"Noi siamo uno sports pub, il nostro lavoro è quello di far vedere lo sport e far godere la gente di un evento sportivo in diretta, seduti al tavolo mentre si beve una birra e si mangia un panino": Offside è questo ma anche molto di più.

Entrando da Offside, in via Losanna 46, a sorprendere sono il bancone e le numerose tipologie di birra alla spina che presenta.
In totale sono quindici - quando ha aperto i battenti, ormai dieci anni fa, erano soltanto otto - tra cui una birra a rotazione che cambia ogni mese e il sidro.
Il menù prevede anche i classici drink a base di birra, oltre a cocktails, vino e una ricca selezione di whisky e di birre in bottiglia, artigianali e non, sia italiane che straniere.
L’offerta di birra, uno dei tratti caratterizzanti del locale, è sicuramente uno dei suoi punti forti, insieme alla classica cucina da pub.
Ti siedi al tavolo con gli amici (o al bancone se hai voglia di fare nuove conoscenze) mangi un panino e ti godi la partita.
Mao, il titolare, e il resto dello staff sono molto disponibili e pronti a fornire consigli sugli abbinamenti migliori e suggerimenti sul percorso giusto per gustare birre diverse insieme a piatti deliziosi e stuzzichini niente male.
Tra le diverse proposte food presenti nel menù, consigliatissimi gli hamburger - non solo i classici di manzo, ma anche quelli di cinghiale, cervo e bufalo -  le salamelle e i club sandwich. Questi ultimi sono abbondanti, gli ingredienti utilizzati sono di ottima qualità e il lavoro svolto in cucina è notevole… Provare per credere!

Birre da (de)gustare

Quando siamo andati a trovarlo, abbiamo chiesto a Mao un percorso degustazione per scoprire il meglio che Offside ha da offrire. Ad accompagnare il nostro Club Fumè (pane tostato, prosciutto cotto, scamorza, cipolla caramellata, bacon, pomodoro, insalata e salsa tartara), quattro tipologie di birra alla spina, servite in ordine di gradazione crescente.



Si parte con Neck Oil Session Ipa: chiara, delicata, non troppo amara, dagli odori floreali e i sapori tropicali.
Il clima è rilassato: si scambia qualche parola con il tavolo accanto e si finisce per guardare la partita insieme.
La seconda birra proposta è Gamma Ray, un’American Pale Ale, più morbida rispetto alla precedente. Luppolatura intensa, colore tendente all’ambrato, consistente dal punto di vista olfattivo e dal tono finale altrettanto tropicale, che la rendono beverina e rinfrescante.
Tra un sorso e l’altro ci vengono serviti dei pop corn, buoni, caldi e profumati.
La terza birra è una belga d’abbazia, Ciney Blonde: chiara doppio malto, abbastanza dolce che ci prende per mano (è la terza e iniziamo a sentirci leggeri!) fino a concludere la serata con una Trhibu, ipa artigianale del birrificio Hibu caratterizzata da un amaro resinoso che nasconde l’alcool e lascia in bocca un gradevole retrogusto agrumato.
La partita è finita e purtroppo anche la nostra degustazione, ma prima di uscire, due chiacchiere con Mao sono obbligatorie.

Sport a 360°

Entrando nel locale si respira un’aria internazionale. Sembra di guardare un film inglese: pavimento, bancone, tavoli e sedie in legno, bandiere, magliette autografate e vari cimeli sportivi ricoprono il soffitto e le pareti.
Ciò che colpisce sono le televisioni. Dieci in totale, di cui una in vetrina per far godere la partita anche a quelli che non hanno fatto in tempo a prenotare. Coprono ogni angolo del locale.
Mao ci spiega l’importanza di poter garantire la visione di qualunque evento o competizione sportiva, anche contemporaneamente. Ogni richiesta è ben accetta: anche le partite meno conosciute o gli sport di nicchia. Racconta: “In totale sono dieci televisioni. Tu vieni qui per vedere una partita, quindi devi poterla vedere ovunque e vederla bene. Questo permette anche di far vedere più eventi contemporaneamente.
Qualche anno fa, c’era un derby in programmazione, che chiaramente muove mari e monti; mi aveva scritto una signora americana quasi un mese prima dicendomi che quel giorno sarebbe stata a Milano con suo marito, che il figlio avrebbe giocato una partita importante di college football e se riuscivo a fargliela vedere. Io le ho riservato due posti al bancone e lei era felicissima. Basta organizzarsi con un po’ di anticipo e si può fare tutto”.
Anche se all’Offside sanno fare miracoli, noi consigliamo sempre di prenotare!
 



Offside Sports Pub - Via Losanna 46, Milano. T: 0239431455

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×