A Lecce l’ospitalità è a 360 gradi: Arryvo al contempo è hotel, bar, ristorante, punto di incontro e club

“Arryvo è il nuovo hotel connesso alla città e ispirato ai Millenials” si legge in una nota stampa. E ancora: “Arryvo rappresenta un concetto di ospitalità totalmente nuovo al sud Italia, smart, pop e social. La meta e al contempo il punto di partenza da cui iniziare il viaggio alla scoperta di Lecce e del Salento”.
E noi aggiungiamo: Arryvo è un po’ come viaggiare in Europa senza fare il biglietto aereo.
É un contenitore di attività ed esperienze inedito e smart, da vivere ogni giorno a qualsiasi ora.


Un hotel funzionale, senza fronzoli e dall’estetica contemporanea e accattivante, ma anche un bar cosmopolita dove interagire con altre persone, un meeting point curato e dotato di ogni comfort dove organizzare incontri di lavoro o eventi privati, un ristorante che propone un’idea di cucina semplice e gustosa, improntata sulla qualità e la sostanza al giusto prezzo, e infine un locale serale dove fare casino, conoscere gente nuova, ascoltare buona musica e ballare tutta la notte.


Per scoprire com’è nato questo ambizioso progetto abbiamo incontrato Marco Cimmino, titolare insieme al fratello Luigi di Arryvo, e volto noto nel settore dell’ospitalità salentina

Intervista a Marco Cimmino, titolare e Amministratore Delegato di Arryvo

Nel campo dell’ospitalità il tuo non è un volto noto. Ricordiamo con piacere la partecipazione, con conseguente vittoria, della dimora di charme Mantatelurè di cui sei proprietario al programma “4 Hotel Lecce”...

Sì, esatto. Al programma condotto da Bruno Barbieri, però, partecipavo con Mantatelurè, una struttura di charme tradizionale, quindi completamente diversa dal concept di Arryvo, che si propone quale modello di ospitalità più vicino ai bisogni dei moderni viaggiatori e maggiormente connesso con il territorio.
In quest’avventura io e mio fratello Luigi siamo supportati da Marta Nocco, direttrice della struttura nonché nostro braccio destro da oltre 12 anni.

Arryvo è stato inaugurato la scorsa estate (2021) e fin da subito ha raccolto un’ampia forbice di consensi non soltanto in veste di hotel, ma di contenitore multi settoriale. Qual era il vostro obiettivo?

Il nostro progetto voleva discostarsi totalmente dall’offerta di ospitalità già presente sul mercato salentino e pugliese, prendendo invece ispirazione da strutture riconducibili a modelli di stampo nord europeo. Location minimal e funzionali, dunque, che rispecchiassero esigenze e aspettative di viaggiatori giovani e smart, con particolare attenzione alla gestione degli spazi e all’accessibilità alle diverse attività che possono aver luogo all’interno di Arryvo: mangiare, dormire, giocare, studiare, lavorare, divertirsi, fare networking e via dicendo.

Tutto a partire dall’impatto estetico. Cosa differenzia Arryvo da qualsiasi altra struttura?

Pur trattandosi di un progetto che nasce ispirandosi ai Millenials, quindi a una generazione ben precisa, anche da un punto di vista iconografico, gli spazi di Arryvo sono aperti a chiunque abbia voglia di viverli in maniera dinamica e aggregativa. A chiunque di giovane abbia spirito e attitudine, e per chiunque la socialità rappresenti un punto di partenza ineludibile.

Pensi che Lecce sia pronta ad accogliere questo nuovo format onnicomprensivo?

A distanza di un anno e tre mesi dall’inaugurazione, con soddisfazione ed estremo orgoglio, ritengo che Lecce non soltanto fosse pronta ad aprirsi a un format così diverso e inclusivo, bensì ne sperasse l’arrivo con impazienza.


Grazie alla mentalità fluida e dinamica della gente, infatti, finalmente siamo riusciti a sdoganare l’idea che il ristorante all’interno di un hotel sia riservato esclusivamente agli ospiti dello stesso, così come bar, aree di aggregazione e persino pista da ballo. Nello specifico, la piccola ma sostanziale accortezza di aver separato il desk della reception dall’ingresso principale si è rivelata vincente.

Arryvo vive dalla mattina a tarda notte: raccontaci come si suddividono i momenti della giornata e com’è possibile sfruttare ogni area...

Gli spazi di Arryvo sono vivibili quotidianamente a partire dalle 7 di mattina con il servizio della colazione, quando il buongiorno, oltre che da uno staff giovane e sempre sorridente, lo danno i deliziosi prodotti di caffetteria e pasticceria classica italiana, intervallati, al contempo, da piacevoli incursioni internazionali come uova strapazzate, avocado toast, pancake e via dicendo.


All’ora di pranzo le vetrine pullulano di snack di ogni tipo, focacce, panini, cornetti salati ripieni, pizzette e rosticceria varia, per arrivare all’attesissimo orario aperitivo, occasione per la quale apre le sue porte la cucina vera e propria del ristorante.
La ristorazione, infatti, gioca un ruolo tutt’altro che secondario, basandosi su alti standard qualitativi uniti a gusto e semplicità.

Come definiresti la vostra cucina?

Una cucina gustosa, semplice e concreta. Pochi i piatti in menù a garanzia di freschezza, così come gli ingredienti che entrano a far parte delle diverse pietanze, ma ben definiti e valorizzati.
Le pietanze proposte hanno un carattere confortevole e sono pensate per soddisfare ogni voglia ed esigenza alimentare, virando dalla terra al mare con una moderata creatività.

Qualche esempio?

Il rinnovato e semplificato menù spazia dai classici antipasti di cucina italiana alle terrine che privilegiano ricette regionali come pezzetti di cavallo, polpo in pignata e purea di fave e cicorie, si continua con una serie di primi e secondi piatti legati alla stagionalità, senza trascurare la sfiziosa e confortevole proposta di fritti e la sezione dedicata ai panini hamburger serviti con patate al forno e declinati in tre versioni, di carne rossa, bianca e vegetariano.
Un menù vario nel suo complesso, le cui pietanze sono tutte accomunate da porzioni tutt’altro che gourmet. A farla da padrona, infatti, è l’abbondanza.

I vostri cavalli di battaglia?

Inutile dire che i frittini sono sempre richiestissimi in ogni periodo dell’anno, così come i tonnarelli cacio pepe e capocollo croccante, i paccheri alla ricciola e il risotto alla norma.
Tra i secondi merita un assaggio il galletto intero al forno, laccato con miele e salsa di soia e cotto a bassa temperatura, il filetto di maialino con salsa di funghi e senape e, perché no, anche il polpo arrosto.
Per chi è più attento alla linea, infine, non mancano le insalatone in tre tipologie e per i golosi una piccola proposta di dessert artigianali.

É poco elegante, ma necessario parlare di prezzi in un periodo storico come questo…

Per restare in tema con la nostra filosofia smart e pop, anche i prezzi sono in linea e non hanno subito alcun aumento. Attraverso i canali social dell’Arryvo è possibile visionare sia il menù del ristorante sia la scaletta musicale della settimana.

Ogni sera, infatti, ci sono in programma eventi musicali sempre diversi. È così?

Proprio così. Il giovedì è serata piano bar, il venerdì e il sabato si alternano musica dal vivo e dj set, la domenica la consolle si accende dall’orario aperitivo in poi, mentre lunedì e mercoledì lo spettacolo spetta ai resident dj. Giorno di chiusura: martedì.

Insomma c’è sempre una buona occasione per fare festa. E se qualcuno fosse interessato a eventi privati?

Da Arryvo tutto è possibile e in continuo divenire. Disponiamo sia della saletta Ping Pong, che può essere completamente riservata per feste o eventi privati come meeting e convention, in alternativa si possono organizzare aperitivi, cene e party nelle aree comuni.
Abbiamo studiato diversi pacchetti ad hoc, comprensivi di tutto.
Musica dal vivo, spettacoli e dj set ovviamente inclusi.

Un altro servizio apprezzato da professionisti e studenti, inoltre, è quello delle workstation. Di cosa si tratta?


Nella sala principale dell’Arryvo abbiamo posizionato un mega tavolo volto a diventare workstation per professionisti e studenti interessati a una location funzionale ed estetica, dotata di corrente e rete wi – fi. Una sorta di sala studio/lavoro attrezzata, dove concentrarsi e all’occorrenza fare networking, ma anche un luogo aggregativo per fare amicizia. Del resto le nuove tendenze vanno in questa direzione e tutte le grandi città metropolitane vantano hotel e locali con queste caratteristiche e servizi.
Va da sé che l’interesse primario dello staff, al contempo giovane e professionale, attento e disponibile, è volto a risolvere in maniera smart qualsiasi richiesta da parte della clientela.

Un doveroso cenno anche alle stanze dell’hotel, moderne ed essenziali.

L’hotel dispone di 25 camere dislocate tra il primo e il secondo piano. Si tratta di stanze minimal nelle dimensioni, nelle amenities, nel decor, ma curate in ogni dettaglio e con elementi d’arredo di design. Gli ospiti possono inoltre accedere al rooftop privato, con tanto verde, lucine colorate e comodi salotti, alla zona laundry dotata di lavatrice e asciugatrice a gettoni, e al kit per stirare.

Perchè la Y nel nome Arryvo?

Per due motivi. Da un lato la possibilità di renderlo un marchio registrabile e replicabile, dall’altro per rendere la pronuncia della parola identica in ogni lingua.

Progetti futuri?

Divulgare questo format di successo in altre città, realizzando e gestendo direttamente strutture Arryvo anche a Bari e Napoli. Ci elettrizza l’idea di far viaggiare i nostri clienti senza il bisogno di acquistare biglietti aerei.

Arryvo - Via Adua 24, Lecce. T: 08321830506

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Carne alla brace mon amour: i consigli di uno chef per farla "al bacio"

Perché il freddo non arresterà la nostra voglia di grigliare.

LEGGI.
×