L’insegna non tradisce le origini di Fabio, il proprietario. Il Primitivo Wine Bar, in centro a Pescantina, è un angolo di Puglia nella terra veronese delle pesche. Un locale che rivendica con forza le sue origini, dalla proposta del vino, da cui prende il nome il bar, alle delizie culinarie, e che strizza l’occhio a quel piacere di gustare, in un momento di meritato relax, una selezione di gin unica. E poi non mancano le birre e i cocktail più famosi.
Il locale ha un fresco plateatico immerso nel verde, per godere della brezza che arriva dal fiume Adige, che inizia il suo corso proprio dall’Alto Adige, attraversa il paese, giunge a Verona e sfocia nell’Adriatico, lo stesso mare che unisce Veneto e Puglia. Due regioni ricche di storia e di cultura enogastronomica. E Fabio lo sa, per questo ha scelto proprio Verona per condividere la sua passione per il buon cibo della sua terra e la sua esperienza nel beverage.


 
Sua maestà la puccia

Farina, acqua, olio extravergine di oliva, lievito di birra. Sono pochi e semplici gli ingredienti per la realizzazione della puccia, questo pane salentino croccante fuori e vuoto dentro, adatto per essere farcito con i tanti prodotti di cui la Puglia è ricca.
La puccia non manca mai in questo locale aperto da mattina a sera, per una colazione con i dolci e le brioches e il caffè ancora a 80 centesimi, per un pranzo veloce, una cena sfiziosa e per un aperitivo lungo, una formula meno impegnativa di una cena vera e propria senza rinunciare al gusto. In carta ci sono le proposte del locale e i nomi sono un omaggio alla regione, che vanta uno dei mari più belli al mondo a Punta Prosciutto – una preparazione infatti si chiama così –, soprannominata le Maldive italiane. E poi ci sono la Santa Maria di Leuca, la Gallipoli, l’Otranto e quella dedicata al Santo protettore Te Santu Ronzo. Ma la puccia, preparata al momento, può essere accompagnata anche da salumi, verdure, formaggi stagionati e a pasta molle, in base alle preferenze. Non manca nemmeno la golosa puccia con l’hamburger di Scottona, per chi non vuole solo farsi solleticare l’appetito ma saziarsi con soddisfazione.


 
I sapori della Puglia
Il Primitivo Wine Bar è perfetto per guardare una partita della squadra del cuore dal maxischermo all’interno del locale. E non mancano le serate con la musica dal vivo, in attesa di ripartire nel rispetto delle norme di sicurezza anticoronavirus.  
L’accompagnamento culinario, oltre alla puccia, vede in menu prosciutto crudo, stracciatella di Putignano, rustici leccesi, un goloso disco di pasta sfoglia ripieno di pomodoro e mozzarella, e friselle, un pane biscottato fatto cuocere in forno due volte che poi viene servito a temperatura ambiente ammorbidito con poca acqua e accompagnato con pomodoro, cipolla cruda, mozzarella, olio extravergine di oliva, sale e pepe e basilico, ma anche da altre verdure e da pesce come il tonno sottolio.
Le sfiziosità pugliesi ben si sposano con il beverage. Una proposta insolita rispetto ai classici panini e tartine. Dulcis in fundo, non manca nemmeno il pasticciotto leccese, un delizioso guscio di pasta frolla farcito con crema pasticciera.

 
I vini e i cocktail
I vini sono rigorosamente solo pugliesi: Negramaro, Primitivo, Re Manfredi e Moscatello Selvatico. Per chi non vuole rinunciare a una birra fresca, nel bar si possono trovare quelle artigianali e bavaresi a cui si aggiunge una bianca della Corsica.
E poi una selezione di amari e di liquori artigianali e dei cocktail più famosi, dall’Americano al Mojito, dal Gin lemon al Moscow Mule, al Negroni sbagliato, dallo Spritz all’Americano. In estate da non perdere il Maestrale, un specialità del Primitivo, in omaggio alla terra delle pesce, realizzata proprio con questi dolci frutti, basilico e zenzero.

 
Il gin
Grande protagonista del Primitivo Wine Bar, il gin domina il locale: impossibile non notare la vetrina che ne contiene una selezione molto ricca, con bottiglie create appositamente su richiesta di Fabio: Seville Orange, Nordés, Pilz, Engine dall’inconfondibile bottiglia di latta, solo per ricordane qualcuno. E la selezione realizzata in esclusiva per il Primitivo: Alchemico, Non di Moda e Sperimentale.

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×