica e prati sintetici e tutte le aree verdi del Parco sono state recuperate in stretta sinergia con l’Amministrazione Municipale.

Parco Appio, Via dell'Almone, 105 Roma - Tel. 0678393634

Foto di Alberto Blasetti gentilmente concesse da Parco Appio

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×