Se sei stanco della solita pizza che ti gonfia e ti fa venire una sete assurda, se non credevi che la pizza potesse mai farti anche bene, se cerchi un'esperienza nuova e divertente, sappi che a Genzano c’è una pizzeria a conduzione familiare unica nel suo genere, dove si può mangiare una pizza senza lievito, che non ha eguali. Una pizza adatta a tutti inclusi vegani e intolleranti, che mentre la mangi e te la godi, ti aiuta a restare in salute. E’ Chirimoya che offre una tra le migliori espressioni di pizza dei Castelli Romani, frutto di incessanti sperimentazioni e ricerche, leggera e digeribilissima, vegan friendly ma adatta a tutti. Certo devi arrivare ai Castelli Romani, ma vedrai che vale il viaggio.

Il locale e la sua filosofia


Sin dal primo sguardo varcata la porta a vetri rossa di Chirimoya ti renderai conto di essere in posto unico e speciale. Coloratissimo e vivace questo locale da 70 coperti, articolato su due piani attorno a un grande forno a legna, è uno spazio a metà tra un ristorante, un pub e un museo del modernariato, in cui vecchie penne, tazzine, vassoi vintage, orologi di tutte le fogge, telefonini, apribottiglie e tante altre collezioni tappezzano muri, soffitti e persino l’interno di alcuni dei tavoli.


Ogni angolo è decorato o ricoperto da curiosità e memorabilia che il proprietario e gli avventori hanno raccolto e continuano a collezionare creando, una sorta di opera d’arte collettiva e interattiva. Nella sala principale poi tra i tavoli e le panche in legno spicca un’ampia libreria, aperta al booksharing, piena di titoli e generi diversi a disposizione di chiunque sappia apprezzare ancora un buon libro, e che magari voglia anche condividerlo.


“Perché anche al ristorante non si deve solo riempire lo stomaco, ma bisogna stimolare la mente e la curiosità” spiega Ernesto Amicucci appassionato pizzaiolo e proprietario, che ha creato tutto questo nei lontani anni ‘80. La sua più che una professione è una missione: sin dal principio il suo intento è quello di rivoluzionare il concetto di pizza per come lo conosciamo offrendo una pizza davvero buona ma soprattutto sana, facendo se possibile anche un po' di cultura, soprattutto nel campo della buona e salutare alimentazione. Ernesto è infatti un cultore della sana alimentazione: vegetariano da oltre quarant’anni, con una profonda conoscenza di tutti gli alimenti, è specializzato anche nella cucina macrobiotica e crudista. La sua è una “battaglia pluriennale” per la qualità degli alimenti, che porta avanti ogni giorno in ciascuno degli innumerevoli impasti che prepara per i suoi numerosi clienti affezionati. E questi apprezzano, come dimostra la longevità di questo indirizzo che da decenni attrae a Genzano, ogni genere di amante della pizza anche dalla Capitale.

Gli impasti e il forno a legna


A fare la differenza da Chirimoya sono la cottura a legna e gli impasti a base di farine integrali biologiche di altissima qualità, che cambiano ogni settimana in base alla stagionalità dei prodotti. Proprio per questo qui la pizza non annoia mai, poiché ogni volta puoi gustare una pizza sempre nuova e diversa, sana e nutriente, digeribile, realizzata con cura e attenzione alla salute. Ciò che non cambia mai però, aldilà della piacevolezza del prodotto finale, sono le scelte che rendono questa pizza particolarmente salutare: la rinuncia ad impiegare qualsiasi tipo di lievito e l’assoluto rifiuto di utilizzare farina 00, una materia prima estremamente povera di nutrienti, ed anche dannosa per il nostro fisico (per la presenza spesso di grandi quantità di pesticidi e prodotti sbiancanti).


Negli impasti di Chirimoya invece si impiegano solo blend di farine integrali bio di prima qualità da grani antichi e non come quella di farro, grano saraceno, mais, riso, cui secondo il suo estro il maestro pizzaiolo Amicucci aggiunge di volta in volta nuovi nutrienti come riso, patate, cereali, carbone succo di mirtillo e semi di vario tipo.  Inoltre per tenere basso il consumo di sale le pizze vengono insaporite con il gomasio (sesamo tostato unito a un piccolo quantitativo di sodio), con ovvi vantaggi per la salute. L’acqua stessa utilizzata per gli impasti è un’acqua pura e filtrata.

Mentre al posto dei lieviti si usano delle fermentazioni(detta “lievitazione dormiente”), che vengono innescate a partire dall’aggiunta di zuccheri dai frutti come i fichi o il Chirimoya il frutto detto annona di Calabria. Sei intollerante al glutine, al lattosio o celiaco? Non devi rinunciare alla pizza, qui puoi avere la tranquillità di mangiare un'ottima pizza senza preoccupazioni, perché ogni giorno Ernesto prepara un impasto senza lievito e gluten free apposta per te.


Qualche esempio degli speciali impasti di pizza ideati da Amicucci che puoi trovare da Chirimoya? L’impasto pizza proteico al carbone vegetale con farine di: riso, soia, mandorle, grano saraceno, farro, avena unite a carbone, argilla, succo di mirtillo, sale marino, latte di capra e pecora sardo, kefir, chiara d’ uovo, olio di semi di vinacciolo, e acqua micro filtrata. Oppure quello con un mix di farine di grano saraceno, grano arso, riso, soia, farro, avena, fiocchi di patate insieme a patate, carote, olio di cocco, zenzero, rapa rossa, chirimoya, sale marino e acqua micro filtrata. Si tratta di impasti veramente unici sempre diversi, gustosi e assolutamente tutti da provare per "un’esperienza di pizza" che sicuramente non avete mai fatto prima.

Gli antipasti e il pane 


Per iniziare come in ogni pizzeria che si rispetti ci sono degli invitanti fritti. Da non perdere in particolare i supplì al telefono, che sono fatti in casa come pure i fiori di zucca quando è stagione. Ma ci sono pure anelli di cipolla, olive ascolane, filetti baccalà e chips cacio e pepe. Oppure puoi optare per le Bruschettone, in numerosissime varianti di gusto. Tutte sono fatte a partire dall’eccellente pane cotto a legna di Ernesto che oltre pizzaiolo, è anche un esperto panificatore. Anche l’impasto del pane a lunga lievitazione varia di volta in volta e impiega solo farine integrali bio di alta qualità. E la chicca è che volendo, su ordinazione, è possibile anche comprare solo il pane, per portarlo a casa.

Pizze per tutti i gusti


Le pizze sono sottili “ stile romano” e i topping a base di ingredienti freschi di qualità e stagionali, variano molto. La più amata è senza dubbio l'ortolana con carciofini grigliati, cime di rape, zucchine e altre verdure di stagione. Chirimoya pur restando fedele al suo progetto è aperta a tutti gli stili alimentari e pertanto offre comunque pizze adatte a tutti i gusti.


Così aldilà delle proposte veg puoi trovare tutti i condimenti delle pizze classiche come: broccoletti e salsiccia, la Capricciosa, la Margherita, la Napoli, la Prosciutto e funghi, Funghi e Salsiccia, la Pizza coi porcini direttamente dai Castelli e tante altre. Sfiziose pure le pizze ispirate ai classici culinari della romanità come la Carbonara, la Pizza aglio e olio, o la Pizza cacio e pepe.


La pizza però per cui Ernesto è famoso e con la quale ha partecipato anche diverse competizioni è la pizza con mozzarella, gamberetti, insalata, mais, pomodori, olive nere e mayonese. Vera specialità della casa. Chirimoya pensa proprio a tutti e anche se sei vegetariano o vegano per te ci sono pizze speciali condite con ottima mozzarella vegetale. E di quando in quando al fianco di quelle classiche in menù, dal cilindro il maestro Amicucci sfodera nuove pizze creative a volte persino crudiste, con i fiori o con i frutti.

I piatti da pub


Chirimoya è davvero un locale aperto a tutti. E lo dimostra affiancando alle sue ottime pizze diversi panini e piatti in stile “pub”, pronti ad accontentare grandi e piccini con gusti diversi. Si va dalla scamorza alla piastra, ai panini con hamburger di manzo, agli hamburger vegetariani o vegani, fino ad arrivare ai panini con wurstel accompagnati da patatine fritte. Perchè a tavola si viene soprattutto per godere di un buon pasto, stando tutti insieme.

Dulcis in fundo


E per concludere in bellezza ecco i buonissimi i dolci da credenza e le crostate con le marmellate fatte in casa, tutti da provare per un fine pasto davvero goloso.

Vino e Pizza


Sebbene Chirimoya offra anche della birra artigianale non filtrata per coloro che non sanno rinunciarvi, le pizze sono proposte principalmente in abbinamento al vino per favorire una migliore digestione. I vini in carta bianchi, rossi e rosè sono tutti vini biologici provenienti dall’azienda agricola biologica laziale Le rose.
Chirimoya, Via Fratelli Colabona, 70 Genzano di Roma – Tel. 069390592


Foto dalla pagina Facebook di Chirimoya

  • RECENSIONE
  • PIZZERIA
IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Il poke delle Hawaii è diverso da quello italiano?

Il piatto di tendenza in Italia negli ultimi tempi: non passa giorno senza che sia annunciata una nuova apertura ad esso dedicata. Ma come si mangia nel paese dove lo hanno inventato?

LEGGI.
×