Rinnovato, trasformato, potenziato. Rinasce a nuova vita uno dei locali più iconici della Treviso-da-bere, lo Shiraz di Piazza Trentin. Il vecchio, storico sottotitolo “wine store” diventa ora “wine bistrot”: una sorta di upgrade lessicale che dice tutto sull’imprinting culinario della nuova gestione. Cicchetti di gran pregio, crostini con prodotti eccellenti del territorio, taglieri a base di salumi dop e formaggi francesi con mostarda, focacce artigianali, hamburger, insalatone top… Ma anche tanta cucina vera e propria.

La cicchetteria

Il fortissimo spirito artigianale che caratterizza la nuova gestione, capace – tra le altre cose – di rendere il locale più moderno e “caldo” di quanto non fosse mai stato, si traduce naturalmente in un costante “movimento” del menù. Alcune specialità però restano sempre presenti a prescindere dalla stagione, come la mozzarella in carrozza: preparata con una pastella particolarmente soffice, e declinata in quattro varianti a base di acciughe del Cantabrico, prosciutto cotto alla brace, baccalà e porchetta d’alta qualità, la mozzarella in carrozza è senz’altro il cicchetto “flagship” del nuovo Shiraz Wine Bistrot. Se non sai cosa assaggiare quando entri qua dentro la prima volta, accanto all’immancabile calice di vino fatti portare una mozza. Anzi, due, come minimo, perché – si sa - una tira l’altra.

La cucina

La proposta squisitamente culinaria del nuovo Shiraz Wine Bistrot affonda a piene mani nella grande esperienza sul campo di Roberto Morena, chef con un importante curriculum enogastronomico e ristorativo, che si distende da Treviso alla Sardegna. Ogni giorno il menù propone sfizi di terra e di mare creativi e ricchi di gusto, dove bellezza nella presentazione e bontà nel piatto vanno di pari passo.

Tra i primi, da notare ad esempio i ravioli ripieni al branzino, con dadolata di datterino e basilico; oppure un grande classico della scuola veneta, i mitici bigoli in salsa. Tra i secondi, troviamo prelibatezze come il tonno rosso alla mediterranea con pomodorini, capperi e olive taggiasche; o il filetto di manzo d’Irlanda con patate al forno; ma anche crudità di terra e di mare, dalla battuta di fassona alle tartare di branzino e tonno. E chi più ne ha, più ne metta.

I dessert

Per finire, la cucina del nuovo Shiraz Wine Bistrot propone, accanto all’immancabile tiramisù artigianale della casa, il Dolce trevigiano per antonomasia, ecco una crema al mascarpone con biscotteria veneta, o con frutti rossi e cioccolato fondente. Spettacolo!

I vini

Parlando di dotazione vinicola, parlando insomma di cantina e carta dei vini, lo Shiraz Wine Bistrot è degno della pesante eredità che raccoglie dal vecchio Wine Store: ampia scelta di bianchi, rossi e bollicine alla mescita come in bottiglia, che il buon Roberto saprà consigliarti da abbinare ai suoi cicchetti per il tuo aperitivo rinforzato, così come alle sue specialità culinarie per il tuo pranzo o la tua cena.


Insomma, lo Shiraz Wine Bistrot è oggi più che mai il locale perfetto per rendere speciali e gustosi diversi momenti della giornata: a partire, si capisce, dall’aperitivo. Difficile però fermarsi al primo calice e al primo cicchetto, perché mai come in questo caso vale l’adagio: un boccone tira l’altro…

  • RECENSIONE
  • BISTROT
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×