Alle porte di Conegliano, terra di vigne color smeraldo e cuore pulsante del Veneto-da-bere, sorge il posto ideale per chiunque desideri deviare dalle valli del Prosecco e ritrovarsi, come per magia, nelle Highland scozzesi: The Inverness, il locale di Mareno di Piave che da un quarto di secolo promuove l’autentica, profonda, inconfondibile cultura del pub anglosassone.

Highlander di tutta la Marca, unitevi!

Inconfondibile, si diceva. Eh sì, perché appena varcata la soglia dell'Inverness, ti accoglie subito un ambiente incredibilmente caldo e soffuso, vero e sincero, dove il minuzioso interior design è sorretto da pregiati oggetti d'arredamento scozzese: dal lungo bancone che abbraccia i due lati delle sale ai tavolini, dalle panche con schienale in pelle alle librerie in legno. Appesi a parete, suppellettili provenienti dai quattri angoli della Scozia come cornamuse, scudi e spade di guerrieri “Gallowglass”, foto e sciarpe delle squadre di calcio (in perfetto stile pub anglosassone, of course) e iscrizioni di motti tradizionali delle highland, alternati a collezioni di whisky storici e rarissimi. Spettacolare, in fondo al locale, la zona salotto, con tanto di caminetto, moquette e poltrona in cuoio vintage capitonnè: sorseggiare un torbato in quest’angolo dell’Inverness, discorrendo di politica con vecchi amici, è un’esperienza che va vissuta, più che raccontata.

Home specialties: carne british, piastra e...

Ogni anno, ogni stagione anzi, dalla cucina s'inventano qualche nuova diavoleria che sistematicamente riscuote un successo immediato. Ma la forza dell'Inverness è soprattutto la continuità gastronomica, che migliora a piccoli passi senza mai azzardare rivoluzioni: tu entri in questo pub scottish e sai già i sapori e i profumi che ti aspettano. Sei a Edinburgo, cioè a casa tua: il menù, dunque, abbraccia soprattutto la filosofia britannica, incentrando le sue specialiità su tagli di carne davvero pregiati. Il black angus scozzese è tra i migliori al mondo senza discussioni, e all'Inverness il buon Tony fu forse il primo a proporlo. E allora ecco filetto e tagliata di manzo con patate al forno, costate, bistecche di roast-beef, braciole e stinco di maiale, hamburger da leccarsi i baffi e chi più ne ha più ne metta. Oltre ai piaceri della carne, non mancano poi i grandi classici immancabili in un pub d’alto livello: toast farciti, sandwich e panini alla piastra, bruschette con pane toscano, insalatone varie ed eventuali, appetizer fritti o non fritti...
Detto questo, la cucina, ripetiamo, non disdegna affatto un occhio di riguardo a mode e sapori prettamente nostrani (favolosa la tartare di manzo della premiata macelleria Damini), offrendo una proposta completa e flessibile: tutti i piatti sono espressi, si può attendere qualche minuto in più del solito ma ne vale davvero la pena. Il locale è sempre pieno e questo non è affatto un caso.
Altro punto a favore, infine, i golosi e simpatici menù per bambini.

Cask ale, cherry, porto, whisky e tanto altro

Come nei sobborghi di Edinburgo o della stessa città di Inverness, nel pub scozzese più storico del Veneto è ovviamente la birra ad assumere il ruolo di protagonista assoluta: gli appassionati di malto e luppolo trovano a Mareno il loro personalissimo "centro culturale", con 14 pregiate referenze alla spina inglesi, irlandesi, belghe, tedesche e australiane, fra cui antichissime Ale ad alta fermentazione, dagli aromi inconfondibili. Ma aldilà dell’importante scelta, ciò che fa davvero la differenza è la spillatura a pompa (ben 3 vie sono riservate alla “Cask Ale”), che evitando le usuali aggiunte di anidride carbonica riesce a valorizzare appieno il gusto originale della birra: una chicca per intenditori, uno dei tanti piccoli dettagli che fanno la differenza. Come anche la lussuosa selezione di cherry, porto, rhum e whisky, nella cui degustazione saprà accompagnarti Tony: l’attento ed esperto oste che, da ormai un quarto di secolo, fa dell’Inverness "Il" Pub. Quello con la “P” maiuscola.

Last but not least: The Corner Club

E' il fiore all'occhiello dell’Inverness: è “The Corner”, una deliziosa, suggestiva dependance del locale dedicata alla musica live, con ingresso indipendente e arredamento profondamente a tema. La programmazione vanta ogni stagioni nomi di tutto rispetto nel panorama internazionale rock, blues, soul e naturalmente jazz. Un piano bar in rigoroso stile anglo-americano: palco, tavolini, sgabelli al bancone, affreschi caratteristici alle pareti. Inoltre, quest'ampia sala è dedicata alle serate di sport proiettate su mega schermo, e volendo è riservabile per feste private. Durante la bella stagione, poi, di fronte al Corner prende vita l'ampia terrazza estiva dell’Inverness, che ospita ogni sabato un concerto d’accompagnamento alla cena.

 

  • RECENSIONE
IN QUESTO ARTICOLO
×