Domenico e Domenico Petronella, cugini e soci, hanno messo a punto un laboratorio d'avanguardia per replicare su larga scala l'alta pasticceria artigianale

Se bazzicate Altamura, il cognome Petronella non suonerà nuovo. In città, questo cognome è sinonimo di pane buono, ma anche di creatività applicata alla pizza e alla pasticceria. Dopo aver costruito un autentico presidio sul territorio con il punto vendita in viale Regina Margherita e due punti vendita a Gravina, Domenico e Domenico Petronella, che nella vita sono prima di tutto cugini e ora anche soci, hanno pensato di premere l'acceleratore sulla produzione, liberando il vero fuoco della loro vita: l'alta pasticceria. Ecco cosa bolle in pentola da Petronella Group.

Un laboratorio di famiglia

Petronella Group si occupa, prima di tutto, di creare i prodotti di panificazione per i punti vendita targati I Petronella. Filoni, pagnotte, panini, basi pizza: nell'assortimento non manca nulla. Ma Domenico & Domenico, che si sono formati alla scuola della Cast Alimenti avevano un sogno: portare l'alta pasticceria nelle botteghe di famiglia. Quando hanno visto che nei piccoli laboratori da negozio tutta la loro creatività non ci stava, hanno scelto di costruirne uno più grande, in via della Ferula, dove dare sfogo a tutte le loro idee.
Nasce così l'idea di produrre pasticceria fresca e secca, biscotteria e cornetti, grandi lievitati, ma soprattutto creazioni destinate alla ristorazione fine dining e alla banchettistica. Tutti i prodotti sono pensati per rispondere alle esigenze della catena del freddo, prodotti con attrezzature sofisticate, in grado di standardizzare i processi, senza intaccare in minima parte la preziosa qualità artigianale.

Dove si impastano le idee

Il Petronella Lab si estende su un'area produttiva di 300 metri quadri, con 100 metri quadrati dedicati solo ad uffici e sala meeting. L'impresa è completamente meccanizzata e impiega 10 persone che, grazie alla tecnologia impiegata nelle linee produttive, non vivono più i massacranti turni notturni che hanno assottigliato le fila dei professionisti della panificazione. Invece di svolgere il lavoro di notte, si inizia alle 4 di mattina, aiutati dai macchinari che automatizzano tutti i processi di attesa.
Oggi il laboratorio serve enoteche e ristoranti, che hanno imparato ad amare i panettoni e le colombe targate Petronella. Infatti, i grandi lievitati hanno aperto al gruppo la finestra del mercato Horeca, non solo in Italia, ma anche all'estero. I prodotti made in Altamura oggi sono acquistati e venduti anche in Germania, Svizzera, Francia ed Emirati Arabi. 

Pastry-rivoluzione a 360 gradi

Il futuro è questo: standardizzare la tradizione per farla diventare alta qualità, replicabile grazie ai sapienti tocchi finali degli artigiani. Ma a Domenico & Domenico non basta. Così hanno deciso di presentarsi al mondo dell'alta ristorazione con un grande dessert, che parla della loro città, Altamura. Partendo dal liquore Padre Peppe, che va a bagnare la base di biscotto morbido, ci si trova davanti a una cupola di ricotta di bufala con cuore dolce di mandorla, il tutto ricoperto con una glassa croccante al cioccolato con noci caramellate, altra produzione distintiva del territorio. A breve vi diremo anche dove trovarlo, perché 2night ci ha messo lo zampino. Stay Tuned!

  • RECENSIONE
  • PASTICCERIA
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×