La mia agenda scoppia di appuntamenti con gli amici sepolti in casa ormai da troppo tempo e ogni giorno è sempre un: “Ehi ti va un caffè?”, “Ehi ci vediamo a pranzo?”, “Ci becchiamo in centro?”. Io ovviamente non posso rifiutare, ho così tanti posti da provare e così tante voglie da soddisfare. È tornata l’energia ad animare strade e persone e con questa vitalità Bari non è mai stata così bella. Anche sotto le mascherine, i sorrisi illuminano gli occhi e devo proprio ammettere che i più belli sono proprio quelli dei ristoratori. Oggi quindi voglio raccontarti di una realtà che ha a che fare con il n.20 e una passione lunga generazioni. Ti svelo dove da un aperitivo a mezzodì ho scoperto un mondo tutto nuovo. 

Non un semplice bar



Ero con due miei amici e ci siamo ritrovati a passeggiare su Via Cairoli. Urgeva lo Spritz della reunion e quindi ci siamo fermati da N.20 Sala e Tabacchi. Ci siamo accomodati fuori, baciati dal fresco tepore di maggio. Facciamo la nostra ordinazione e quando sono entrata per pagare ho fatto un giro di curiosità e ho scoperto un mondo a me totalmente estraneo. 
La Tabaccheria è una delle più antiche a Bari e si presenta divisa in due aree ultramoderne: quella esterno dedicata alle consumazioni ai tavolini e quella interna che si mostra a sua volta divisa in ulteriori ambienti. Entrando si trova la ricevitoria-tabaccheria che offre servizi di Lottomatica Italia, Sisal, INPS, pagamento utenze, imposte e bollettini di c/c di qualsiasi genere; il bancone e un angolo delle meraviglie di cui ti parlo più avanti. Il proprietario Giuseppe assieme a sua moglie Alessandra gestiscono con grinta questo locale davvero innovativo. Nella zona bar la scelta è davvero ampia: si va dalla colazione al pranzo, ai distillati anche di lusso, seguendo la filosofia del prodotto sempre fresco, “preparato e affettato al momento”. Il servizio bar offre il classico menù con caffetteria, estratti e spremute, cornetti Floro e Aida, cornetti vegani e un menù pensato anche per gli intolleranti al lattosio e al glutine. Per il pranzo ci sono in menu: insalate, schiacciate, pucce, piadine, toast e taglieri con salumi affettati al momento (sempre senza glutine) che si aggiungono ad una selezione quotidiana di primi del giorno preparati in collaborazione di un ristorante della zona. 
Per farti venire fame ti nomino giusto qualcosa: riso patate e cozze, parmigiana, finocchi gratinati con besciamella.

Ma anche una “sala”



Ebbene è arrivato il momento di dirti cosa ho scoperto entrando da N.20. Innanzitutto una grande professionalità del titolare che ha raccolto l’eredità e la passione del papà Vito e ha saputo realizzare un luogo dove poter condividere e infondere la sua passione. Si tratta di una saletta ancorata al mondo del “fumo lento”, dedicata al mondo dei sigari e della pipa. È stata realizzata a novembre ed è la prima saletta fumatori aperta al pubblico. L’ambiente è estremamente raffinato e accogliente, una sorta di locus amoenus dove il tempo davvero sembra rallentare e dove poter gustare senza fretta un buon sigaro e magari un bicchiere di gin o un tagliere. Che tu sia un neofita e voglia approcciarti a questo mondo, o che tu abbia da tempo questa passione, sarai guidato da Giuseppe, Maestro Catadore, a scegliere e apprezzare ciò che più si avvicina ai tuoi gusti. L’affidabilità di N.20 è certificata da Especialista en Habanos, Specialista Toscano e eXtraordinary Cigars Specialist. All’ingresso è inoltre trovi un angolo davvero affascinante interamente dedicato alle varie tipologie ti sigaro (sigaro toscano italiano, i cubani, i dominicani, i nicaraguensi); soltanto qui troverai a Bari trinciati da pipa inglesi. La varietà si estende anche nel mondo degli accendini e degli accessori: dagli articoli must fino ai più prestigiosi. 



Via Cairoli 64-66, angolo Via Calefati 105/a, Bari
Aperto: lun-sab. 7-20.30; dom. 8-13.
Per prenotazioni, asporto e domicilio:
tel:+393490624731



 

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×