Dalle Zattere a 'dove riesci ad arrivare'. Aperitivo veneziano - edizione Dorsoduro

Pubblicato il 5 luglio 2021

Dalle Zattere a 'dove riesci ad arrivare'. Aperitivo veneziano - edizione Dorsoduro

Attenzione: itinerario a tappe alcoliche

Se hai meno di 30 anni già lo sai, se ne hai di più probabilmente anche: appena inizia a fare bel tempo Venezia si sposta sulle Zattere (e non "a" Zattere). Grandi spazi, vista pazzesca, gente easy, una biblioteca dove fingere di studiare, se sei fortunato addirittura un concertino improvvisato ma, soprattutto, i bar giusti per fare aperitivo. Ti propongo allora un itinerario per una bevuta anti-claustrofobica con gli amici, ma dopo le 18 (fai anche 19), mi raccomando, perché sì, il sole alle Zattere picchia peggio di un Fernet a stomaco vuoto. Però, appena tramonta è decisamente uno dei migliori posti di Venezia per godersi la brezza e l'imperdibile tramonto su Marghera. Ma veniamo alle tappe alcoliche: che tu abbia un animo cosmopolita, raffinato, o po’ - un po' tanto - bohémien, seguimi.

Tappa classica

Data la posizione strategica, giusto di fronte a uno degli ultimi squeri di Venezia, Al squero è meta di frequenti assalti turistici. Eppure rimane un'istituzione anche per veneziani e studenti, abituati ad appollaiarsi pomeriggi interi nel suo muretto. Il must dell'osteria, a pochi passi dalle Zattere, è la combo ombra + cicchetto (a prezzi 'non turistici', questo va detto). Dovessi uscire con cibo a vista, occhio, però, ai gabbiani famelici! Se rientri tra i preferiti di Dio, ovvero tra muniti di barchino (o di amici con barchino), ti consiglio di arrivarci via acqua. L'attracco è proprio davanti al locale. 
Dorsoduro, 943/944, 30123 Venezia, tel: 335 6007513

Tappa segreta

Spoiler: anche le Zattere hanno la loro secret location... e che location. Starai pensando "non ho mai visto nulla di simile a Venezia" e hai ragione. Da Sudest 1401, ristorante e cocktail bar della V—A—C Zattere, tira infatti un'aria cosmopolita, sconosciuta a gran parte dei locali dell'Isola. La "venezianità" è qui reinterpretata in chiave internazionale, con una decisa presenza di sapori interculturali, arte e design. Sì, ti sto parlando dell'alternativa di classe della zona. Accomodarsi nel giardino interno, tra le piante e le istallazioni, significa non solo sorseggiare un drink in pieno relax, al riparo dal caos, ma scegliere una birra artigianale, uno spritz, un cocktail, o un calice di vino di una certa qualità.
Palazzo delle Zattere, Dorsoduro 1401, Venezia, tel: 041 0996843

Tappa casual con vista

Al Chioschetto Zattere (o El Chioschetto) si bazzica volentieri da mattina a sera. Il plateatico esterno e la super vista sul Canale della Giudecca valgono assolutamente il pit stop. Dai lì, anche Marghera all'orizzionte assume un fascino sensualissimo, tira sempre vento e ti senti proprio l'estate addosso. Talvolta, trovare un tavolo libero in tempi record può non essere così semplice, ma una volta sedut*, credimi, diventerai un tutt'uno con la sedia e il drink. Da bere spritz, birre, calici di vino, amari, cocktail classici. Da mangiare, volendo, cose veloci come panini, tramezzini, tostoni e qualche cicchetto. Prezzi nella media. 
Dorsoduro 1406, Venezia, tel: 348 3968466

Tappa low cost

"Ristorante San Basegio" probabilmente non ti dice nulla, ma "dai Cinesi a Santa Marta" o "Da patatino" sicuramente sì, visto che si tratta del bar rivelazione della zona arancio 2021. In quel terribile periodo, non c'è stato studente che non ci abbia fatto tappa per almeno un drink da asporto. Il cheap mood - da meno solo la Conad e il kebabbaro -  il grande plateatico con tavoli, la posizione strategica, sono state e sono tuttora le 3 carte vincenti di questo bar - ignoriamo tranquillamente sia anche ristorante - a pochissimi passi dalle Zattere e dalla zona universitaria di San Basilio e Santa Marta. Ma voglio segnalarne una quarta: su richiesta, rifornimento illimitato di patatine. Sì, "patatino" è un all you can eat di patatine in sacchetto e dunque il paladino dell'universitario con pochi soldi in tasca. Da bere una selezione piuttosto ampia di birre commercali, alla spina e in bottiglia, spritz, amari, cocktail classici. 
Dorsoduro 1527, Venezia, tel: 041 4763191

Tappa con chicchetto

Se le patatine, a oltranza, non fossero per te un degno "fare fondo", o la tua ricchezza superasse, anche di poco, 'la sussistenza universitaria', ti consiglio di spostarti un metro più in là, anzi, mezzo passo più in là, nei tavoli di Al Terminal. Bar iper local, dalla gestione alla proposta, ti accoglie con una vetrina piena zeppa di cicchetti veneziani, e uno spritz degno di chiamarsi tale (io voto per il Select).
Dorsoduro 1526, Venezia, tel: 349 4576739

Final destination - Santa Marta

Ma già che siamo in pista, vuoi non fare due passi in più per l'ultima tappa? Il posto è Al Canton di Santa Marta, sempre pieno di studenti, ma anche di veneziani. Si tratta di un locale alla mano, con prezzi onesti, dove puoi accompagnare il drink con panini, tostoni, tramezzini buoni e ben farciti. Da tenere d'occhio le birre alla spina. Grande plateatico con tavoli e personale simpa. 
Fondamenta dell'Arzere, 2247, Venezia, tel: 041 2689500

Final destination - Campo

In realtà, a bere l'ultimo, l'ultimissimo, e quello che "era proprio in più", tradizionalmente si finisce in Campo. I bar sono parecchi, ma io voto per la vecchia gloria Caffé Rosso. Ci bevi sostanzialmente le solite cose, ma in una location amarcord, piena di fascino e bella gente. Puoi fare tappa lunga nel grande plateatico sul campo, ma ti consiglio, finito il drink di fare un salto ai due pozzi, oppure al ponte che porta verso San Pantalon. Concertini improvvisati e chicchiere esistenziali con giovani da tutto il mondo sono all'ordine del giorno. 
Campo Santa Margherita, Dorsoduro 2963, Venezia, tel: 041 5287998

Foto di Sudest1401 di Marco da Preda

  • APERITIVI MEMORABILI

scritto da:

Martina Vascellari

Letterata / Clubber / Junk food addicted

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Panettone World Championship a Host Milano, ecco chi ha vinto

Una competizione che nasce con l'obiettivo di far conoscere l'eccellenza a livello internazionale del Panettone artigianale mettendo a confronto le diverse culture di chi produce questo dolce partendo esclusivamente dal lievito madre.

LEGGI.
×