Dopo lo straordinario successo di Dazio, ecco Crunch! Il nuovo progetto di pizza romana contemporanea nel cuore di Talenti. Un mix vincente di tradizione, qualità, grandi materie prime e tantissimi colori.

Il vento delle novità per quello che riguarda la pizza tradizionale bassa romana soffia impetuoso e senza sosta nei quartieri della Capitale. L’ultimo scoppiettante arrivo è senza dubbio Crunch! Il secondo progetto di Federico Dal Moro, Federico Coniglio, Alessandro Leone e con la partecipazione della holding alberghiera HS Group. La nuova pizzeria ha aperto quest’estate in via Francesco D’Ovidio, nel cuore del quartiere Talenti, ed ha registrato immediatamente un enorme successo. Che i ragazzi ci sapessero fare lo abbiamo appurato già con Dazio, ma ora ne abbiamo la certezza assoluta: mettersi in gioco in un settore molto “tradizionale” e difficilmente digeribile per stravolgimenti forti sull’offerta da parte della clientela romana, quale la pizza bassa romana tradizionale, è stata una scommessa vinta alla grande ed è giusto raccogliere ora il meritato successo. Una pizzeria diversa dal solito dove a tavola ci si diverte tantissimo a provare cose nuove, abbinamenti particolari mai visti prima, alternandoli con i grandi classici, dove il minimo comun denominatore rimane sempre l’altissima qualità della materia prima e la maestria di chi lavora dietro le quinte di questo spettacolo gastronomico.

Un progetto vincente


E’ la convivialità la filosofia al cuore del progetto di Crunch!: condividere emozioni, tempo ed ovviamente buon cibo con le persone che preferiamo, che siano amici, colleghi o la nostra famiglia. L’atmosfera è allegra ed accesa grazie ad un design che prevede l’utilizzo di tanti colori caldi e forti, come il giallo ed il blu, un ambiente ampio (60 coperti interni, 80 nel dehor riscaldato) dai forti tratti pop e fumettistici. La nuova mascotte, per esempio, è un simpaticissimo orsacchiotto di peluche che richiama un po’ la tradizione manga giapponese. Il menu, poi, è stato strutturato proprio per dare forti emozioni a chi lo prova, dai fritti che spaziano dalla tradizione pura verso sentieri fusion. Poi la pizza, ovviamente, che prevede abbinamenti particolarissimi e vincenti grazie alla consulenza dello Chef Matteo Lo Iacono su un impasto leggero, croccante e digeribilissimo. Il tutto innaffiato dai cocktail perfettamente sintonizzati al menu creati ed ideati dalla barlady Elisa Pelagalli.

I fritti, comincia il divertimento


Sono pochi i locali a Roma dove ci si diverte veramente a tavola ad assaggiare, abbinare, degustare e Crunch! è sicuramente tra questi. Il divertimento comincia con i fritti, ideati da Matteo Lo Iacono, da ordinare rigorosamente tutti, dal primo all’ultimo, per capire che qui ci troviamo di fronte a qualcosa di davvero particolare. Consigliamo di cominciare con la tradizione, ossia con il supplì classico (perfetto di panatura, saporito e sugoso al punto giusto) e poi con quello Amatriciano (guanciale di Amatrice dop, pepe nero e pecorino romano Buccia Nera). Spaziali, letteralmente, le crocchette, su tutte quella Iberica con cuore di Taleggio fuso e slide di Patanegra. Ma l’orgasmo lo raggiungiamo sul Fry Cannolo (Pasta fillo, besciamella, funghi champignon, funghi porcini, salsiccia di prosciutto a coltello, pepe Sichuan, parmigiano reggiano 24 mesi vacca bianca) e sul Sushim’bocca (Rolls di saltimbocca alla romana, scottona, salvia, pepe Sichuan, pecorino di Pienza semistagionato, prosciutto crudo San Daniele 18 mesi, spicy mayo), quest’ultimo una ventata di fusion perfetta e deliziosamente divertente al palato.

Una pizza per tutte le emozioni


Cominciamo a parlare, intanto, di un impasto veramente ben strutturato e ideale per la proposta di Crunch, ideato dal pizzaiolo Davide Romano, con una miscela che prevede una percentuale di farina di farro e l’utilizzo di un impasto a biga per una maturazione di 48 ore ad altissima digeribilità. Nel menu di Crunch le pizze vengono proposte in tre macrogruppi: Easy, Medium ed Hard. Nelle Easy troviamo tutte le proposte classiche, dalla Margherita alla Diavola e poi la Napoletana ed il succulento Crostino romano con fiordilatte di Agerola, prosciutto cotto e rosmarino fritto. Nelle Medium la fantasia dello chef Lo Iacono comincia a spaziare ed i topping si fanno molto più interessanti. Qualche esempio? La Mmelons, con gazpacho di melone, gambero rosa, basilico, olive e stracciatella, oppure la Pizzaeffichi, con fichi caramellati e prosciutto crudo San Daniele. Nella sezione Hard imperdibile a nostro avviso la Apple Pig con pancia di maiale arrotolata, mela flambata, rosmarino fritto e crema di sedano rapa e poi la Peperoni & Baccalà con baccalà mantecato, peperoni, fiordilatte di Agerola e crumble di olive Leccino. Anche qui consigliamo di ordinare diverse pizze e condividerle con l’intera tavolata per godere un’esperienza unica da Crunch. Più si assaggia e meglio è.

Una signature drink list da provare e riprovare


Non sono cocktail messi a caso quelli ideati dalla bravissima barlady di Crunch! Elisa Pelagalli, perché i signature che compongono la drink list della casa sono stati appositamente pensati per l’abbinamento con i fritti e con le pizze del menu, già a partire dal momento dell’aperitivo. Il nostro consiglio, quindi, è chiedere direttamente ad Elisa per l’abbinamento ideale ed il drink ideale a seconda dei nostri ordini e dei nostri gusti. Tra i cocktail che più ci hanno colpito citiamo per dovere di cronaca e di bontà il Crunchy Mule (vodka infusa alla salvia, sciroppo al rosmarino, lime, ginger beer, celery bitter), twist del Moscow Mule fortemente beverino e perfetto da accostare alle proposte fritte. Per un carattere più “spicy”, invece ecco Godzilla (Tequila, spiced rum, liquore allo zafferano, succo di mango, cytrus, Tabasco ed Angostura). Per ciò che riguarda le birre, invece, disponibili tutte le tipologie in bottiglia ed alla spina di Birra del Borgo. Presente anche una piccola, ma ben strutturata carta dei vini dove sono, ovviamente, presenti le bollicine e tanti vini italiani di grande spessore, anche insoliti da trovare in una pizzeria, come il Sagrantino di Montefalco e il Lagrein.

I dolci di Antonio


Così come per Dazio, anche da Crunch continua la collaborazione con Antonio Scarfone, patron di deCore Gelato Creativo, 2 coni Gambero Rosso, che in carta propone una selezione tra dolci freschi, pastefrolle ed i suoi mitici semifreddi. Da scucchiaiare con gusto lo Splat (crema pasticcera alla gianduia e fave di tonka, salsa gianduia e crumble di mandorle pralinate. Tra i semifreddi, invece, goduriosissimo l’Apriti Sesamo, semifreddo al mascarpone, sesamo nero, vaniglia, salsa di lamponi e crumble al cacao.

Crunch! la pizzeria romana by Dazio
Via Francesco D’Ovidio, 27 - Roma
0687609540


Foto gentilmente concesse da Crunch! 

  • RECENSIONE
  • PIZZERIA
IN QUESTO ARTICOLO
  • Crunch!

    Via Francesco D'Ovidio 27, Roma (RM)

POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×